BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Francesco da Buenos Aires” e “Roadmap to Apartheid” Al cinema in settimana

Nelle sale di Bergamo e provincia arriva il film documentario dedicato a Papa Jorge Mario Bergoglio “Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”. Da vedere anche “Roadmap to Apartheid”, in cui vengono esaminate in modo efficace e approfondito le analogie tra le forme sudafricane e israeliane di segregazione razziale. Non mancano i film del momento, come “Transcendence”, “Storia di una ladra di libri”, “Gigolò per caso” e “Captain America”. Ecco la programmazione completa dei titoli che si possono vedere al cinema in settimana.

La settimana al cinema si apre con l’uscita del film documentario dedicato a Papa Jorge Mario Bergoglio “Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”. Da vedere anche “Roadmap to Apartheid”, in cui vengono esaminate in modo efficace e approfondito le analogie tra le forme sudafricane e israeliane di segregazione razziale.

Non mancano i film del momento, come “Transcendence”, “Storia di una ladra di libri”, “Gigolò per caso” e “Captain America”. Ecco la programmazione completa dei titoli che si possono vedere al cinema in settimana con le informazioni pellicola per pellicola.

LUNEDI’ 28 APRILE

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035248330

“Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve”, 105min – Commedia – Doppiato, alle 20:15 e alle 22:30;

“Storia di una ladra di libri”, 131min – Drammatico – Doppiato, alle 20 e alle 22:30;

“Grand Budapest Hotel”, 100min – Commedia – Doppiato, alle 20:30 e alle 22:30.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“Rio 2 – Missione Amazzonia”, 101min – Animazione – Doppiato, alle 16:30 e alle 18:30;

“La sedia della felicità”, 90min – Commedia – Doppiato, alle 21;

“Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”, 70min – Documentario – Doppiato, alle 17:30, alle 19 e alle 20:30 (prezzo: 7,50 euro).

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035251339

“Philomena” (Versione originale con sottotitoli in italiano), 98min – Drammatico – Doppiato, alle 20:45;

“Gigolò per caso”, 98min – Commedia – Doppiato, alle 21.

CINEMA TEATRO DEL BORGO a Bergamo in piazza sant’Anna, 51 – 035 270760

“The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro” (NO 3D), ‎142min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”, 70min – Documentario – Doppiato, alle 19:50 e alle 22);

“The Amazing Spider-man 2 – Il potere di Electro” (NO 3D), 142min – Azione – Doppiato, alle 17, alle 19:20, alle 20:10 e alle 22:25;

“The Amazing Spider-man 2 – Il potere di Electro” (3D), 142min – Azione – Doppiato, alle 18:30 e alle 21:45;

“Gigolò per caso”, 98min – Commedia – Doppiato, alle 17:40, alle 20 e alle 22:20;

“Rio 2 – Missione Amazzonia”, 101min – Animazione – Doppiato, alle 17:30;

“Transcendence”, 119min – Azione – Doppiato, alle 17, alle 19:50 e alle 22:40;

“Noah”, 138min – Drammatico – Doppiato, alle 17:20 e alle 20:30;

“Oculus”, 105min – Horror – Doppiato, alle 22:45;

“Divergent”, 139min – Azione – Doppiato, alle 17 e alle 19:50;

“Captain America – Il soldato d’Inverno” (NO 3D), ‎124min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 17:20 e alle 20:30.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Storia di una ladra di libri”, 131min – Drammatico – Doppiato, alle 21 (promozione: 4 euro);

“Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”, 70min – Documentario – Doppiato, alle 17:45.

NUOVO CINETEATRO ALBINO in piazza san Giuliano ad Albino – 035 751490

“The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro”, ‎142min‎‎ – Azione‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

MARTEDI’ 29 APRILE

CAPITOL MULTISALA a Bergamo in via Tasso, 41 – 035248330

“Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve”, 105min – Commedia – Doppiato, alle 20:15 e alle 22:30;

“Grand Budapest Hotel”, 100min – Commedia – Doppiato, alle 20:30 e alle 22:30.

“Monuments Men” (Film in lingua originale, sottotitolato in italiano), 118min – Azione – Doppiato, alle 21.

CINEMA SAN MARCO a Bergamo in piazzale Repubblica, 2 – 035 240416

“La sedia della felicità”, 90min – Commedia – Doppiato, alle 21;

“Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”, 70min – Documentario – Doppiato, alle 17:30, alle 19 e alle 20:30;

“Marco Spada – Il balletto del Bolshoi”, balletto, alle 16:30.

