BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Dal Consorzio di bonifica rincari assurdi sulle tasse per le spese di spedizione”

Un nostro lettore ci ha scritto per segnalarci alcuni problemi legati al pagamento della tassa del Consorzio di bonifica della media pianura bergamasca, con rincari ritenuti troppo elevati, dovuti alle spese di spedizione o alle commissioni di pagamento

Un nostro lettore ci ha scritto per segnalarci alcuni problemi legati al pagamento della tassa del Consorzio di bonifica della media pianura bergamasca, con rincari ritenuti troppo elevati dovuti alle spese di spedizione o alle commissioni di pagamento. 

 

"Buongiorno, abbiamo ricevuto oggi l’avviso di pagamento del Consorzio di bonifica della media pianura bergamasca, per un importo di 25 euro.

Alcune osservazioni.

In primo luogo: la somma risulta da 24 euro per il contributo alla bonifica e 1 euro per «stampa e spedizione». Altri fornitori di servizi (elettricità, gas, telefono) contrattano con le poste invii massicci a prezzi assai più bassi. Poi: se devo pagare carta e inchiostro, perché in tanti anni il Consorzio non ci ha mai dato un’alternativa, inviando gli avvisi per e-mail? Riceviamo e gestiamo per posta elettronica svariate altre bollette.

Ancora: fino all’anno scorso l’importo dovuto al Consorzio di bonifica poteva essere pagato in posta (con commissione di 1,30 euro) o a Equitalia (senza commissione). Ora, Equitalia ha uno sportello a Treviglio, aperto al pubblico da lunedì a venerdì dalle 8,15 alle 13,15: in totale 25 ore la settimana. Da quest’anno invece il Consorzio va pagato in posta (con commissione di 1,30 euro) o a uno dei propri sportelli.

C’è uno sportello consortile anche a Treviglio, che servirà almeno i comuni del comprensorio delle rogge trevigliesi: Brignano, Canonica, Caravaggio, Castel Rozzone, Fara, Pagazzano, Pontirolo e Treviglio. Abitanti totali: 73004. Ettari irrigui totali: 4700. Apertura dello sportello: il lunedì dalle 9 alle 13. Quattro (4) ore la settimana, in pieno tempo lavorativo, per otto settimane l’anno.

C’è un altro modo per pagare? Sì. Occorre registrarsi su www.youpayonline.it del Banco Popolare; la procedura costa 2 euro per importi fino a 100€ – nel nostro caso, una commissione dell’8,3%. Da sottolineare che per il pagamento elettronico è il contribuente a fornire connessione di rete, dati e tempo, mentre la banca risparmia tempo, salario e spese di uno sportello; per questo risparmio, chiede ai contribuenti 2 euro.

Pare si possa pagare anche su www.listicket.com, ma il sito non riporta nessun consorzio di bonifica fra gli enti convenzionati per la voce "tributi".

Commenti? Io non ne ho.

Narno Pinotti"

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto

    E’ veramene ASSURDO che si debba pagare per PAGARE!!!!!!!! Inoltre è ancor più grave la “cresta” di 1euro per “la stampa e la spedizione”. Questo è sempre stato un ente inutile che tutela posti di persone che rubano soldi ai cittadini preservando i falliti della politica. Forse in questa società NON sanno che nel 2014 e anche prima, basterebbe dare un numero che si chiama IBAN per fare inferocire di meno lo “schiavo” cittadino. Per fortuna che vogliono semplificare la burocrazia!

  2. Scritto da Fabio Selvatico

    Questo nefandezza è istituita dal tempo del fascio. Ci sono stati ricorsi a centinaia, tutti falliti. Sopravvive perché viviamo in un regime: siamo sudditi meschini che devono inoltre alimentare i predoni che riscuotono con la loro “mezza”. Sono umiliato ogni volta che mi compare davanti il bollettino e sbatterei tutti nei fossi manutenuti con questa gabella, tanto per vederli utilizzati una buona volta per una causa valida: portare a valle carogne di ladri.

