BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“All’incontro contro la ‘ndrangheta mancava Brivio, coinvolto nell’inchiesta Metastasi”

Pubblichiamo il comunicato di Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord a Palafrizzoni, in merito all'incontro organizzato dal Partito democratico sulla lotta alle infiltrazioni mafiose in Lombardia.

Più informazioni su

Pubblichiamo il comunicato di Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord a Palafrizzoni, in merito all’incontro organizzato dal Partito democratico sulla lota alle infiltrazioni mafiose in Lombardia.

"Il Pd ha tenuto un incontro pubblico sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Lombardia nel circolo Minardi di Borgo Santa Caterina. Siamo molto dispiaciuti perché – leggendo il programma – notiamo un’assenza importante: quella del sindaco di Lecco Virginio Brivio, il cui nome è spuntato in un’inchiesta recentissima sui clan calabresi e battezzata Metastasi. L’inchiesta ha portato all’arresto di una decina di persone tra cui un consigliere comunale di Lecco eletto col Pd e accusato di associazione mafiosa. Stando ad alcune ricostruzioni apparse sulla stampa, il gip avrebbe scritto: Appare allarmante anche se allo stato privo di rilievo penale il comportamento del sindaco di Lecco Virginio Brivio che senza avere dirette competenze istituzionali e ben consapevole dei collegamenti mafiosi prospettati a carico dei privati coinvolti (…) cerca di raggiungere con la sua mediazione un compromesso economico tra i primi e il comune di Valmadrera. Ci piacerebbe sapere se il Pd ha provato a invitare Brivio all’incontro di stasera. Non chiediamo del primo cittadino di Valmadrera, anch’egli eletto con una lista civica di centrosinistra, perché è stato arrestato con l’accusa di corruzione e turbativa d’asta e che per questo ha deciso di dimettersi meno di un mese fa. Ovviamente siamo garantisti e speriamo nell’innocenza di tutte le persone coinvolte, ma forse Brivio avrebbe qualcosa di interessante da dire".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Miki

    Per anni significa UN anno e mezzo. DI uno che prima non stava al quarto raggio di Opera ma faceva il vicepresidente in un’aziendina di stato: forse il beneficio del “poteva non sapere” per chi l’ha fatto entrare ci sta.

  2. Scritto da Sten

    Cari politici (e vale per tutti dx e sx) non guardate la famosa pagliuzza nell’occhio degli altri ma attenti alla trave nel vostro … È parlate di meno è fate più fatti

  3. Scritto da toccistess

    che coraggio quelli della lega… hanno avuto per anni un tesoriere contingua ai calabresi… la ndrangheta negli ultimi 20 anni con la lega in regione ed in tante amministrazioni comunali, provinciali ed elettorali ha decuplicato il suo giro d’affari affermandosi ormai con la prima organizzazione criminale in italia… non difendo quelli del PD (e men che meno quelli del PDL) ma sotto questo aspetto i leghisti dovrebbero star zitti visto quello che disse Maroni: “La mafia a milano non esiste!”