BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I sindaci s’imbavagliano: contro lo stop ai vincoli antirumore dell’aeroporto fotogallery

Alcuni sindaci dell'hinterland di Bergamo, precisamente dei paesi che ruotano attorno all'aeroporto di Orio al Serio (Bergamo, Azzano San Paolo, Stezzano, Grassobbio, Orio al Serio, Seriate) si sono riuniti in protesta davanti all'ufficio dell'Enac contro lo stop ai vincoli antirumore dello scalo.

L’Enac decreta lo stop ai vincoli antirumore dell’aeroporto di Orio al Serio e in sindaci, sostenuti dall’assessore alla Sicurezza di Bergamo, Massimo Bandera, protestano sotto la sua sede, nell’aeroporto di Orio al Serio. E’ stata questa la manifestazione, civile e pacata, andata in scena mercoledì pomeriggio nello scalo bergamasco. A guidare la rappresentanza dei sindaci interessati (c’erano Elena Poma di Stezzano, Simona Pergreffi di Azzano San Paolo, Ermenegildo Epis di Garrossobio, Gianluigi Pievani di Orio al Serio e l’assessore all’Ambiente di Seriate Achille Milesi) ci ha pensato l’assessore comunale di Tentorio: "La comunicazione dell’Enac, arrivata questa mattina (mercoledì 30 aprile, ndr) ci ha lasciati letteralmente basiti – ha attaccato Bandera -, per questo abbiamo deciso di convocare i sindaci interessati in fretta e furia, per questo gesto dimostrativo nei confronti di un ente che, con questa scelta, non lascia più spazio per proposte o iniziative a chi rappresenta i cittadini".


Il gruppo, dopo aver incontrato giornalisti e fotografi per spiegare le ragioni della protesta, è salito negli uffici dell’Enac per parlare con i dirigenti. Ma l’incontro non è stato possibile: "Il presidente non c’è, è a Linate" ha comunicato a Bandera un funzionario. Per questo è stato deciso di organizzare un incontro, nei prossimi giorni. Anche se non tutti sono sicuri della buona riuscita del faccia a faccia: "Semplicemente perché io scrivo ai rappresentanti di Enac da settimane, senza mai ricevere risposte – ha subito annunciato il sindaco Pergreffi, tra i più vivaci -. Se non dovessero arrivarci segnali faremo una diffida".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Danilo

    La madre delle FOLLIE è l’anticipo della virata nel decollo direzione OVEST, che porta gli aerei vicinissimi alle abitazioni degli Azzanesi, che vivono un costante e continuo pericolo. VERGOGNATI BANDERA!

  2. Scritto da marco

    Un volo ogni 5 min sulla testa. Dalle 7 alle 24. Finestra aperta d estate.bambini che si svegliano per il fracasso assordante. Inquinamento acustico e problemi psichici da rumore. Sapete di cosa state parlando?non abitate certo sotto la rotta Ryanair per scrivere i commenti benevoli che pubblicate

    1. Scritto da Anna

      E Montichiari è sempre vuoto! POCHI VOLI DHL SPOSTATI A MONTICHIARI E RYANAIR A MALPENSA VICINO A EASYJET…E MONTICHIARI SEMPRE VUOTO! 5 miliardi di euro sprecati per creare l’aeroporto di Malpensa con relativi collegamenti con Milano,… e Montichiari che era già pronto ancora adesso è sottoutilizzato. Che spreco, che inefficienza. Ma chi ha voluto Malpensa… che per puro caso… è vicina a Varese e Como!!!!

      1. Scritto da Lucia

        La risposta è Lega Nord! Sempre la Lega Nord amministra Verona che controlla Montichiari. E l’assessore bandera è della Lega Nord, fautore della folle virata anticipata nel decollo direzione Ovest. Una visione della gestione aeroportuale del Nord che si è dimostrata costosissima e FOLLE. Ricordiamoci di votare meglio la prox volta…il trota dovrebbe averci insegnato qualche cosa.