MULTISALA CONCA VERDE a Longuelo (Bergamo) in via Mattioli, 65 – 035251339

“Gigolò per caso”, 98min – Commedia – Doppiato, alle 21;

“Roadmap to Apartheid”, 95min – Documentario – Doppiato, alle 21.

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”, 70min – Documentario – Doppiato, alle 19:50 e alle 22;

“The Amazing Spider-man 2 – Il potere di Electro” (NO 3D), 142min – Azione – Doppiato, alle 17, alle 19:20, alle 20:10 e alle 22:25;

“The Amazing Spider-man 2 – Il potere di Electro” (3D), 142min – Azione – Doppiato, alle 18:30 e alle 21:45;

“Gigolò per caso”, 98min – Commedia – Doppiato, alle 17:40, alle 20 e alle 22:20;

“Rio 2 – Missione Amazzonia”, 101min – Animazione – Doppiato, alle 17:30;

“Transcendence”, 119min – Azione – Doppiato, alle 17, alle 19:50 e alle 22:40;

“Noah”, 138min – Drammatico – Doppiato, alle 17:20 e alle 20:30;

“Oculus”, 105min – Horror – Doppiato, alle 22:45;

“Divergent”, 139min – Azione – Doppiato, alle 17 e alle 19:50;

“Allacciate le cinture”, 110min – Commedia – Doppiato, alle 18:30 e alle 21:30.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”, 70min – Documentario – Doppiato, alle 17:45 e alle 19:30;

“Il violinista del diavolo”, 122min – Drammatico – Doppiato, alle 21.

SALA EDEN a Stezzano in via Bergamo, 9 – 035 591449

“La nave dolce”, ‎90min‎‎ – Documentario‎‎ – Doppiato‎, alle 21.

MERCOLEDI’ 30 APRILE

UCI CINEMAS CURNO in via Lega Lombarda, 39 a Curno – 892 960

“Violetta – Backstage Pass”, musical, alle 17:30 e alle 19:50;

“Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”, 70min – Documentario – Doppiato, alle 19:50 e alle 22.

CINETEATRO GAVAZZENI a Seriate in via Guglielmo Marconi, 40 – 035 452 3057

“Rio 2 – Missione Amazzonia”, 101min – Animazione – Doppiato, alle 15 e alle 17:45;

“Ti sposo ma non troppo”, 95min – Commedia – Doppiato, alle 21.

Ecco le informazioni pellicola per pellicola.

– “Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve”. Nel giorno del suo compleanno il centenario Allan Karlsson scappa dalla casa di riposo in cui soggiorna verso una meta ignota, nel farlo prende la valigia piena di soldi ad un corriere della malavita senza conoscerne il contenuto. Giunto ad una prima destinazione incontra un contadino con il quale scopre il contenuto della valigia e da quel momento cerca di mettere a frutto il denaro non comprendendo bene di essere al centro di una clamorosa caccia all’uomo da parte della mafia.

– “Storia di una ladra di libri”. Germania, 1939. Liesel Meminger è una ragazzina di pochi anni che ha perduto un fratellino e rubato un libro che non può leggere perché non sa leggere. Abbandonata dalla madre, costretta a lasciare la Germania per le sue idee politiche, e adottata da Rosa e Hans Hubermann, Liesel apprende molto presto a leggere e ad amare la sua nuova famiglia. Generosi e profondamente umani gli Hubermann decidono di nascondere in casa Max Vandenburg, un giovane ebreo sfuggito ai rastrellamenti tedeschi. Colto e sensibile, Max completa la formazione di Liesel, invitandola a trovare le parole per dire il mondo e le sue manifestazioni. Perché le parole sono vita, alimentano la coscienza, aprono lo spazio all’immaginazione, rendono sopportabile la reclusione. Fuori dalla loro casa intanto la guerra incombe e la morte ha molto da fare, ricoverando pietosa le vittime di Hitler e dei suoi aguzzini, decisi a fare scempio degli uomini e dei loro libri.

– “Grand Budapest Hotel”. Monsieur Gustave è il concierge ma di fatto il direttore del Grand Budapest Hotel collocato nell’immaginaria Zubrowka. Gode soprattutto della confidenza (e anche di qualcosa di più) delle signore attempate. Una di queste, Madame D., gli affida un prezioso quadro. In seguito alla sua morte il figlio Dimitri accusa M. Gustave di averla assassinata. L’uomo finisce in prigione. La stretta complicità che lo lega al suo giovanissimo neoassunto portiere immigrato Zero gli sarà di grande aiuto.

