BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Simoncini: Sel con Gori accetta compromessi sì ma rafforza la sinistra

Carlo Simoncini, candidato nella lista di Sinistra e Libertà alle amministrative di Bergamo, prova a spiegare, ai lettori di Bergamonews che nei commenti criticano da sinistra la posizione di Sel preferendo la scelta di Rocco Gargano, perché Sel ha deciso di sostenere Giorgio Gori nella corsa a sindaco per la città.

Carlo Simoncini, candidato nella lista di Sinistra e Libertà alle amministrative di Bergamo, prova a spiegare, ai lettori di Bergamonews che nei commenti criticano da sinistra la posizione di Sel preferendo la scelta di Rocco Gargano, perché Sel ha deciso di sostenere Giorgio Gori nella corsa a sindaco per la città.   

 

Gentile direttrice,

mi sento di esprimere alcune considerazioni sulla polemica che sta montando sul tuo giornale a proposito della decisione di Sel di sostenere la candidatura di Giorgio Gori.

Premetto che non c’è motivo di polemizzare con il giornale che ha colto un aspetto e giustamente ne ha dato notizia.

Vorrei invece rivolgermi ai tanti lettori che hanno commentato negativamente, con toni sarcastici e sprezzanti, il comunicato di Sel, chiedendosi dove stia il coraggio nella scelta di schierarsi con Gori.

Effettivamente il coraggio non c’entra nulla.

Ma il motivo per sostenere la candidatura di Gori c’è eccome.

E deriva dal fatto che Sel ha scelto di schierarsi con la coalizione di centrosinistra. Per rinforzarla.

Perché più la coalizione è ampia e maggiori sono le possibilità di battere la destra. Più è divisa e meno sono. C’è bisogno di dirlo?

Si devono accettare dei compromessi, delle mediazioni? E’ ovvio.

Ma questo appartiene al patrimonio politico della sinistra italiana. Enrico Berlinguer scriveva su Rinascita nel 1973, dopo il colpo di stato in Cile, che ci sono fasi in cui la sinistra può essere costretta a fare un passo indietro per farne poi due in avanti.

Qualcuno ricorda ancora il concetto gramsciano di guerra di posizione e guerra di movimento? Ma secondo molti commentatori tra Gori e Tentorio non c’è differenza. Quindi, tanto vale…

Ma, a parte il fatto che questo non è vero, il sindaco non è un uomo solo al comando. E’ circondato da una giunta, da una maggioranza, c’è un programma.

Va bene, i programmi sono spesso libri dei sogni.

Ma davvero una giunta e una maggioranza Pd-Sel sarebbe uguale a una giunta forzaleghista, con una formazione politica da bar dello sport (a parte il sindaco, che di una formazione politica solida è notoriamente fornito)?

Questi sono i motivi per cui Sel ha scelto di schierarsi con la coalizione di centrosinistra. Dopo avere partecipato alle primarie e dopo la vittoria di Gori, il sostegno al medesimo è del tutto conseguente.

E Gori, piaccia o non piaccia, è oggi l’unico candidato che possa battere la destra.

Rocco Gargano può puntare ad un seggio in consiglio comunale e gli auguro di ottenerlo.

Ma, conoscendolo, sono sicuro che poi, al ballottaggio (confidando che ci si arrivi), sosterrà anche lui Gori.

Direi proprio che si dovrebbe evitare una guerra a sinistra e Rocco è persona troppo ragionevole per non concordare. O no?

Non vedo infine quale contraddizione vi sia nel sostenere la lista Tsipras alle elezioni europee.

Una formazione politica adegua le sue scelte alle condizioni date in un determinato momento. Anche questo fa parte della tradizione storica della sinistra. E se a Bergamo le condizioni sono quelle sopra descritte, a livello europeo la lista Tsipras può rappresentare una nuova speranza, che merita di essere raccolta.

Carlo Simoncini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano Magnone

    Elezioni Bergamo ’48 DC 63.4% Fronte Popolare 14.2%
    Elezioni Bergamo ‘ 76 DC 52.9% PCI 16.5%
    Elezioni Regionali Bergamo ’13 PD 28.6% PDL+Lega 23%

    Solo ora la sinistra-centro comincia a contare in città e c’è ancora qualcuno che discute cosa e chi sia di destra o sinistra. Anche Ambrosoli ricalca Gori per molti versi, tranne per il fatto di aver lavorato per Berlusconi. Intanto la (vera) sinistra continua a dividersi e dividere. Per la gioia di Tentorio e Belotti. Grazie!