  3. Scritto da Cri

    Io l’ anno scorso ho visto a cassinone case in costruzione con la bandiera gialla appesa contro il rumure degli aerei, ma scusate queste persone non potevano comprare casa in un altro paese….?

    1. Scritto da aris

      come la metti con le 60.000 persone che la casa ce l’ avevano già anche prima che Orio diventasse internazionale, sforando illegalmente il numero dei voli permessi (Raddopio)? Le procedure antirumore serviono a ridurre l’ impatto acustico su tutta la zona SUd Bergamo. Immagino che sei a favore di un nuovo stadio, perchè quello attuale è TROPPO in zona residenziale. Ma la stragrande maggioranza di quelle case son state costruite BEN DOPO lo stadio. Stesso problema 2 misure diverse?

  4. Scritto da giuseppe regazzoni

    CARI SINDACI, SMETTETELA DI FARE PAGLIACCIATE, L’AEROPOTRO ESISTEVA PRIMA DI TUTTI QUEGLI INSEDIAMENTI ABITATIVI CHE VOI AVETE LASCIATO COSTRUIRE.SIETE VOI CHE AVETE SBAGLIATO, E’ COME IL PROBLEMA DEI PICCOLI NEGOZI DI VICINATO CHE CHIUDONO, VOI AVETE PERMESSO LA COSTRUZIONE DI MEGA CENTRI COMMERCIALI OVUNQUE, IL MALE E’ CHE ORA FINANZIATE CON I SOLDI PUBBLICI PER CERCARE DI TENERE APERTI I NEGOZI DI VICINATO… SIETE DEI GIOPPINI….. ANDATE A SCOPARE IL MARE TUTTIIIIIIII

    1. Scritto da aris

      Poveretto. Sta dicendo che Colognola, San Tommaso, Azzano SP, Stezzano, Curnasco, Orio, Grassobbio, etc non esistevano prima dell’ aeroporto? Mi sa che Lei viena da Canicattì, allora, ed è arrivato qui due anni fa ma parla come se sapesse tutto Lei. Le ricordo che fino ad inizio anni 2000 da orio partivano 5-6 voli militari alla settimana, e c’e ra un progetto per chiuderlo.. E le case c’ erano già allora. Il problema +grosso è che hanno oltrepassato i voli permessi.

      1. Scritto da Andrea

        a parte che i voli commerciali volavano già dagli anni 80, se poi ci rende partecipi di questo “progetto per chiuderlo” evitiamo di ridere davanti al suo commento :)

  5. Scritto da Luigi

    Ricordo i commenti trionfali di sedicenti esperti legislativi alla prima sentenza del TAR, adesso all’improvviso il problema da giuridico è tornato politico…ed ai fanatici della salute consiglio un ripasso sulle tanti pericoli latenti e manifesti, dalle sigarette agli alcolici alle automobili alle caldaie ai telefonini alle fabbriche ai cibi grassi, sembra che l’unica calamità siano gli aerei, ma non tutti,solo quelli di Orio…

    1. Scritto da gigi

      prima di tutto consiglio un ripasso dell’italiano. Poi un piccolo corso di diritto per evidenziare che tutti i temi citati hanno leggi che vengono rispettate o sanzionate (divieto di fumo nei locali, obblighi di contenimento degli inquinanti sulle automobili etc. Per altri (cibi grassi????) è un problema di scelta del singolo se vuol suicidarsi, ma non nuocciono agli altri. Gli aerei, se superano certi limiti, fanno male a tutti. E non rispettare i limiti di legge è reato.

      1. Scritto da Luigi

        Caro professore di saccenza, esiste una legge che prevede limiti INVALICABILI per le cosiddette polveri sottili, ovvero i PM10, che ogni anno per lunghissimi periodi vengono superati di decine di volte, tuttavia NESSUNO interviene, denuncia, scrive post, e circa italiano e diritto, nonché il diritto di suicidarsi, si commenta da sé, supponenza cinica e ipocrisia! Solo un piccolo esempio, provi a respirare lo scarico di una marmitta catalitica, poi vedrà come si sente bene…