– “Rio 2 – Missione Amazzonia”. Blu e la sua anima gemella vivono insieme a Rio de Janeiro e hanno avuto 3 figli, quando però scoprono che nel cuore dell’Amazzonia è stato avvistato un altro uccello della loro specie capiscono di non essere gli ultimi rimasti come credevano e decidono di partire in un viaggio di famiglia alla scoperta delle proprie origini. Non sarà facile adattarsi, specie per Blu, il più lontano dalle regole del mondo animale, e non aiuterà il fatto che Miguel, sopravvissuto miracolosamente al film precedente, li abbia avvistati e abbia deciso di partire alle loro calcagna con l’obiettivo di vendicarsi.

– “La sedia della felicità”. Bruna è un’estetista che fatica a sbarcare il lunario. Tradita dal fidanzato e incalzata da un fornitore senza scrupoli, riceve una confessione in punto di morte da una cliente, a cui lima le unghie in carcere. Madre di un famoso bandito, Norma Pecche ha nascosto un tesoro in gioielli in una delle sedie del suo salotto. Sprezzante del pericolo, Bruna parte alla volta della villa restando bloccata dietro un cancello in compagnia di un cinghiale. In suo soccorso arriva Dino, il tatuatore della vetrina accanto, che finisce coinvolto nell’affaire. Scoperti il sequestro dei beni di Norma e la messa all’asta delle sue otto sedie, Bruna e Dino rintracciano collezionisti e acquirenti alla ricerca dell’imbottitura gonfia di gioie. Tra alti e bassi, maghi e cinesi, laguna e montagna, Bruna e Dino troveranno la vera ricchezza.

– “Francesco da Buenos Aires – La rivoluzione dell’uguaglianza”. Il film, girato da Miguel Rodriguez Arias e Fulvio Iannucci, narra la vita di Papa Francesco dall’infanzia all’età adulta, da quando era arcivescovo a Buenos Aires fino all’elezione al Soglio Pontificio, toccando i punti nevralgici e più complessi della sua vicenda umana, religiosa e civile, in particolare le tante persone che ha salvato durante la dittatura argentina. La pellicola narra la vita di un uomo dall’ineguagliabile capacità di stare sempre al fianco del popolo, di un cristiano al servizio dei poveri e dei più deboli, che ha fatto della lotta alla discriminazione la sua missione umana. Realizzato attraverso un’attenta ricerca e selezione di materiali d’archivio e filmati inediti girati tra Città del Vaticano, Roma, Buenos Aires, Chiusi della Verna e Assisi, il documentario mette in luce non solo la personalità carismatica e al tempo stesso profondamente umana di Bergoglio, ma anche la sua determinazione nel voler rinnovare gli aspetti più obsoleti dell’istituzione ecclesiastica, e la sua ferrea volontà di combattere tutte le forme di corruzione.

– “Philomena”. Irlanda, 1952. Philomena resta incinta da adolescente. La famiglia la ripudia e la chiude in un convento di suore a Roscrea. La ragazza partorirà un bambino che, dopo pochi anni, le verrà sottratto e dato in adozione. 2002. Philomena non ha ancora rinunciato all’idea di ritrovare il figlio per sapere almeno che ne è stato di lui. Troverà aiuto in un giornalista che è stato silurato dall’establishment di Blair e che accetta, seppur inizialmente controvoglia, di aiutarla nella ricerca. Gli ostacoli frapposti dall’istituzione religiosa saranno tanto cortesi quanto depistanti ma i due non si perdono d’animo.

– “Gigolò per caso”. Fioravante è un gentiluomo di mezza età che svolge svariate mansioni. Elettricista, idraulico, artista floreale e in tempi di magra gigolò, Fioravante attrae le donne con la sua dignità e la sua costanza. Factotum cortese passeggia tra i borough di New York in compagnia di Murray, amico di vecchia data che gli procura i contatti con donne in cerca di avventure erotiche o carezze amorevoli. Condiviso da due ricche signore di Park Avenue, Fioravante le ascolta e le celebra in lunghe sedute in cui sfoggia la naturale sensibilità, l’arte della danza e del massaggio. Se Murray tiene il conto degli affari, Fioravante non ha messo in conto di innamorarsi. Incontrata Avigal, giovane vedova di un Rabbino, il nostro cede armi e cuore. Contro di lui si solleva una comunità chassidica e Dovi, ebreo ortodosso invaghito da sempre di Avigal. Tra erotismo ed ebraismo, Fioravante muoverà nella vita e nei sentimenti con la delicatezza delle sue composizioni floreali.

