BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Patto civico chiede di rinviare il bilancio a dopo le elezioni

In considerazione del fatto che e' non solo e' possibile ma è molto probabile che entro il 30 aprile arrivi la proroga al 31 luglio per l'approvazione dei bilanci comunali 2014 il Patto Civico lunedì presenterà una pregiudiziale per sospendere la discussione del documento previsionale del Comune di Bergamo.

Più informazioni su

In considerazione del fatto che e’ non solo e’ possibile ma è molto probabile che entro il 30 aprile arrivi la proroga al 31 luglio per l’approvazione dei bilanci comunali 2014 – come chiesto dal Presidente Anci Piero Fassino ai Ministri Padoan e Alfano -, il Patto Civico lunedì presenterà una pregiudiziale per sospendere la discussione del documento previsionale del Comune di Bergamo.

"Chiederemo di non discutere nella seduta di domani il bilancio preventivo – dichiara Nadia Ghisalberti, capogruppo del Patto Civico- perché, in caso contrario, si esporrà un documento così importante non solo alle strumentalizzazioni tipiche della campagna elettorale, ma anche a gravi dubbi sulla sua legittimità".

"Infatti – prosegue Ghisalberti – se a livello nazionale venisse varata la proroga per l’approvazione dei bilanci, decadrebbe l’improrogabilità dell’atto, condizione che oggi ne rende possibile l’approvazione (nei 45 giorni prima delle elezioni, il Consiglio comunale non può approvare alcun atto se non quelli ‘urgenti e improrogabili’). A questo punto – spiega ancora Ghisalberti – il rischio, non affatto trascurabile, che ne consegue è che l’amministrazione e lo stesso consiglio comunale si espongano a una serie di ricorsi di cittadini sull’approvazione (con dubbi di legittimità’, quindi) delle aliquote TASI, la cui prima rata per i cittadini sarebbe da pagare, a questo punto, entro il 16 giugno".

"Non solo – aggiunge Ghisalberti – c’e’ anche da considerare che nel provvedimento ‘Salva Roma’ in via di approvazione in Parlamento è previsto un emendamento che proroga il pagamento della TASI, in un’unica soluzione, al 16 dicembre prossimo per i Comuni che non l’hanno deliberata. Sospendere l’approvazione del bilancio significherebbe, quindi, oltre che mettere al sicuro il Comune da possibili ricorsi, posticipare il pagamento della prima rata TASI di ben 6 mesi". "Si tratta di una proroga temporale tutt’altro che trascurabile – sottolinea la capogruppo del Patto Civico – vista la situazione di crisi e soprattutto in considerazione della scelta di Tentorio che, alla faccia del refrain "non ho aumentato le tasse", ha fissato l’aliquota del 3,2 %, quasi la massima possibile (3,3%)".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo

    Ghisalberti, che uscita è questa? Voi fate campagna elettorale… e io pago??? No grazie!

  2. Scritto da la volpe politica

    pane e volpe, cara Ghisalberti. Un po’ di realismo, se non di umiltà? No eh?

  3. Scritto da Andy

    E comunque visto che potrebbe esserci un cambio di giunta, non è più corretto, che questo bilancio sia votato da questo consiglio Comunale? Si rischia che poi, chi succederà alla giunta Tentorio attuale, si trovi in difficoltà.

    1. Scritto da Non col vento

      Le variazioni servono a questo.

  4. Scritto da NON COL VENTO

    Richiesta fuori posto, è dovere dell’Amministrazione uscente predisporre il bilancio preventivo sulla base di elementi certi. Un passo falso per una lista che vorrebbe essere civica e quindi scevra strumentalismi politici.

  5. Scritto da dubbio

    ok: e se poi la proroga non viene concessa da Roma?
    Il comune si troverà senza bilancio preventivo.
    Si può fare politica e amministrare i fondi pubblici ragionando sul “possibile” e “molto probabile”?