BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alla Fiera dei Librai ultimo weekend con l’attore Giulio Scarpati

L'attore Giulio Scarpati presenta “Ti ricordi la casa rossa? Lettera a mia madre” e tutti gli altri appuntamenti con gli autori nell’ultimo week end della 55° Fiera dei Librai.

Più informazioni su

Ultimo weekend e ultimi incontri con gli scrittori alla Fiera dei Librai sul Sentierone. 

Domenica 4 maggio alle 16 allo Spazio Incontri della 55° Fiera dei Librai, Giulio Scarpati presenta “Ti ricordi la casa rossa? Lettera a mia madre”, Mondadori. Dialoga con l’autore, Max Pavan.

La presentazione è a cura di Li.Ber – Associazione Librai Bergamaschi.

Un libro incredibile e struggente, questo di Giulio Scarpati, al suo esordio letterario. Già noto al grande pubblico per il bellissimo film Il giudice ragazzino (Premio “L’angelo azzurro” al Festival di Berlino e Premio David di Donatello) e per le serie televisive Un medico in famiglia e Cuore, apprezzato attore teatrale, Giulio Scarpati percorre nel libro un viaggio dentro la memoria, quella della sua famiglia.

Mentre la madre, affetta dal morbo di Alzheimer, perde inesorabilmente la memoria, il figlio Giulio non fa che ricordare, anzi impara a ricordare. Il racconto della Casa Rossa e questo viaggio teso nella ricerca di un appuntamento, la rinnovata speranza di incontrarsi con la madre in qualche fortunato luogo dell’anima. Come la Casa Rossa, nel Cilento, dove si trovano le radici e le memorie, assieme autentiche e mitiche, della famiglia Scarpati. Risalendo di ricordo in ricordo, l’autore “riracconta” alla madre la storia della sua famiglia: ripercorre tutte le tappe del consueto viaggio a Licosa, per anni loro meta estiva e luogo a lei particolarmente caro, fa il ritratto nitido della persona vitale che era prima di ammalarsi, percorre ogni possibile strada per farla reagire e restituirle i ricordi delle cose, dei nomi, di una vita intera.

GLI INCONTRI CON L’AUTORE SABATO 3 MAGGIO

Ore 11:00 PRESENTAZIONE DELLE GUIDE DEI MUSEI DELLA DIOCESI DI BERGAMO Presentazione della nuova collana delle guide dei musei aderenti al sistema “Rete dei Musei della Diocesi di Bergamo”. Realizzate attraverso una campagna fotografica di grande qualità, corredate di testi e descrizioni fornite dalle direzioni dei singoli musei, queste guide illustrano al visitatore i capolavori presenti nelle collezioni ecclesiastiche dei musei bergamaschi. Grazie alla collaborazione con una casa editrice specializzata come “Silvana Editoriale” i musei Diocesano (museo Adriano Bernareggi), di Gandino (museo della Basilica) di Romano di Lombardia (MACS museo d’Arte e Cultura Sacra), di Rossino di Calolziocorte (museo don Carlo Villa) e di Vertova (Museo Santa Maria Assunta) dispongono oggi di agevoli strumenti illustrativi destinati sia ai visitatori che agli intenditori.

La raccolta è poi suggellata dalla nuova edizione della Guida del Sistema Museale che raccoglie tutte le realtà museali tra cui anche il Museo e Tesoro della Cattedrale (di recentissima costituzione) e il Museo San Martino di Alzano Lombardo celebre per le Sacrestie Fantoniane. Una copia della guida del Sistema Museale sarà omaggiata a tutti i presenti. L’intera collana sarà disponibile per l’acquisto con un prezzo d’occasione. L’intero progetto e stato possibile grazie alla collaborazione tra Fondazione Adriano Bernareggi, i singoli musei e il contributo di Regione Lombardia. Per info: retemuseibergamo@fondazionebernareggi.it

Ore 14  CACCIA AL LIBRO 2014 – Per chi ama i libri, un grande gioco a squadre alla scoperta della città. In palio (ricchi) premi da leggere! iscrizioni: scarica il modulo dal sito www.giovani.bg.it e consegnalo allo Spazio Polaresco o allo stand del Comune di Bergamo presso la Fiera del Librai o invialo all’indirizzo spaziopolaresco@comune.bg.it entro le 20 di venerdì 2 maggio.