– “The Amazing Spider-Man 2 – Il potere di Electro”. Ormai a suo agio nei panni di supereroe part-time Peter Parker si trova in un empasse con Gwen. Nonostante i tentativi non riesce a stare lontano dalla ragazza di cui è innamorato (e ricambiato) come il padre gli aveva chiesto alla fine del film precedente, e il terrore di vederla partire verso un altro paese per motivi di studio non fa che peggiorare la situazione. Intanto il suo vecchio amico Harry Osborne torna in città per vedere il padre morire e prendere il suo posto a capo della società di famiglia e non solo. Tra i tre ragazzi si inserisce Max Dillon, anonimo impiegato della Oscorp che un incidente dota del potere di controllare l’elettricità e una vita remissiva della devianza mentale giusta per mettere tali capacità al servizio degli scopi peggiori.

– “Transcendence”. Il dr. Will Caster è uno dei più brillanti studiosi nel campo dell’intelligenza artificiale, al momento al lavoro su PINN, un sistema altamente avanzato di computer con autocoscienza basato sul cervello di scimmie usate come cavie. Quando un attentato portato da una frangia terroristica che mira a bloccare lo sviluppo di simili tecnologie lo condanna a morte la moglie, anch’essa studiosa, decide di sottoporre la sua mente al medesimo procedimento operato sul cervello della scimmia e caricarla dentro PINN per vedere se la sua mente possa continuare a viva usando i computer al posto della materia grigia. L’esperimento ha successo al di là di ogni aspettativa e la mente di Will Caster non solo vive ma acquista rapidità e potenza di calcolo contaminandosi con i computer e avendo accesso ad internet arriva ovunque cominciando a pianificare la propria sopravvivenza e il proprio potenziamento. Solo il fronte terroristico anti-intelligenza artificiale sembra aver capito tutto quel che sta accadendo.

– “Noah”. Noè, ultimo discendente della stirpe di Set, vede morire suo padre per mano dei discendenti di Caino. Diventato adulto una notte il Creatore gli parla in sogno annunciandogli la fine dell’umanità con un grande diluvio e instillando in lui lo stimolo a costruire un’arca in cui stipare tutti gli animali assieme alla moglie, i figli e le mogli dei figli. Aiutato dai giganti (antica stirpe che popola la Terra, originariamente scesa dal cielo per pietà verso gli uomini) costruisce l’arca e la difende dagli attacchi portati dal resto degli uomini quando è ormai chiaro che la fine è vicina. Tentato a sua volta da un eccesso di religiosità e adesione alla furia divina rischia di uccidere la propria discendenza e sconfigge la propria nemesi infiltratasi nell’arca fino a sopravvivere e ritrovare la Terra.

– “Oculus”. La famiglia Russell è stata colpita da una terribile tragedia che ha segnato per sempre la vita dei fratelli Tim e Kaylie. Dieci anni dopo, Tim, che era stato accusato del brutale assassinio di entrambi i genitori, lascia il carcere con l’unico desiderio di lasciarsi tutto alle spalle e ricominciare. La sorella Kaylie invece, ancora ossessionata da quella fatidica notte, è fortemente convinta che la morte dei suoi genitori sia stata causata da qualcos’altro. Secondo la ragazza, una forza maligna risiederebbe in un antico specchio che si trovava nella casa di famiglia. Kaylie, determinata a provare l’innocenza del fratello, rintraccia lo specchio e scopre che nel corso dei secoli i diversi proprietari dell’oggetto sono stati tutti vittime di morti violente simili a quella dei suoi genitori. Ora che lo specchio è di nuovo nelle loro mani, Tim e Kaylie sono decisi a scoprire la verità, ma si renderanno conto troppo tardi che l’incubo della loro infanzia è tornato…

