BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Cgil cerca ancora casa Per ora 4 offerte sul banco Ecco dove potrebbe andare

A quasi 5 mesi dall’annuncio di un possibile trasloco da parte del segretario generale Luigi Bresciani, la Cgil bergamasca sta valutando diverse aree in città: dall’ex Italcementi di via San Bernardino ai nuovi locali sopra la Coop di via Autostrada, passando per alcune aree e locali dismessi.

Più informazioni su

La Cgil di Bergamo sta ancora cercando casa: dall’annuncio di un “possibile trasloco” fatto dal segretario generale Luigi Bresciani agli inizi del dicembre scorso sono passati quasi 5 mesi e di offerte, opportunità e contatti preliminari ce ne sono stati tanti.

In via Garibaldi dal 2001, quando il sindacato allora guidato da Maurizio Laini decise lo spostamento da via Bonomelli e acquistò la sede del Patronato San Vincenzo, la Cgil bergamasca ha continuato a crescere, così come i suoi servizi e i lavoratori che si sono rivolti agli sportelli.

“L’effetto benefico prodotto da quell’annuncio – ha commentato il segretario organizzativo della Cgil Bergamo Giuseppe Mascioli – è stato quello che costruttori e mediatori si sono interessati alla causa e ci hanno proposto diverse aree e locali”.

Attualmente la sede del sindacato si sviluppa su una superficie complessiva di poco superiore ai 4mila metri quadrati, 3.500 di uffici e i restanti di autorimessa: secondo quanto annunciato da Bresciani il desiderio, in ogni caso non urgente, sarebbe quello di traslocare in locali di almeno 4mila metri quadrati effettivi.

“Abbiamo bisogno di più superficie da destinare agli uffici – ha confermato Mascioli – Sia per le categorie ma soprattutto per i servizi che iniziano ad avere spazi sempre più saturi per la grossa mole di persone che si reca da noi”.

Le aree proposte alla Cgil di Bergamo sono state diverse: dall’ex Italcementi di via San Bernardino, ai locali sopra la nuova Coop via Autostrada, alcuni locali dismessi nella zona dell’Abb Sace di via Baioni e dei capannoni dismessi non lontano da Piazza Sant’Anna.

“La nuova sede potrebbe anche non essere in una di queste aree – conclude Mascioli -. La nostra volontà ovviamente è quella di rimanere sempre in città. Cerchiamo una sede accessibile e ben fornita dai mezzi pubblici, magari potremmo decentrarci un po’ rispetto a dove ci troviamo oggi. Ci sono state offerte anche aree di 5mila metri quadrati ma che non combaciano con le nostre esigenze: dobbiamo valutare attentamente dislocazione e planimetria. Mediamente sul nuovo le richieste sono di circa 3mila-3.500 euro al metro quadro: per questo motivo prima di acquistare dovremo avere la certezza di poter vendere la nostra sede attuale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da c

    Tutti parlano di quello che fa la CIGL , ma mi sapreste indicare cosa fa per i lavoratori e per la crescita del paese?
    Perchè in tanti anni non l’ho ancora capito.
    GRAZIE

  2. Scritto da Elena

    Via quarenghi…400 m…in vendita….

  3. Scritto da polosud

    Visto come si comport la CGIL ultimamente (fa politica e solo i propri interessi e fa finta di fare quelli dei lavoratori) la trasferirei al polo Sud!

    1. Scritto da mario59

      Ah si….allora potresti gentilmente indicarmi quali sarebbero i sindacati che non fanno politica e che fanno gli interessi dei lavoratori.?

      1. Scritto da polonord

        Oggi più nessun sindacato..ma la cgil e’ la peggiore! Nel senso che fa più gli interessi propri e politici degli altri..

        1. Scritto da luoghi comuni

          un mondo senza sindacati e quindi senza tutele sindacali in balia del capriccio dei datori di lavoro è quello ben triste della rivoluzione industriale alla Oliver Twist: studiatevi la storia! Quale altra difesa hanno oggi i lavoratori se non la CGIL? Stare nella “polis” ovvero nella società implica sempre fare politica, pur con tutti i limiti che comporta la crisi della rappresentanza che i qualunquisti portano avanti, salvo poi piangere alla porta del sindacato quando hanno bisogno

  4. Scritto da Mario

    potreste occupare la sede dell’Ex deposito Autobus Zani di Via Paolo Berlendis trasversale Via Baioni, che ha un ampio spazio sia come locali sia come posteggio, così recupererete un luogo di grande Storia manufatturiera era la ex Salfra camiceria