BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al Museo Puskin di Mosca grande emozione per i dipinti della Carrara

I capolavori dell'Accademia Carrara Maestri del Rinascimento: dipinti italiani del XVI e XVI secolo, sono in mostra al Museo russo fino al 27 luglio.

Lunedì 28 aprile nel Salone d’Onore del Museo Puskin di Mosca è stata inaugurata la mostra Maestri del Rinascimento: dipinti italiani del XVI e XVI secolo dall’Accademia Carrara di Bergamo, in programma nel Museo russo fino al 27 luglio.

Davanti al ritratto di Lorenzo De’ Medici del Botticelli, scelto come immagine guida della Mostra, alla presenza di una folta rappresentanza della stampa russa, ha portato il suo saluto Stefano Ravagnan, Vice-Ambasciatore italiano a Mosca che ha ricordato i forti legami tra Russia e Italia, consolidati anche da queste prestigiose collaborazioni artistiche:

«Occasioni per promuovere la città “gioiello” di Bergamo, il suo straordinario patrimonio artistico, con l’obiettivo di incrementare il turismo russo verso l’Italia».

Orgogliose dell’allestimento della Mostra – curato nei dettagli dal Conservatore dell’Accademia Carrara, Giovanni Valagussa e la Responsabile della pittura italiana del Puskin Victoria Marcova –, erano al tavolo dei relatori la Direttrice del Museo moscovita Marina Loshak e, vibrante d’emozione,Irina Antonova, storica Direttrice del Puskin e ora Presidente dello stesso Museo.

«È una grande occasione per godere dei capolavori della Carrara all’estero – ha affermato l’Assessore alla Cultura e Spettacolo del Comune di Bergamo Claudia Sartirani –. Il nome di Bergamo e dell’Accademia Carrara in questi ultimi anni hanno fatto breccia nei cuori di . australiani, americani, francesi, polacchi e svedesi, ora si offrono al grande pubblico moscovita. Siamo orgogliosi d’essere qui in attesa di rivederci a Bergamo. Spasiba Puskin!».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.