– “Divergent”. In un futuro in cui una grande guerra ha distrutto le città e reso necessario un mutamento nell’organizzazione delle società, la razza umana vive divisa in cinque caste la cui appartenenza non si dà per nascita ma per scelta individuale al compimento della maggiore età. I Candidi (sempre sinceri) si occupano di esercitare la legge, i Pacifici (sempre gentili) coltivano la terra per sfamare tutti, gli Eruditi (sempre a conoscenza di tutto) sono insegnanti e ricercatori, gli Abnegati (altruisti) si occupano di governare e infine gli Intrepidi si occupano della protezione. Al momento di compiere un test sulla personalità utile a capire a quale gruppo si è più affini Beatrice Prior risulta Divergent, cioè non affine a nessuna categoria, un risultato rarissimo che la mette in pericolo. L’ordine sociale infatti impone di eliminare quelli come lei poichè la loro stessa esistenza è una minaccia all’ordine così costruito. Celando la sua natura Beatrice sceglie gli Intrepidi e comincia il suo addestramento a una vita di cui non è certa.

– “Captain America – The winter soldier”. Ambientatosi nei nostri giorni Steve Rogers continua a servire gli Stati Uniti attraverso lo S.H.I.E.L.D., nonostante non sia contento della poca trasparenza e delle scarse informazioni che riceve su quel che fa. Quando anche Nick Fury comincia a scoprire che ci sono dati ed elementi che sono preclusi anche a lui è evidente che tutta la struttura serve un doppio fine. Se non bastassero le intuizioni arrivano diversi attacchi (a Fury in primis) a scoprire le carte e mostrare chi sia la talpa dentro l’organizzazione. Fuggito assieme a Vedova Nera e un reduce che forse può dare una mano, Capitan America comincia a scoprire che forse Hydra non è morto del tutto con la seconda guerra mondiale. Il profilo che la Marvel sta delineando per se stessa al cinema, anche in opposizione ai film della casa di fumetti rivale DC, è quello più legato all’entertainment in senso stretto. Poco problematici e molto divertenti, i suoi fumetti trasportati al cinema sono un concentrato delle migliori regole dell’intrattenimento filmico, con una complessità sempre crescente data dalla gestione di un universo di storie e personaggi intrecciati in maniera ben più stretta di quanto non facciano i fumetti stessi.

– “Marco Spada – Il balletto del Bolshoi”. Il bandito Marco Spada saccheggia la regione proprio sotto il naso del Governatore e nasconde sapientemente la sua identità. Sua figlia Angela, completamente inconsapevole della doppia vita del padre e delle sue attività clandestine, è intanto preoccupata della sua difficile situazione sentimentale: innamorata del Principe Federici è infatti distrutta quando scopre che potrebbe non poterlo sposare perché lui è già impegnato con un’altra donna…

– “Monuments Men”. Mentre le forze alleate stanno sferrando il loro attacco alla Germania lo storico dell’arte Frank Stokes ottiene l’autorizzazione da Roosevelt in persona per mettere insieme un gruppo di esperti che cerchi di recuperare le opera d’arte che Hitler ha fatto portare via e nascondere in previsione della costruzione del Museo del Fuhrer. In caso di sconfitta del Reich l’ordine è di distruggerle. Si viene così a creare una compagnia formata da due storici e un esperto d’arte, un architetto, uno scultore, un mercante, un pilota britannico e un soldato ebreo tedesco per le traduzioni. Escluso quest’ultimo i componenti del gruppo non hanno certo l’età dei combattenti ma la loro missione non è priva di pericoli.

– “Roadmap to Apartheid”. Attingendo dalla loro esperienza personale, i registi Ana Nogueira (una bianca sudafricana) e Eron Davidson (un ebreo israeliano) esaminano in modo efficace e approfondito le analogie tra le forme sudafricane e israeliane di Apartheid. Narrato da Alice Walker (Premio Pulitzer per Il Colore Viola), Roadmap to Apartheid (http://www.roadmaptoapartheid.org/) riguarda tanto l’ascesa e il declino dell’Apartheid in Sudafrica quanto il perché tanti palestinesi sentono di vivere oggi in un regime di Apartheid mentre un numero crescente di persone in tutto il mondo è d’accordo con loro. In questo loro primo film, gli autori sono riusciti a realizzare un quadro della situazione di occupazione coloniale da parte israeliana che non tralascia nessun aspetto dell’Apartheid: dalla pressione psicologica, alla prigione, alle torture, alle demolizioni delle case, agli attacchi militari, alle bombe, al sistema di permessi, ai checkpoint che sempre più accerchiano la popolazione palestinese in aree ridotte a Bantustan. Esperti di rilievo sia sull’Apartheid sudafricana che su quella israeliana hanno confrontato i diversi aspetti e le diverse analogie, ma forse ancora più importante sono le voci di molti sudafricani e palestinesi, esperti in materia di apartheid per averla vissuta e per aver lottato contro di essa nel corso della propria vita quotidiana. In chiusura il film esamina la combinazione vincente della resistenza interna e delle campagne internazionali per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni che ha contribuito a porre fine all’apartheid in Sudafrica, e che oggi rappresenta il mezzo più efficace per fare lo stesso in Israele e Palestina, creando un futuro comune basato sulla libertà e sull’uguaglianza per tutte le persone.