  2. Scritto da carlo

    bravo carlo ,farai perdere più voti di quelli che porti, quelli come voi sono i peggiori politici, si alleano anche con partiti con idee diverse pur di conquistare poltrone, siete di sinistra e estrema sinistra, mettetevi con rifondazione o comunisti italiani cosi con loro supererete la soglia del1%

  3. Scritto da BARBARA CATTOLI

    Un grazie a Carlo Simoncini che difende in modo magistrale la posizione di Sel. Condivido pienamente gli argomenti che hai espresso.
    Il problema della sinistra è come sempre costituito da queste persone intransigenti e rancorose che si proclamano a sinistra di tutto e vanno a disperdere voti. La loro responsabilità nel mancato miglioramento delle cose nel nostro Paese è pesante. Riflettete.

    1. Scritto da Duliamo Ergassia

      Se il paese non avanza é tutta colpa della sinistra, c’é uno alla televisione che la ripete da alcuni anni, cavoli proprio non mi viene il suo nome…aiutami.

      1. Scritto da barbara cattoli

        Io preferisco agire che continuare a fare sterili polemiche. Si vede che alla fine voi preferite che vinca ancora la giunta Tentorio.
        Esiste una cosa che si chiama correttezza politica e coerenza: dal momento in cui Sel ha deciso di partecipare alle primarie di centrosinistra, era chiaro che avrebbe poi dato l’appoggio al vincitore, anche se questi non fosse stato Luciano Ongaro.
        Si chiama correttezza e rispetto delle regole del gioco politico, cari “compagni”.

        1. Scritto da Duliamo Ergassia

          Allora non tenete il piede in due scarpe. Comunque io non preferisco ne Gori ne Tentorio. Voto L’altrabergamo e basta.
          Ma poi che polemiche sterili? Mi sembra che sia stata sel a prendersi il disturbo per rispondere ad una cosa scritta su Facebook da uno che non é neanche candidato.

          1. Scritto da barbara cattoli

            Troppo comodo criticare sempre tutto e tutti e restare fuori dalle decisioni.

          2. Scritto da Duliamo Ergassia

            Troppo facile accodarsi agli altri per poterci ricavare qualcosa. Il resto sono chiacchere.

  4. Scritto da stefano b.

    molto scilipotesco.
    va dove ti porta la poltrona.

  5. Scritto da kikko

    Evitare una guerra a sinistra, giusto! Ma SEL doveva pensarci prima. Infatti non c’è nulla di sinistra nell’appoggiare Gori.
    Li voglio proprio vedere quelli di SEL che vanno ad applaudire Renzi quando verrà a sostenere il suo pupillo Gori.
    Qui si ripete in sedicesimo la stessa pantomina dell’appoggio al governo Monti/Fornero, risultati zero, fregature molte, opportunismo al massimo. Un’esperienza da dimenticare.

    1. Scritto da Gelindo Bordin

      una guerra che sel combatte per conto del pd

  6. Scritto da nino cortesi

    Declamate con me e tutti in coro: ‘voto M5* perché hanno finito di prendermi in giro ‘.
    Ed è fatta!

    1. Scritto da giorgio

      Di pagliacci in politica siamo stanchi, il M5S è stato una speranza, poi ci siamo accorti che è il solito circo di imbucati e inventati. Basta ascoltare gli argomenti del candidato sindaco Zenoni, inetto e disinformato, uno sciattone.
      SEL non si capisce cosa appoggi Gori a fare.
      Rimane l’Altra Bergamo gente che quando ha amministrato ha fatto più che bene e che non fa sconti a nessuno.
      Tanto meno al PD si Renzi o a Gori, mi hanno convinto a votarli.

    2. Scritto da declamo!!!!

      E il besugo de Zena dove lo metti poi???????
      a fare l’europagliaccio?

  7. Scritto da fede

    Gori è la nuova generazione che avanza, ossia un prodotto del Sentierone, lo yuppy rivisitato, il piacione, il bambolotto, prodotto del fascionluc very made in Mediaset. Ciliegina: la Parodi. Se questa è gente non dico di sinistra ma mediamente colta vuol dire che non si sa neppure che sia la cultura. Capisco che possa andare bene alla Bergamo cool, maglioncino di cachemire, tanta estetica e poco arrosto.

  8. Scritto da bortolo

    Obiettivamente: era meglio se S. stava zitto. Meglio per Sel e anche per Gori!