Ore 15:30 NON MI HANNO VOLUTA! Le apparizioni di Ghiaie di Bonate di Alberto Lombardoni (Segno 2012) Il primo studio storicamente documentato sul controverso caso delle apparizioni di Ghiaie di Bonate. (Prefazione di Paolo Brosio). intervengono Alberto Lombardoni autore, Giuseppe Purcaro giornalista.

Ore 17 PANTANI ERA UN DIO di Marco Pastonesi (66thand2nd 2014) In Pantani era un dio la vita dell’ultimo, grande interprete del ciclismo italiano è raccontata attraverso tutto ciò che, nel bene e nel male, ha contribuito a forgiarne il mito. La Romagna delle piadine e di Tonino Guerra, della Cesenatico dove tutto è iniziato e della Rimini dove tutto è finito; le sue montagne predilette, il Carpegna, il Mortirolo, il Galibier, il Ventoux; gli antenati di quella specie protetta che sono tutti gli scalatori, anche quelli, come Pantani, venuti dal mare; e le voci, le tante voci, quasi un coro greco, degli amici che non l’hanno mai abbandonato, dei dirigenti sportivi che l’hanno visto crescere e vincere, dei meccanici tormentati dalle sue manie da perfezionista, e dei suoi gregari. Gli ultimi, li chiama Marco Pastonesi, quelli che non ne hanno mai vinta una ma che per il loro capitano – e Marco Pantani era, prima di tutto, un capitano – sarebbero capaci di qualsiasi sacrificio. Qui non c’è giudizio né verdetto, scrive l’autore. Qui ci sono soltanto ≪cento cantastorie che raccontano le gesta di un guerriero, di un bandito, di un pirata≫. intervengono Marco Pastonesi autore, Fabrizio Gatti giornalista e scrittore, a cura di Associazione Pedalopolis

Ore 18:30 GAS.FRITZ HABER, INVENTORE DELLO ZYKLON B di Tiziano Colombi (Mimesis 2014) “La giovane falce lunare diffondeva ormai una vivida luce argentea, e scivolava nella notte fedelmente accompagnata dalla stella più lucente del cielo. Lo scienziato, meditabondo, rientrò in albergo, salutò il portiere di notte e lo pregò di svegliarlo all’alba. Aveva appuntamento con Hermann che lo avrebbe accompagnato all’aeroporto per salire a bordo di un aereo diretto a Tel Aviv. Fritz Haber entrò in camera, si guardò attorno e cominciò a preparare la valigia. Esausto, si avvicinò al letto e afferrò il samovar che ronzava. Il bicchiere colmo di té bollente cadde dalle mani di Haber. Poi il silenzio. Milioni di allodole gorgheggiarono, sotto il cielo. Un lampo di luce colpì la finestra, incontrò il lucido samovar di latta e lo accese a farne uno specchio curvo.” Prefazione di Telmo Pievani È vivo il dibattito sulla figura del chimico ebreo Fritz Haber. Alcuni lo accusano di essere l’inventore delle Armi chimiche (Ypres, 1915), ancora oggi d’attualità in Siria, e dello Zyklon B, utilizzato dai Nazisti nelle camere a gas; altri lo giustificano perché, grazie alla scoperta della fissione dell’azoto, valsa il Premio Nobel per la Chimica nel 1920, le rese agricole del Pianeta sono aumentate di mille volte, consentendo a quasi un miliardo di persone di accedere al cibo. Una vita romanzata che si legge come un thriller con finale aperto, in prossimità del Centenario della Prima guerra mondiale.

Intervengono Tiziano Colombi autore, Telmo Pievani docente di Filosofia delle Scienze Biologiche Dipartimento di Biologia Università di Padova, a cura di Li.Ber – Associazione Librai Bergamaschi

GLI INCONTRI CON L’AUTORE DI DOMENICA 4 MAGGIO

Ore 11 CHARLOTTE DELBO: UNA VOCE DEL NOVECENTO Presentazione della collana interamente dedicata (Il filo di Arianna editore) L’Istituto per la storia della Resistenza e dell’Età contemporanea di Bergamo e la casa editrice Il filo di Arianna presentano al pubblico, nella omonima collana, la prima traduzione dell’opera di Charlotte Delbo, francese figlia dell’immigrazione italiana, resistente e deportata a Auschwitz-Birkenau e a Ravensbruck.

Charlotte Delbo è una voce del Novecento ancora tutta da scoprire. Dai suoi maestri, Henri Lefebvre e Louis Jouvet, ha imparato il rigore del pensiero e la fermezza della parola. La sua memoria di ex-deportata è radice di vigilanza sul presente; la sua arma di testimone è la poesia; i suoi scritti sono stati consigli di lettura di Primo Levi.

