BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Parroco di Sotto il Monte: Nostra responsabilità sarà accogliere bene i fedeli fotogallery video

Il parroco di Sotto il Monte Giovanni XXIII, don Claudio Dolcini: "Sotto il Monte è ormai una sorta di santuario. Quindi per noi c'è anche una grande responsabilità. Dovremo accogliere i pellegrini. Tutto il paese si impegnerà per questo"

Stringe in mano una rosa rossa presa dagli addobbi dell’altare, quasi un souvenir di questa domenica 27 aprile quando la Chiesa ha proclamato Santo Papa Giovanni XXIII. Don Claudio Dolcini, sorride ed è al telefono sotto il colonnato del Bernini in Piazza San Pietro con alcuni parrocchiani.

Sono arrivati in 250 da Sotto il Monte a Roma per assistere alla canonizzazione del "loro" Papa Giovanni.

"Per me è stata una grande emozione – commenta don Claudio -. Io sono cresciuto fin da piccolo con papa Giovanni. Per questo sentirlo ora proclamare santo è stato un momento di vera commozione". Don Claudio, da Piazza San Pietro, ha immediatamente telefonato a Sotto il Monte e ha fatto suonare le campane a festa. Questo «riconoscimento» da parte della Chiesa, "per noi ora è anche un impegno. Sotto il Monte è ormai una sorta di santuario. Quindi per noi c’è anche una grande responsabilità. Il paese, in sostanza, è una parrocchia, non è un grosso santuario come Lourdes. Dovremo accogliere i pellegrini. Tutto il paese si impegnerà per questo".

"Per noi questo è un punto d’arrivo – conclude don Dolcini -. Tutti sapevamo santo papa Giovanni, ora è santo anche per il mondo. E questo farà bene alla Chiesa. Per noi l’impegno sarà quello di ricevere nel miglior modo i tantissimi fedeli che verranno da noi in suo onore".

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da TT

    E che fine ha fatto la faccenda del ladro di elemosina,finita nel dimenticatoio visto il nuovo santo…?