        1. Scritto da gigi

          E infatti tutti sono per la riduzione del PM 10, non per l’aumento, o mi sbaglio? Mentre invece l’aeroporto non si può toccare….Certo che fa male respirare lo scarico di un marmitta catalitica, ma l’equivalente di 200.000 auto non catalitiche al giorno (questo è quello che scaricano gli aerei di Orio ogni giorno) fa molto più male, non crede?
          Per il resto, oltre a non saper scrivere sembra che Lei non sappia bene neppure leggere…

  6. Scritto da Marta

    Ma Super Banera… dove è stato tutti questi cinque anni? Adesso improvvisamente passa le sue giornate tra le panchine in viale Papa Giovanni e l’aeroporto di orio, e le nottate nella movida di S. Caterina a casa dei poveri residenti! Cosa è successo? ha deciso di rispar,iare sui volantini elettorali?

    1. Scritto da Anna

      Super NON PENSO PROPRIO! L’assessore bandera è responsabile del FOLLE ANTICIPO DELLA VIRATA che porta gli aerei in decollo direzione Ovest a bassissima quota di sorvolo vicinissimo alle case dei cittadini Azzanesi!!! E tutti gli amministratori di Azzano San Paolo lo hanno ripetutamente CONTESTATO!!! …compreso il ricorso al Consiglio di Stato. Follia pura questa virata che mantiene in stato di pericolo un intero paese… ricordiamo anche gli altri paesi limitrofi all’aeroporto.

    2. Scritto da Anna

      Super NON PENSO PROPRIO! L’assessore bandera è responsabile del FOLLE ANTICIPO DELLA VIRATA che porta gli aerei in decollo direzione Ovest a bassissima quota di sorvolo vicinissimo alle case dei cittadini Azzanesi!!! E tutti gli amministratori di Azzano San Paolo lo hanno ripetutamente CONTESTATO!!! …compreso il ricorso al Consiglio di Stato. Follia pura questa virata che mantiene in stato di pericolo un intero paese… ricordiamo anche gli altri paesi limitrofi all’aeroporto.

  7. Scritto da Ele

    Sì, dalla parte dei cittadini…..ma fatemi il piacere, è ora di andare a casa!

  8. Scritto da alex

    Questo e’ un effetto chiaro della politica del governo Renzi… dove le Province non contano piu’ nulla…le regioni lo diventeranno sempre meno e i comuni anche… vedi riforma titolo V della Costituzione. Siamo in barba ad una dittatura dettata dalle leggi economiche. Il cittadino conta sempre meno. Quando i giornalisti chiesero a Monti “chi salira’ la prox volta a governo?” lui rispose “chiedetelo all’economia”…

    1. Scritto da gigi

      forse ti è sfuggito che la crescita illegale dell’aeroporto di Orio è avvenuta con le Provincie in piena operatività (con Pirovano che l’ha sempre sostenuta, sotto l’impero di Napoleone Berlusconi, e con il Formigoni in gran spolvero anche se si è dimenticato di fare il Piano degli aeroporti lombardi, lasciando morire Montichiari e agonizzare la Malpensa. mentre Orio scoppia …Che poi anche Renzi sia uguale, è un’altra storia….

      1. Scritto da fede

        standing ovation! Bergamo è comunque troppo piccola per l’ areoporto a ridosso, andava attuato il primo progetto, quello verso la cremasca.
        L’ altro giorno in Broseta/ san Paolo non ci si poteva neanche parlare, ben peggio che Malpensata. Ma di tanto! Figurarsi poi se gli arabi lo potenziano. Cassandra: quando anche l’ ultimo politico avrá intascato il suo e il rumore arriverá al vescovado allora ci stará una bella colata di cemento mafioso a Mornico :-D

  9. Scritto da tex

    esibizionisti e basta

    1. Scritto da Andrea

      esatto

      1. Scritto da usiamo il cervello

        strano che non hai detto che sono quattro gatti paranoici, come dici sempre….O cominciano a diventare un po’ troppi?

        1. Scritto da Andrea

          non mi va di essere ripetitivo :) i fatti parlano da soli!