Nell’estate del 2013, anno in cui la Francia celebrava il centenario della nascita di Delbo, Il filo di Arianna lanciava la collana Charlotte Delbo, aderendo al progetto promosso dall’Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea per far conoscere nel nostro paese questa scrittrice. La collana oggi ha all’attivo due traduzioni, Spettri, miei compagni (2013) e Kalavryta della mille Antigoni (2014) e il catalogo bilingue della mostra Charlotte Delbo. Une mémoire à mille voix a cura di Elisabetta Ruffini, che dal 2010, dopo un dottorato in Francia sulla letteratura concentrazionaria, dirige l’Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea ed è membro del consiglio direttivo dell’associazione Les Amis de Charlotte Delbo. Interviene Elisabetta Ruffini curatrice della collana e del progetto “Charlotte Delbo. Una memoria mille voci” e direttrice dell’ISREC di Bergamo – Istituto per la storia della Resistenza e dell’Età contemporanea a cura de Il Filo di Arianna e ISREC di Bergamo – Istituto per la storia della Resistenza e dell’Età contemporanea

Ore 15 SALE di Emanuela Serughetti (Sardini Editore 2013) 31 ottobre 418 a.C., festa di Samonios. A Harnek, villaggio celtico situato sulle sponde del lago Sebinus, nella Gallia cisalpina, giunge una lenta carovana di genti partite mesi prima da Hallstatt, nel cuore del Salzkammergut, in alta Austria. Portano sale. Accanto alla Grande Porta di accesso al villaggio, ad accogliere i nuovi arrivati c’è Còmargos. Per lui, giovane e fiero guerriero, quella notte si spalancherà la porta del tempo, che condurrà la sua anima attraverso un incalzante e vorticoso susseguirsi di colpi di scena fino ai giorni nostri…

Intervengono Emanuela Serughetti autrice, Davide Sardini editore

Ore 17:30 ASPETTANDO “UN GRANDE CLASSICO” Letture da Furore di John Steinbeck e La vita agra di Luciano Bianciardi. I classici come non li avete mai letti: “Un grande classico”, in programma dal 2 maggio al 6 giugno, un percorso alla scoperta – o riscoperta – dei grandi romanzi della letteratura mondiale. Soprattutto per i giovani lettori, ma non solo. letture a cura di Teatro Caverna L’ISOLA CHE NON C’è.

Lo spazio dei bambini Sabato 3 maggio

Ore 10 e 14:30 NON STAMPIAMO LIBRI MA ROBOT! Dalla stampa 3D, ai robot LEGO, agli strumenti musicali targati “Arduino”: gli studenti dell’ITIS Paleocapa vi invitano a scoprire e a giocare con i progetti che hanno realizzato. A cura dell’ITIS Paleocapa di Bergamo

Ore 15:30 GIOCHERÌE E MAGICOMÌE NEL LIBRO CON PIETROCLOWN Spettacolo di magia e giocoleria per tutti i bambini. L’ISOLA CHE NON C’è.

Lo spazio dei bambinDomenica 4 maggio

Ore 15 SMARTBOOK Il tuo papà o la tua mamma sta sempre attaccata allo smartphone? Quando scrivi usi il tablet? Conosci di più il telecomando o i pennarelli? Dacci un taglio! Nel laboratorio della GAMeC, tenuto da Alessandra Beltrami, potrai costruirti uno smartbook, da conservare gelosamente o da regalare a chi ti sta vicino, per raccontare i tuoi sogni, inventare i tuoi giochi, custodire i tuoi pensieri segreti. Occupa lo stesso spazio di uno smartphone, ma è molto più bello: puoi mandare tutti i messaggi che vuoi, scrivere senza limiti, espanderlo all’infinito, quando cade non si rompe e, soprattutto, per ricaricarlo basta la fantasia! laboratorio dai 4 agli 11 anni a cura dei Servizi Educativi di GAMeC

Casa LAGO Sabato 3 maggio ore 16 CORSO DI CUCINA By Ristoro Pugliese Posti limitati. Prenotazione obbligatoria sul sito www.mobilificiomarchetti.it

La Fiera resterà aperta tutti i giorni fino al 3 maggio dalle 9 alle 23, domenica 4 maggio dalle 9 alle 20. Il programma potrà subire variazioni: calendario aggiornato disponibile online sulla pagina Facebook – Fiera dei Librai e sul sito www.confesercenti.bergamo.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.