BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un punto in quattro gare: aprile è il mese nero per la Dea di Colantuono

Dopo le sei vittorie consecutive ottenute a marzo, i nerazzurri sono clamorosamente calati lasciando per strada undici dei dodici punti messi in palio nel mese di aprile. Una serie negativa che ha costretto Denis e compagni a dire addio ai sogni europei.

Più informazioni su

Marzo mese d’oro, aprile mese da incubo. Si possono riassumere così gli ultimi sessanta giorni del popolo atalantino che dal paradiso delle sei vittorie consecutive è improvvisamente tornato alla normalità, svegliandosi con una serie di risultati negativi che ha fatto tornare coi piedi per terra tutti, da mister Colantuono (che aveva iniziato a parlare di Europa, tra lo stupore generale) ai tifosi.

Per cercare l’ultima vittoria bergamasca bisogna tornare al 29 marzo. A Bologna scendeva in campo l’Atalanta in formato super che asfaltava letteralmente un Bologna poco combattivo e contestato dal suo pubblico. Era la chiusura del mese d’oro dei nerazzurri, reduci da cinque vittorie consecutive che avevano portato la zona Europa League lì, a un piccolissimo passo. Poi il risveglio. Basta sogni, solo la cruda realtà, che ha ricordato a Denis e compagni che in serie A alla minima distrazione vai incontro agli scivoloni. Così, ecco arrivati tre ko di fila: il 6 aprile al Comunale col Sassuolo, sei giorni dopo a Roma con i giallorossi e il 19 aprile in casa con l’Hellas.

Un risveglio amaro un po’ per tutti, che ha fatto svanire i sogni di gloria e consegnato ai tifosi nerazzurri un finale di stagione anonimo, che non porterà ulteriori sussulti. Ma che, se guardato dalla metà "piena" del bicchiere, svela anche che la banda di Colantuono ha centrato l’obiettivo salvezza per il terzo anno consecutivo, senza troppi patemi o affanni. Così, siamo certi che i tifosi sapranno "perdonare" i nerazzurri per questo aprile molto poco proficuo, che in quattro partite ha portato alla classifica atalanina la miseria di un punticino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da doge

    Pur considerando la stagione molto piu che positiva per l’Atalanta, da tifoso spero che contro la Juve non sia la solita partita ” zerbino”…….

  2. Scritto da nino cortesi

    Colantuono va benissimo per salvarsi ogni anno. Il gioco sarà però esasperatamente difensivo e non piacerà.
    Forse è la società che deve intervenire per sostituire 3 usurati con 3 giovani fortissimi.
    Non facciamo nomi, Stendardo, Lucchini, Del Grosso Con Zappacosta, Nica e Peluso.

    1. Scritto da Ol Claudì

      Stendardo è il miglior difensore attualmente in rosa e Del Grosso a parte l’immenso abbaglio che tutti conosciamo non ha disputato un pessimo campionato , anzi.
      Nica è giovane e deve crescere ma se fosse da serie A , qualcosa avrebbe già dimostrato. Zappacosta ancora deve dimostrare tutto e Peluso , se ve ne foste dimenticati, gioca nella Juve non nella Dea.

  3. Scritto da sergio

    per fortuna che ci sei tu Nostradamus -francesco che ci fai il riassunto della stagione obiettivo come sempre..peccato che a marzo sei scomparso dai radar, chissà come mai..analisi patetica, anche senza le imprese di cui parli saremmo super salvi, ABBIAMO 19 PUNTI SULLA TERZ’ ULTIMA, LO SAI PROF?

  4. Scritto da sonia

    … è inutile girarci intorno.. l’Atatalanta è una squadra che rimarrà sempre (se va bene ) a metà classifica.. perchè non ha soldi per andare oltre.. e casualmente.. vicini al sogno europeo.. inizia a perdere.. non dico sia tutto calcolato.. ma quasi.. l’obbiettivo di ogni anno è quello di non andare in serie B punto.
    é triste pensarla cosi.. ma purtruppo… anche se fosse arrivata in Europa avrebbe dovuto rinunciare.. quindi.. godiamoci la salvezza

  5. Scritto da voltaire

    Aprile sarà il mese nero,ma credo che la stagione si possa definire grigia vista la povertà del gioco espresso;non condivido il trionfalismo di Colantuono e Marino,abbiamo assistito ad un torneo di livello mediocre,dove ci siamo subito adeguati. Gli addetti ai lavori dicono che Colantuono garantisce punti,non sarebbe male anche un po di spettacolo.

  6. Scritto da Francesco

    Cosa salvare di questa stagione eccetto la serie di vittorie consecutive che ci hanno letteralmente tolto le castagne dal fuoco? nulla: inizio disastroso, le sconfitte in trasferta di fisso, qualche punticino in casa, le due “imprese” a S. Siro e all’Olimpico, costante che se dovesse mancare l’anno prossimo ci inguaierebbe parecchio, la serie di vittorie (per fortuna) e il finale di campionato con la testa dei giocatori già in vacanza. Chapeau a chi paga l’abbonamento!

    1. Scritto da d

      Un po’ duro ma realistico, così come Voltaire sopra. E’ andata bene ma perchè il livello medio è modesto. Bel gioco? Rara avis.

    2. Scritto da veronika

      Qualche punticino in casa? Evviva l’obiettività! Chapeau a lei Francesco.

    3. Scritto da ?

      Scusa, visto che fai sempre il professorino, mi puoi illuminare sul senso delle due “imprese” a S. Siro?A me risulta che quest’ anno contro il Milan abbiamo perso, forse ti confondi con l’ anno scorso.Certo che scrivere una castroneria così grossa in 4 righe dimostra la tua competenza in materia di Atalanta,cioè zero.Comunque la democrazia è bella perché garantisce diritto di parola a tutti, anche a quelli come te che ignorano la materia di cui parlano, più comunemente chiamati ignoranti.

      1. Scritto da Mario

        a san siro abbiamo battuto L’Inter …………..o perso, quindi l’ignorante sei tu

        1. Scritto da incredibile

          Mario l’ italiano non è un’ opinione.Se commenti questa stagione e parli di “due imprese di S.Siro”(leggi il commento,sempre che tu lo sappia fare), vuol dire che confondi le 2 vittorie (sia contro milan e inter) della stagione scorsa con l’unica che abbiamo fatto quest’ anno (contro l’ inter). Il concetto non è difficile da capire, purtroppo la natura a livello di intelletto ha penalizzato parecchie persone e tu di sicuro fai parte di questo gruppo. Anzi diciamo che con te si è accanita

          1. Scritto da Ol Claudì

            Ma sei capace di leggere?
            Due imprese a San Siro e all’olimpico.
            Significa
            1 impresa a San Siro con L’inter
            1 impresa all’Olimpico con la Lazio.
            1+1 = 2
            SVEGLIA!!!!

          2. Scritto da solodea

            proprio perché l’italiano non è un’opinione forse, se rileggi con calma,
            il commento in questione ti accorgerai che quando dice due imprese di San Siro e dell’Olimpico si riferisce proprio alle vittorie con Inter e Lazio, e mi pare comunque del tutto inutile affibiarsi dei titoli per così poco. La cosa certa è che l’Atalanta è da sempre questa, vince con le squadre più blasonate e perde partite impensabili, ma resta sempre l’Atalanta e solo per questo va amata.