          1. Scritto da Lucia

            Non sei ripetitivo.. sei fuori dal contatto con la realtà. I fatti sono che è già passato diverso tempo dalla risposta del Consiglio di Stato, attuare soltanto adesso questa iniziativa da parte dell’ENAC serve soltanto per gestire una pista adesso troppo cotta per poter rispettare i precedenti accordi raggiunti con la Commissione Aeroportuale. Vedremo se ENAC non cambierà idea prima della fine dei lavori alla pista. Domandiamoci invece perché SACBO ha ostacolato l’utilizzo di Montichiari!

          2. Scritto da Marco

            E non raccontateci che a Montichiari mancano i parcheggi per gli aerei. Andate a vedere l’aeroporto di Montichiari e vedrete che spettacolo di aeroporto costruito alla giusta distanza dai centri abitati. Sarebbe uno spreco spostarci soltanto i voli merci, un grave spreco…tipico della Lega nord

  10. Scritto da arpaleni

    dell’aeroporto di Orio se ne sono sempre fregati tutti, comune di
    Bergamo e Provincia (che di Sacbo detengono una quota non indifferente) in testa. Vista l’incapacità dei politici nostrani di fare fronte alla situazione, c’è solo da augurarsi che in un qualche modo intervenga una qualche commissione europea a metterci una pezza

  11. Scritto da max

    manifestazioni di protesta.Il Sindaco di Stezzano partecipa per difendere la spesa di 30mila euro per stabilire se gli aerei inquinano,risultato zero ovviamente.Per concludere chiedo a questi illuminati Sindaci,ma se l’aeroporto andasse via,e i dipendenti perdessero il posto lo stipendio glielo dareste voi,se così fosse scrivetelo con il sangue,altrimenti smettetela di fare terrorismo psicologico e campagna elettorale.

  12. Scritto da max

    Ma potremmo chiedere al sindaco di Orio al Serio se avesse voglia di rispondere quanti euro incassa il comune da lui gestito dall’avere sul proprio territorio l’aeroporto,se così non fosse giusto protestare.
    Lo vorrei però così tenace e duro,come del resto il sindaco di Azzano,anche per le auto che transitano nel loro territorio per recarsi al centro commerciale,il giorno di pasquetta 60000 mila autovetture hanno circolato tra Azzano e Orio al Serio ma non mi pare di aver visto

  13. Scritto da mario

    E la legge, Prefetto,Magistratura, cioè le persone che hanno giurato di servire i cittadini dove sono?perchè non intervengono a tutela della salute e della sicurezza dei cittadini che pagano il loro stipendio!
    Siamo proprio in uno stato borbonico!con tanti borboncini…

  14. Scritto da rotabruno

    profitto docet…….

  15. Scritto da gigi

    In assenza della Zonizzazione Acustica non sono le procedure antirumore che dovrebbero essere bloccate, ma lo sviluppo dell’aeroporto. Strano che questi Sindaci non si ricordino che questo aeroporto ha un limite di 6.174.000 Unità di Traffico mentre siamo ampiamente sopra i 10 milioni, che gli abitanti coinvolti nelel fascedi rispetto dovrebbero essere circa un migliaio mentre sono più di 10 mila ecc.

  16. Scritto da usiamo il cervello

    Mi sembra il gioco delle tre tavolette. I Sindaci lasciano crescere l’aeroporto a dismisura in barba a tutti i divieti (voli notturni) e i limiti previsti dal VIA (siamo quasi al doppio) e poi sotto le lezioni fanno le manifestazioni per le procedure antirumore che significa solo spostare i voli da un quartiere o da un comune all’altro, fissare delle rotte o dei punti di decollo che tanto non rispetterà mai nessuno (non sono sanzionabili). Poi tutto tornerà come prima.

    1. Scritto da giuseppe regazzoni

      PUBBLICITA’ ELETTORALE BASTAAAAAAAAAAAAAA

  17. Scritto da ru

    Che schifezza. Dunque la salute è un optional? Siamo ai tempi delle prime fabbriche, due secoli fa…Renzi batti un colpo almeno tu?