BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Addio spending review Polizia: pronti 672 allievi Ma lo Stato fa nuovo bando

Sulla carta sarebbero già pronti: 672 allievi agenti di polizia che hanno già superato le visite mediche e che potrebbero seguire il corso e poi entrare in servizio. Ma dopo 22 interrogazioni parlamentari, 3 interpellanze, 4 ordini del giorno e una mozione si è deciso per buttare tutto all'aria e bandire un nuovo concorso.

Più informazioni su

In un tempo di tagli alla spesa sarebbe opportuno ottimizzare le risorse che già si hanno. Ma a quanto pare il discorso non vale per i 672 allievi agenti disoccupati. Bergamonews si era già occupato della graduatoria per 1083 allievi agenti della Polizia di Stato che vede 672 unità in esubero di cui: 160 vincitori in seconda aliquota e altri 512 idonei non vincitori. Sono candidati a diventare allievi agenti di polizia ed hanno di fatto già superato le prove e le visite mediche.

In tempi di allarme sicurezza, di tagli alle spese folli e in vista dell’Expo dove servirà rinforzare il personale della polizia di Stato sarebbe stato utile considerare i candidati già idonei e avviarli alla scuola di polizia.

“Nonostante l’allarme sicurezza lanciato dal Capo della Polizia, il Prefetto Pansa, le mille interviste che nel frattempo il Ministro dell’Interno Alfano rilascia a televisioni e giornali e la legge 125/2013 che obbliga ad esaurire le graduatorie prima di poter effettuare nuovi concorsi – spiegano i candidati esclusi – il 14 marzo scorso, il Ministero dell’Interno indice un nuovo concorso per l’arruolamento di 650 allievi agenti della Polizia di Stato. Tutto ciò nonostante la palese violazione dei principi di economicità, efficienza e speditezza dell’azione amministrativa nonché della trasgressione del DL 101 art.4 comma 3 par. a e b. Lo Stato avrebbe la possibilità di assumere immediatamente 672 unità già selezionate, pronte a essere inviate alle scuole di polizia a costo zero e invece bandisce nuove procedure concorsuali sperperando i soldi dei contribuenti”.

IL GOVERNO E LE PROMESSE DI RENZI

L’8 aprile scorso, durante la seduta 225 del Senato, il Governo di Matteo Renzi, tramite il Sottosegretario di Stato per la Difesa on. Domenico Rossi, dando parere conforme ai relatori, accoglie con raccomandazione tre ordini del giorno presentati da: Partito Democratico, Lega Nord e Forza Italia. Pongono la loro firma e, quindi, sottoscrivono la problematica, anche esponenti di Sel, M5S e Gruppo Misto. Le dichiarazioni deIl’onorevole Domenico Rossi impegnano il Governo a risolvere l’incresciosa questione dell’assunzione delle 672 unità immediatamente disponibili al concorso per 964 Allievi Agenti della Polizia di Stato. A CHE PUNTO SIAMO? Da Gennaio ad oggi la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica hanno prodotto: 22 interrogazioni parlamentari, 3 interpellanze, 4 ordini del giorno e una mozione. Tutte le forze politiche hanno prodotto almeno un atto: PD, Forza Italia, Scelta Civica, Fratelli D’Italia, Udc, Sel, Scelta Civica, Movimento 5 Stelle, Lega Nord, Gruppo Misto.

“L’unico partito a non aver fatto nulla è, guarda caso, Ncd del Ministro Alfano. Sarà una coincidenza, vero? – si chiedono in una nota i candidati allievi –. Nonostante l’impegno ufficiale del Governo e l’unità d’intenti che le varie parti politiche dimostrano, a distanza di quasi 5 mesi dall’inizio della querelle, nulla di concreto è stato fatto. Il Ministero dell’Interno, contravvenendo a tutte le norme giuridiche attualmente vigenti, ha avviato una nuova procedura concorsuale nonostante il numero di unità richieste è paradossalmente quasi identico al numero di unità già disponibili con idoneità psico-fisica e attitudinale ancora in atto. Parliamo di ragazzi che quindi non devono sostenere nuovamente le visite mediche di accertamento e che domani mattina potrebbero già essere avviati alle scuole di formazione per il corso di Allievi Agenti”.

“Inoltre – aggiungono – gli allievi agenti sarebbero sicuramente gli unici a poter sostenere un normale corso di formazione, della durata di circa un anno, rispetto ai giovani del nuovo bando che verrebbero avviati ai corsi non prima di novembre 2014 e che pertanto, sarebbero disponibili per le esigenze di Expo 2015 solo sostenendo un corso di formazione speciale e ridotto di tre mesi”.

I CARABINIERI GIA’ LO HANNO FATTO

Che cosa chiedono quindi i candidati idonei? “Chiediamo l’immediato scorrimento della graduatoria, fino ad esaurimento, del concorso per 964 allievi agenti (poi elevato a 1083) e l’invio immediato alle scuole di Polizia delle 672 unità immediatamente disponibili – rispondono i candidati allievi –, così come tra l’altro ha già provveduto a fare l’Arma dei Carabinieri che a gennaio scorso ha provveduto ad esaurire la graduatoria vigente ovvero quella dell’anno 2012”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Silvia

    meno male che è il “governo del fare”.

  2. Scritto da Luigi

    Bell’articolo… REDAZIONE: fatelo girare bene prima delle elezioni. Cosi si vede chi dice “bugie” solo a scopo di prendere voti. Quindi presumo siano tutte “balle” il fatto di 2600 agenti in più. Quindi a Bergamo verranno tolti quelli che ci sono per EXPO. Bello questo paese (piccolo) sempre meglio. complimenti