BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Festa della Liberazione Le iniziative a Bergamo per il 69°anniversario

Il 25 aprile alle 10.15 parte il corteo dal piazzale della stazione diretto in piazza Vittorio Veneto e poi tanti eventi per ricordare il 69° anniversario della Liberazione dai nazifascisti.

Bergamo celebra il 69° anniversario della Liberazione dai nazifascisti con una serie di eventi istituzionali e spontanei durante tutta la giornata.

Ecco alcune delle iniziative da seguire:

In occasione dell’anniversario della Liberazione, il 25 aprile, il Comitato bergamasco per la difesa della Costituzione ha organizzato "La Costituzione in Piazza". Più di 80 tra enti e scuole del territorio comunale e provinciale hanno aderito, "adottando" un pannello con un articolo della Costituzione, che verrà portato alla manifestazione che prende avvio da piazzale Marconi (piazzale stazione FFSS) alle 10.

Le manifestazioni istituzionali con la partecipazione del sindaco prendono avvio alle 8.45 al Cimitero Civico: al Campo dei Caduti per la Libertà celebrazione della Messa e deposizione delle corone d’alloro. Alle 9.45 in Rocca Deposizione di corone d’alloro alle lapidi che ricordano i Caduti per la Libertà e i Caduti nei Campi di Concentramento e al monumento ai Caduti della Divisione Legnano e dell’ Esercito di Liberazione Italiano 1943-1945. Ore 10 a Piazzale Marconi (antistante la stazione ferroviaria) Concentramento dei partecipanti al Corteo in partenza alle 10.15 sul Viale Papa Giovanni XXIII, con arrivo in Piazza Vittorio Veneto. Sul palco apre degli interventi della commemorazione Carlo Salvioni, Presidente del Comitato Bergamasco Antifascista, seguono poi Luigi Tarzia, partigiano della 53^ Brigata Garibaldi e Julia Maccarini, studentessa del Liceo P. Secco Suardo di Bergamo. L’orazione ufficiale dell’onorevole Mario Artali, Presidente Nazionale della Federazione Italiana Associazioni Partigiane (FIAP).

Ore 10.45 in Piazza Vittorio Veneto l’omaggio delle Autorità e delle rappresentanze alla Torre dei Caduti e al Monumento al Partigiano, con deposizione di corone d’alloro. 

Per chi vuol continuare la giornara è possibile aderire alla Manifestazione “Arena di Pace e disarmo” a Verona: un pullman èin partenza dal piazzale della Malpensata alle 12.30. Per saperne di più leggi qui l’articolo

Il 25 aprile sarà un momento di festa e di conoscenza anche per l’Isrec, quest’anno in modo particolare, viene valorizzato con la pubblicazione del libro dei racconti di Giulio Questi, da Einaudi, con la prefazione di Angelo Bendotti. Il 26 aprile poi Festa in cortile, in via Tasso alle 15: canti, letture e riflessioni a partire dai racconti di Questi e l’occasione per stare insieme. Giovedì 24 aprile all’Auditorium di piazza della Libertà, alle 21 verrà proiettato il film di Questi: “Se sei vivo spar. Venerdì 25 aprile alle 21 sempre in Auditorium, proiezione del film “Le stagioni del nostro amore” di Florestano Vancini, in collaborazione con Lab80”.   

Lo Spazio Artistico del Mutuo Soccorso, in via Zambonate 33, presenta “25 opere per il 25 aprile". Mostra collettiva di dodici artisti bergamaschi Calisto Gritti, Mario Sacchi, Enzo Catini, Elio Bianco, Alfa Pietta, Maribea Bonzani, Valentina Persico, Virgilio Fidanza, Italo Chiodi, Mauro Ravasio, Fabrizio Agustoni, Sem Galimberti con opere che si ispirano al primo articolo della Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani. Inaugurazione giovedì 24 aprile alle 18.

E la festa continua con “Insieme per regalare un sorriso 4° Trofeo Beppe Salvetti a.m.”. Organizzato dall’Athletic Club Polizia di Stato di Bergamo, l’evento è una marcia non competitiva aperta a tutti in ricordo dell’agente della Questura di Bergamo scomparso prematuramente per un malore nel gennaio 2010. Si tratta di una manifestazione podistica “ludico motoria” non competitiva a carattere internazionale, a passo libero e aperta a tutti. L’intero ricavato verrà devoluto all’associazione Onlus "Amici della Pediatria" che opera presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII. Ritrovo alle 7 in piazzale Goisis al Lazzaretto per la partenza su due percorso di 7 e 14 chilometri.

Alle 12 “Camminando in Libertà “ alla Fiera dei Librai sul Sentierone, presentazione del fascicolo In Malga Lunga – 17 Passeggiate Resistenti, di Roberto Cremaschi, ed. Publistampa. Il libro – 64 pagine, cartine e foto a colori – propone e descrive con cura tutti gli itinerari che da ogni versante raggiungono la Malga Lunga. Un luogo della memoria, oggi diventato, anche grazie alla ripetizione annuale del Sentiero Caslini, un luogo d’incontro tra generazioni e Cremaschi si propone di farlo conoscere, raggiungere e amare. Intervengono Roberto Cremaschi autore e Mario Pellicioli storico. A cura di ANPI Bergamo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Enrico Mazzoleni

    W san marco

  2. Scritto da Arturo

    Il 25/4 si festeggia la “Liberazione” dall’invasore tedesco del 1945.Oggi,2014, cosa festeggiate?L’invasione totale da parte di africani e arabi islamici che addirittura l’italia manda a prendere?La sudditanza totale ad una UE sempre più di stampo sovietico e dittatoriale?Un’economia che grazie all’euro ha portato vantaggi solo alla Germania ed agli stati senza €,distruggendo tutti gli altri stati con €?I liberatori veri di allora si rivoltano nella tomba vedendo le manifestazioni di oggi.

    1. Scritto da stefano

      Fammi capire, la UE sarebbe la nuova URSS, gli ucraini filo-UE sono considerati fascisti e quelli filo-Russia sono considerati comunisti nostalgici dell’URSS. Avete capito qualcosa o sparate opinioni al sesso di segugio?

    2. Scritto da Ottimo

      Hai perfettamente ragione, e ipolitici che si sono succeduti in questi 20 anni si dovrebbero vergognare e andarsene dall, italia . Italia libera