BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Orio, vincoli antirumore restano a terra La rabbia dei Comuni

I vincoli antirumore e i lavori della Commissione aeroportuale di Orio al Serio sono stati sospesi. Lo ha annunciato nella mattina di mercoledì 30 aprile l'Enac, l'Ente nazionale per l'aviazione civile. I lavori rimarranno sospesi fino alla decisione del ricorso da parte del Consiglio di Stato. Intanto esplode la rabbia dei Comuni che annunciano azioni di protesta.

Decolla la rabbia sull’aeroporto Il Caravaggio di Orio al Serio da parte dei sindaci dei Comuni limitrofi dopo l’annuncio di mercoledì 30 aprile da parte dell’Enac, l’ente nazionale aviazione civile, che i lavori della Commissione aeroportuale e i vincoli antirumore sono state sospese.

Una decisione presa dopo la sentenza del Consiglio di Stato che non ha accolto il ricorso dell’Enac in merito al giudizio del Tar di Brescia. L’Enac, l’ente nazionale per l’aviazione civile, nella mattina di mercoledì 30 aprile ha inviato via fax ai Comuni della cerchia aeroportuale (Bergamo, Azzano San Paolo, Stezzano, Grassobbio, Orio al Serio, Seriate, Bagnatica, Brusaporto, Costa di Mezzate) una nota in cui annuncia che i lavori della commissione aeroportuale, organo del quale fanno parte i sindaci, sono stati sospesa e che le procedure anti rumore non saranno rinnovate.

Tutto questo significa che gli aerei non saranno più obbligati a decollare dalla pista più a Est, una misura che permette agli aerei di alzarsi prima e di avere una quota maggiore sopra i quartieri. Annullato anche il vincolo di partire da fondo pista e azzerata la ripartizione dei decolli verso Est, dalle 8 alle 22.

Una decisione, quella di Enac, che La decisione si inserisce nella battaglia avviata dai comitati di cittadini contro le norme sulla zonizzazione acustica approvate dalla commissione nel novembre del 2010. Dopo che il Tar ha dato ragione ai comitati, annullando la mappa anti rumore, l’Enac ha chiesto al Consiglio di Stato di sospendere la decisione del Tribunale amministrativo regionale di Brescia. Ma a inizio aprile è arrivata la risposta negativa.

Così in attesa che il Consiglio di Stato si esprima sulla vicenda, l’Enac ha deciso di procedere togliendo i vincoli antirumore. I sindaci dei nove comuni limitrofi allo scalo di Orio al Serio sono pronti alla battaglia e hanno annunciato un presidio di protesta, nel pomeriggio di mercoledì 30 aprile, davanti agli uffici dell’Enac a Orio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gianba

    cosa aspettano i cittadini a portare in tribunale i loro sindaci che hanno permesso lottizzazioni ed hanno approvato piani regolatori per insediamenti abitativi tanto vicini all’aeroporto già esistente

    1. Scritto da gigi

      Premesso che al stragrande maggioranza delle case esisteva da ben prima che l’aeroporto diventasse operativo civilmente, i Sindaci non hanno potuto bloccare i Piani Regolatori in quanto Commissione Aeroportuale, SACBO e Regione Lombardia hanno colpevolmente ritardato l’approvazione della Zonizzazione Acustica che altrimenti avrebbe bloccato lo sviluppo dell’aeroporto che non è conforme al Piano Approvato dal Ministero e non applica tutti i limiti e le prescrizioni di legge.

      1. Scritto da Andrea

        non hanno potuto o non hanno voluto??

  2. Scritto da Robi

    Mi immagino la strenua difesa del sindaco di Stezzano…

  3. Scritto da livio

    Che strano, una decisione Enac dalla parte dei padroni del vapore!

  4. Scritto da usiamo il cervello

    Ma l’ENAC (che è sotto inchiesta per numerosi reati) non dovrebbe essere dalla parte dei cittadini? Ma il Ministero dei Trasporti (da cui dipende) cosa ci sta a fare? Cosa c’entrano le procedure antirumore (sottoscritte anche da ENAC) con la Zonizzazione Acustica? Cosa aspetta la regione Lombardia a convocare la Conferenza dei Servizi come hanno fatto a Ciampino?
    Cosa aspettano i Comuni a portare ENAC in Tribunale?
    Tentorio e Gori naturalmente dormono sonni profondi….

    1. Scritto da wiw

      Ha ragione, purtroppo, sia Tentorio che Gori DORMONO, ora e prima e poi. Ne tengano conto almeno quelli di Bg che hanno a cuore la propria salute, e non solo gli “affari” (e di chi poi..)

  5. Scritto da andrea

    ultimamente i problemi del cittadino non contano nulla.

  6. Scritto da Andrea

    commenti antiaeroporto tra 3…2…1…

    1. Scritto da Ubt

      Per i commenti idioti, invece, sei già allo 0. Nessuno è antiaeroporto, ma i cittadini che ne subiscono i rumori sono per una regolamentazione dell’aeroporto, secondo norme condivise. E’ la democrazia, bellezza, e te ne devi fare una ragione.