  3. Scritto da Bertoldo

    Un codice IBAN per effettuare un bonifico sarebbe troppo “avanti”? Molte banche, come la mia, offrono bonifici online gratuiti, ma il risparmio è niente a confronto del fatto di evitare file ed intasamenti. Ma se non si impara a ragionare dalla parte dell’utente…

    1. Scritto da Teo

      il codice IBAN è OBBLIGATORIO per legge in questi casi! Ente inutile e indampiente, da class action!

      http://www.funzionepubblica.gov.it/lazione-del-ministro/le-proposte-dei-cittadini-diventano-legge/pagamenti-alle-pa-tramite-iban.aspx

  4. Scritto da ale

    condivido le osservazioni di narno e aggiungo:
    – lo scorso anno le spese di spedizione erano già conteggiate nella voce “oneri di riscossione”
    – questa tassa è regionale, una mini imu attivata ai tempi dalla 1^ Giunta Formigoni (pdl + lega) e purtroppo non tutti la pagano a causa di problematiche legate al catasto
    – a livello regionale, oltre all’addizionale irpef ecco la mini imu, un ulteriore balzello che la regione fa pagare ai possessori di immobili.

  5. Scritto da Non col vento

    Se Kennedy de noantri sarà furbo farà parlare di abolizione a Renzie nella sua prossima visita. E la destra dovrà tacere, date le esperienze recenti. :) contateci!

  6. Scritto da Non col vento

    Chissà se Renzie c’è ne libererà? Quando ne sostenni l’abolizione uno di quei boiardi che cenano da Vittorio con moglie a spese del contribuentei riempì di contumelie

  7. Scritto da Osservatore bergamasco

    Giustissima e pertinente puntualizzazione quella sollevata da Narno.
    Perché non si rende possibile il pagamento tramite bonifico bancario con home banking?

    1. Scritto da Narno Pinotti

      In verità questo è possibile chiedere l’addebito continuativo sul conto corrente, e così farò. Ma occorre spedire (o portare) un modulo firmato alla sede del consorzio a Bergamo; non basta, come per altri servizi, andare alla propria banca e dare là l’incarico di domiciliazione. Inoltre l’addebito sul conto varrà solo dal 2015; per il 2014 i modi di pagamento sono quelli detti.

      1. Scritto da Osservatore bergamasco

        Dunque, sempre e comunque con altre spese accessorie. Tanto per complicarci la vita… Facendo un bonifico bancario via web, invece, nella stragrande maggioranza dei casi non ci sono commissioni di intermediazione. Proviamo a domandarci perché non hanno pensato a questa eventualità (a costo zero per gli utenti) privilegiando le altre a pagamento. Chissà…?

  8. Scritto da MAURIZIO

    E’ colpa anche del partito di Renzi se esistono Consorzi per tutti i gusti e per tutti i capitoli di spesa. Se Renzi fosse onesto non farebbe politica nel Pd o in un qualsiasi altro partito. D’altronde, Renzi ha usato una pseudo legge redatta dal bel sistema a cui appartiene in base alla quale i suoi privati contributi previdenziali da dirigente nell’azienda di papà possono essere pagati dallo Stato. Un vero schifo. Fate voi…

    1. Scritto da Meteo

      Piove , se fossi in te lo segnerei sul libricino come colpa di Renzi. Mi raccomando.

    2. Scritto da Mau Mau

      Maledizione, oggi mi è caduto un martello sull’alluce, mi sa che è colpa del partito di Renzi .

      1. Scritto da MAURIZIO

        Fossero queste le vostre colpe non ricevereste quotidianamente una così grande massa di sputi in faccia.

    3. Scritto da Luciano Avogadri

      Renzi sembra, dopo tantissimi anni, finamente impegnato a liberarci da questi balzelli. Lei sembra uno dei tanti che invece campano succhiando il sangue agli altri. E quindi e’ giustamente preoccupato, e impegnato a diffondere fumo per ripararsi meglio.

  9. Scritto da c

    Io ho deciso quest’anno di non pagare la tassa del consorzio, perché non lo ritengo giusto, la cifra è irrisoria si tratta di 11 euro.
    Di sicuro non pagando non possono interrompermi il servizio come l’acqua o il gas perché in questo caso il servizio non c’è di conseguenza saranno costretti ad inviarmi la stessa cifra rincarata di una percentuale , dopo 5 anni andrà tutto in prescrizione e io non pagherò più.

  10. Scritto da bic

    Forza Renzi, aboliscilo!

  11. Scritto da Gino

    Ma quando lo aboliscono ?

  12. Scritto da Dax

    Speriamo che Renzi tagli questo ente!!