– “Il violinista del diavolo”. Siamo agli inizi dell’Ottocento. Il violinista Niccolò Paganini dissipa le sue energie fra donne, gioco d’azzardo e stupefacenti. Quel che è peggio, nessuno sembra capire né apprezzare il suo talento. Nessuno, tranne un certo Urbani, mefistofelico agente (del demonio?) che lo convince a firmare un contratto capestro: Urbani garantirà a Paganini il successo, e il "violinista del diavolo", come verrà chiamato il musicista, dopo la morte gli consegnerà la sua anima.

– “La nave dolce”. L’8 agosto 1991 una nave albanese, carica di ventimila persone, giunge nel porto di Bari. La nave si chiama Vlora. A chi la guarda avvicinarsi appare come un formicaio brulicante, un groviglio indistinto di corpi aggrappati gli uni agli altri. Le operazioni di attracco sono difficili, qualcuno si butta in mare per raggiungere la terraferma a nuoto, molti urlano in coro "Italia, Italia" facendo il segno di vittoria con le dita. La Vlora è un vecchio e malandato mercantile costruito all’inizio degli Anni Sessanta a Genova. Il 7 agosto 1991 la nave, di ritorno da Cuba, arriva al porto di Durazzo. Sono in corso le operazioni di scarico quando una folla enorme di migliaia di persone assale improvvisamente il mercantile, costringendo il capitano Halim Malaqi a fare rotta verso l’Italia. Sono passati ventun’anni da quel giorno. La maggior parte di coloro che salirono sulla nave, carica di zucchero, vennero rispediti in Albania ma gli sbarchi continuarono e qualcuno tentò ancora la traversata. All’epoca sul territorio nazionale erano presenti poco più di 300.000 stranieri. Oggi, in Italia, ne vivono quattro milioni e mezzo.

– “Violetta – Backstage Pass”. Violetta – Backstage Pass è l’imperdibile nuovo contenuto dedicato all’emozionante live Italiano di Violetta – Il Concerto: una nuova occasione per rivivere le emozioni dello show, scoprire il dietro le quinte e cantare con i protagonisti della serie. Violetta – Backstage Pass vede i talentuosi dodici attori del cast, capitanati dalla giovane protagonista Martina Stoessel, impegnati a interpretare le hit di successo della prima e seconda stagione della serie tv cult di Disney Channel durante l’incredibile performance dello scorso gennaio in Italia. Ad arricchire lo spettacolo ci sono inediti dietro le quinte che vi racconteranno come i protagonisti hanno vissuto il tour Italiano. Violetta – Backstage Pass divertirà i fan anche grazie alla speciale versione karaoke: il pubblico in sala diventerà protagonista e, con la sua voce, accompagnerà i propri idoli. Sarà un’occasione per rivivere l’entusiasmante esperienza della performance live con esclusivi contenuti tratti dal backstage; il pubblico sarà coinvolto nei momenti più emozionanti del concerto, potrà vivere l’adrenalina dei protagonisti prima di calcare il palco e potrà divertirsi a scoprire come i loro artisti preferiti trascorrono il tempo libero.

– “Ti sposo ma non troppo”. La pellicola racconta la storia di Andrea (Vanessa Incontrada), una giovane e affascinante donna delusa dall’amore, Luca (Gabriele Pignotta), un fisioterapista single che si finge psicologo per sedurla, e di una coppia, Carlotta e Andrea che entra in crisi alla vigilia del matrimonio (Chiara Francini e Fabio Avaro). Per un casuale doppio scambio di identità, le vite dei quattro personaggi finiranno per intrecciarsi ed essere travolte dall’eterna ricerca dell’amore perfetto. Una moderna commedia degli equivoci in cui nessuno é quello che sembra e nessuno può scegliere neanche di non amare.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.