BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Io non mi sento italiano Paolo Dal Bon racconta l’amico Gaber

Profeti in patria. Sabato 3 maggio al Polaresco incontro con Paolo Dal Bon collaboratore e amico, oltre che presidente della fondazione, di Giorgio Gaber. Organizza Caposaldo.

Più informazioni su

Sabato 3 maggio alle 15 al teatro dell’auditorium dello Spazio Polaresco prosegue la triologia di Profeti in Patria con il secondo incontro dedicato a Giorgio Gaber.

L’incontro dal titolo “Io non mi sento italiano – Parole e musica di Giorgio Gaber” organizzata da Caposaldo Associazioni Unite si terrà a partire dalle 15 nel teatro auditorium, in via del Polaresco, 15 ad ingresso libero.

Profeti in Patria è un’iniziativa dedicata alla presentazione di artisti schieratisi contro il sistema e la ‘modernità’, e per questo spesso incompresi, messi ai margini o strumentalmente rivisitati solo negli aspetti meno “scomodi” della loro espressione artistica.

Dopo l’incontro sul regista Pasolini, sarà ora il cantautore milanese ad essere riscoperto grazie alla presentazione di Paolo Dal Bon, presidente della Fondazione Giorgio Gaber.

Saranno proiettati spezzoni di video e canzoni: un primo spunto per riscoprire la vera essenza della critica del cantautore alla modernità decadente, borghese e materialista. 
Evento di chiusura, sabato 7 giugno, sempre al Polaresco alle ore 15 con l’autore teatrale Massimo Fini e il filosofo Diego Fusaro.

Paolo Dal Bon, classe 1957, ha collaborato con Giorgio Gaber dal 1984 come responsabile organizzativo e amministrativo della sua attività artistica e professionale. Dal 2003, per volontà degli eredi, svolge la funzione di Presidente della Fondazione Giorgio Gaber coordinando varie iniziative inerenti l’archivio delle opere, le attività editoriali, gli eventi e le produzioni teatrali.

Caposaldo Associazioni Unite non costituisce una fusione o federazione di movimenti. Si tratta invece di un coordinamento tra una decina di associazioni prevalentemente bergamasche ma anche bresciane e milanesi, i cui interessi spaziano dall’economia alla politica, dalla spiritualità all’ecologia. Ciò che unisce queste associazioni portandole a sempre più numerose iniziative unitarie è lo scopo che hanno tutte in comune indipendentemente dalle proprie specificità: l’opposizione al Nuovo Ordine Mondiale.

La sede ufficiale di Caposaldo è a Grassobbio, in via Michelangelo da Caravaggio 7.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.