  13. Scritto da il polemico

    qualche anno fa,il presidente del consorzio,ad una precisa domanda su cosa facesse poi realmente sto consorzio ai cittadini che lo pagano e se era giusto mantenerlo in vita,disse esplicitamente:c’è una sentenza del giudice che dice che bisogna pagare,senza entrare nel merito del loro lavoro svolto,…….i politici che vogliono essere eletti,piuttosto che perdere tempo con le banane,le panche o le moschee,dovrebbero battersi per far togliere questi inutili costi alla società

    1. Scritto da Tone

      Facile sparare sui politici in generale. Più difficile scrivere che Moro era del pdl e che il pd invece si sta battendo per abolire consorzi di bonifica o altri enti inutili come le camere di commercio. Non sono tutti uguali, studia.

      1. Scritto da La verità fa male

        Il PD è corresponsabile dello sfascio italiano e uguale agli altri. Da 20 anni amministra Comuni, Regioni, Enti; da tre anni vota le leggi dei governi Monti, Letta, Renzi; da 20 anni non si è mai tirato indietro una sola volta quando si spartivano e si lottizzavano le nomine in RAI, negli Enti pubblici e nei carrozzoni statali e parastatali; i segretari sindacali (corresponsabili a loro volta dello sfascio) una volta finito il loro mandato emigrano sempre in politica, quasi sempre nel PD

        1. Scritto da rachele

          “il pd è corresponsabile dello sfascio italiano e uguale agli altri……”si è proprio vero è uguale al pdl e sopratutto la lega nord che da vent anni sta a roma e non ha abolito uno che sia uno di enti inutili.ricordalo bene questo senno i legaili passano sempre per quelli diversi quando invece sono peggio degli altri

        2. Scritto da Tone

          Sta di fatto che ora il pd è l’unico partito che va verso i veri cambiamenti. Altri fanno bla bla.

          1. Scritto da La verità fa male

            I “veri cambiamenti” di cui parla il PD sono per ora solo propaganda e bla bla bla. Vuole un esempio? Renzi faccia un decreto con cui stabilisce che entro 60-90 giorni questi “consorzi” devono essere messi in liquidazione e con essi congedati dirigenti e funzionari. Invece niente, preferiscono dire a parole “li aboliremo” e poi nei fatti, oltre a lasciarli in vita, alle prossime nomine conta partecipare alla spartizione delle poltrone

          2. Scritto da aris

            Scusa, ma quelli che c’ erano prima di Renzi, PDL + Lega con maggioranza assoluta, cosa hanno fatto? Dormivano? O facevano feste eleganti,salvano le nipoti di Mubarak, nascondevano gli yacht in Tunisia, vacanze con Daccò gratis, si trastullavano in Tanzania, si regalavano case ad insaputa, magari? Vediamo cosa fa Renzi, poi sparleremo anche di lui, se è il caso

      2. Scritto da il polemico

        tra battersi e vincere c’è ancora molta strada,prima di moro cera un’altro e prima ancora un’altro….c’è un motivo del perchè ci si ferma solo agli aultimi 5 anni se il consorzio esiste da decenni?comunque l’importante è toglierla,poi chi ci riesce sarà stato bravo

      3. Scritto da Alex

        Il PD è corresponsabile dell’Italia che abbiamo oggi. Non s’è mai tirato indietro una volta su vantaggi e privilegi alla casta, salvo operazioni di facciata tipo andare in bici o rinunciare all’auto blu (sì, adesso che non c’è più trippa per gatti….). Napolitano “scopre” che il primo maggio 2014 è al massimo storico di disoccupati: dove ha vissuto fino ad oggi? Non era nei piani alti a manovrare, mentre finivamo sugli scogli? Effettivamente è conterraneo di Schettino…

        1. Scritto da Ossignur !

          Sui piani alti a manovrare c’era il tuo idolo berlusconi con la lega che dopo anni di governo alla fine 2011 hanno servito il boccone avvelenato di una nazione allo sfacelo e sull’orlo del fallimento. P.s. visto che hai dei vuoti di memoria ti ricordo che il consorzio è nella sfera d’influenza della regione e che in regione ci sono da 20 anni i tuoi amici , così , tanto per gradire. La storia si può a volte cambiare, ma bisogna almeno aspettare che i contemporanei siano morti tutti …..

        2. Scritto da Luciano Avogadri

          Conterraneo di Schettino, come Lei.