  9. Scritto da Liberale

    Certo che il padre non era uomo di sinistra: tutt’altro.era un gran liberale il Tino

  10. Scritto da lavoratore

    Simoncini se Gori è la sinistra perchè votare SEL e non direttamente lui?
    Simoncini dice che Rocco Gargano al ballottaggio sosterrà anche lui Gori. Conoscendo Rocco direi proprio che Simoncini si illude.
    L’altra bergamo è un progetto radicalmente alternativo a Gori e a quello che rappresenta, ed è l’unica posizione di sinistra in campo.
    Simoncini se ne faccia una ragione.

  11. Scritto da gianpiero

    le pezza è peggio del buco.
    leggendo la lettera si ode uno stridìo fastidiosissimo di arrampicata sugli specchi….
    basta con voti utili e panzane del genere e… mi raccomando tutti ad applaudire Renzi in arrivo in aiuto delll’amico Gori

    1. Scritto da finta alternanza?

      Faremo un’ovazione di almeno 5 minuti! Sono ingiustamente accusati di essere l’altra faccia della stessa moneta e se qualcuno pensa di turbare una legittima manifestazione democratica, i lavoratori in divisa aderenti al al SAP faranno il loro dovere.

  12. Scritto da giovanna

    Caro Simonini e anche l’appoggio a Monti e alla Fornero era per rafforzare la sinistre? Cerchiamo almeno di evitare di essere ridicoli.

  13. Scritto da Giangi

    Gori è il padrone.

  14. Scritto da alex

    Bergamo non ha bisogno di destra o sinistra… tanto oramai le differenze tra gli schieramenti sono minime. In piu’ il patto di stabilita’ costringera’ la futura amministrazione a ponderare le spese quindi nin si vedranno grandi cambiamenti, a meno che non decida di costruire mostri di cemento come ha fatto Bruni (sinistra). Bergamo va migliorata sul piano deila mobilita’, della cultura e dell’offerta turistica. Bergamo e’ gia’ una splendida cittadina, bisogna solo saper farla conoscere..

  15. Scritto da ru

    Concordo. E aggiungo: se c’era interesse a una VERA dialettica si ragionava anche sulle primarie, a cui Gargano aveva tutte le intenzioni a partecipare. È Gori il problema, non Gargano. Sel ha deciso di non porsi la questione.

  16. Scritto da Febo

    Un altro che abitando in una villa milionaria in città alta da li ci spiega il significato profondo di Gramsci (pensando al seggiolone). Ma basta, su da bravi fate i bravi borghesi.
    Alle case popolari di Grumello al Piano sotto la rotta degli aerei, senza lavoro e minacciati di sfratto siamo stufi di voi, punto!

    1. Scritto da digeo

      Esatto. L’unica cosa che simoncini doveva dire non l’ha detta, cioè che Gori non è un candidato di sinistra credibile. Infatti perderà.

  17. Scritto da leo cat

    Non si batte la destra clonandone temi e modi. Se dovessi scegliere tra due facce della stessa moneta, non andrei a votare. Sono stufo di dover pesare le differenze concrete, al di là delle dichiarazioni, con la bilancia del farmacista e doverle riscontrare, solo dopo la terza cifra decimale. La lista Tsipras alle europee poteva essere una opportunità, se non fosse stata inquinata dalle scelte locali.

  18. Scritto da Anselmo Forchini

    Altro che l’uomo ragno Simoncini è certamente più acrobatico.
    SEL (e Simoncini) hanno scelto di appoggiare di sconfiggere la destra, come? Appoggiando Gori un uomo di ex dirigente di Berlusconi a Mediaset! Un uomo che ha sempre, fin dai tempi del liceo, disprezzato la sinistra, e che non ha mancato di rimarcarlo rincorrendo i voti del centro. E poi quale sinistra quella di Renzi o peggio quella di Schulz.
    L’opportunismo ha fatto il suo tempo e lasciate stare il povero Gramsci.

    1. Scritto da barbara cattoli

      Mi sto veramente sforzando di capire di quale opportunismo andate parlando… vi rivolgete a persone che tra mille difficolta’ e con passione cercano di portare avanti concretamente i valori della sinistra. Dialogando realmente. Troppo facile stare sempre a condannare e a criticare.

  19. Scritto da Geronimo

    Il discorso da fare e’ un altro: per “rinforzarsi” la Sinistra doveva scegliere un altro candidato sindaco, come e’ a tutti evidente!