BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Creberg, nozze col Banco Zonca: “Stavamo bene anche da fidanzati”

L'Assemblea straordinaria degli Azionisti del Credito Bergamasco ha approvato il progetto di fusione per incorporazione nel Banco Popolare: emozionato, il presidente Cesare Zonca non ha fatto nulla per nascondere il suo dispiacere e la sua sofferenza.

Più informazioni su

E’ un bel matrimonio ma tutto sommato stavamo bene anche da fidanzati”: il presidente del Credito Bergamasco Cesare Zonca non fa nulla per nascondere la propria sofferenza nel presiedere l’assemblea straordinaria degli azionisti che ha approvato il progetto di fusione per incorporazione nel Banco Popolare ed esprime così, in risposta all’intervento di un socio che aveva usato la metafora delle nozze tra i due Istituti dopo tanti anni di convivenza, tutto il suo dispiacere.

Erano 40 i soci presenti (qualche malumore è stato espresso solamente per la convocazione il 25 aprile), rappresentanti dell’80,74% del capitale sociale e proprietari di 49.339.312 azioni: trentotto di questi si sono pronunciati favorevolmente rispetto al progetto di fusione, due gli astenuti.

Obiettivi ed esigenze ci hanno portati fin qui – ha continuato Zonca – Il mio dispiacere è figlio dell’affetto che provo per questa struttura e per tutte le persone che ne fanno parte: loro l’hanno fatta vivere in modo sempre dignitoso e a tratti perfino glorioso. Il Credito Bergamasco ha dato, nonostante la crisi, un forte contributo all’economia del territorio, permettendo sviluppo economico e sociale. Il mio dispiacere, però, è compensato dalle rassicurazioni ricevute dal Banco Popolare: nella realtà la struttura del Credito rimarrà qui, perchè siamo importanti per questo territorio e perchè non è nell’interesse di nessuno svilire la qualità di questa struttura che il Banco Popolare dovrà potenziare”.

Il progetto di fusione, sottoposto agli adempimenti pubblicitari previsti dalla normativa vigente ed autorizzato da Banca d’Italia, era stato approvato dai Consigli di Amministrazione delle due banche lo scorso 26 novembre e successivamente integrato con determinazioni consiliari assunte in data 17 febbraio 2014. Il progetto così integrato è stato approvato dall’Assemblea straordinaria dei Soci del Banco Popolare riunitasi il 29 marzo 2014 e il rapporto di cambio stabilito prevede l’attribuzione agli azionisti dell’incorporanda di 1,412 azioni ordinarie Banco Popolare per ogni azione ordinaria Creberg.

Come già comunicato al mercato, il valore di liquidazione unitario delle azioni di Creberg eventualmente oggetto di recesso è stato a suo tempo fissato in euro 12,238. La fusione del Creberg costituisce la parte finale del progetto di semplificazione societaria e amministrativa avviato dal Banco Popolare nel corso del 2011 che aveva portato all’integrazione, nello stesso Banco Popolare, delle banche del territorio: il Credito Bergamasco, infatti, era l’ultima banca commerciale a dover confluire nel Gruppo. La fusione del Credito Bergamasco nel Banco Popolare sarà operativa a partire dal primo giugno 2014.

“L‘emozione prevalente in questo momento – ha sottolineato Zonca a margine dell’Assemblea straordinaria – è la sofferenza. Una sofferenza però molto temperata dalla speranza, per il futuro del Credito Bergamasco e per le rassicurazioni che il Banco Popolare ci ha fatto. Cambiamo formalmente ma continueremo ad avere lo stesso legame di sempre con il territorio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Ol pòm bèl finit in boca al………

  2. Scritto da Fivelementi

    Chissà che da questa esperienza il Creberg non sia più in empatia con le aziende del territorio. È la seconda o terza banca del territorio che viene incorporata? Questo forse denota che non sanno fare il loro lavoro, e il fatto che la nostra provincia faccia fatica a partire parte anche da loro. In bocca al lupo……

  3. Scritto da Non col vento

    Piccolo mondo antico

  4. Scritto da Ettore Fieramosca

    Stavate bene anche da fidanzati? Per forza adesso perdete presidenze, posti in CdA, prezzemolate varie…..

    1. Scritto da MIOPE

      Beh, giudizio appena appena riduttivo …anzi più semplicemente

  5. Scritto da nino cortesi

    Se vince il M5* sono convinto che ce lo riprenderemo.

  6. Scritto da wiw

    Sappiamo benissimo che è una perdita. E basta, le speranze muoio no per uitime,com’è arcinoto.