BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo migliora: la raccolta differenziata raggiunge quota 65,7%

Nel giorno della terra ecco i dati aggiornati in merito alla raccolta differenziata a Bergamo, tra i capoluoghi di provincia di più virtuosi. L'assessore all'Ambiente Masimo Bandera annuncia che la città ha superato la quota 65% attestandosi a un 65,7% .

Più informazioni su

Nel giorno della terra ecco i dati aggiornati in merito alla raccolta differenziata a Bergamo, tra i capoluoghi di provincia di più virtuosi. L’assessore all’Ambiente Masimo Bandera annuncia che la città ha superato la quota 65% attestandosi a un 65,7% .

"Non poteva esserci giorno migliore che quello dedicato alla Terra per ricevere e diffondere alla cittadinanza  gli straordinari dati della raccolta differenziata rilevati nel mese di marzo. Ebbene per la prima volta la Città di  Bergamo sfonda la soglia del 65%  attestandosi nel mese di marzo al 65,7% di raccolta differenziata dei rifiuti e confermando ancora una volta la forte collaborazione e sensibilità dei cittadini bergamaschi nella tutela dell’ambiente. Un risultato estremamente importante se si considera che solo 5 anni fa eravamo al 50% di raccolta differenziata e che permetterà sicuramente anche per l’anno prossimo un’ulteriore riduzione delle tariffe ai cittadini e alle imprese come previsto quest’anno. Se consideriamo infine che  i comuni capoluogo che hanno superato tale obiettivo si contano sulle dita di una mano e che tutti questi tranne uno hanno molti meno abitanti di Bergamo, tale risultato non può che proiettarci sempre di più tra i comuni più virtuosi d’Italia nelle politiche sulla sostenibilità ambientale. 

Grazie Bergamo"

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andrea

    e per i paesi in provincia dove si utilizza ancora il sacco nero con il benestare dei comuni?

  2. Scritto da ezio

    Chissà se forza italia denuncerà lo spottone gratuito e la par condicio

  3. Scritto da Marino

    Infatti si vede com’è calata la tassa sui rifiuti….. Sono anni che ci prendono per i fondelli: i meno disciplinati sono i comuni, con cestini per strada indifferenziati dove finisce dentro di tutto!

    1. Scritto da luc_71

      E chi glie l’ha detto che aumentando la raccolta differenziata i costi (e quindi la tassa sui rifiuti) diminuisce?

      1. Scritto da Marino

        Spiego meglio. Che incentivo ho io per fare bene la “differenziata” se non uno sconto sulla tassa dei rifiuti? La differenziata è la “materia prima” con cui alcune aziende (private) riciclando producono il loro business e guadagno. Più io separo bene i materiali, meno spendono queste aziende per avere la loro “materia prima” utilizzabile…. Mi sembra il minimo che, sottoforma di sconto, mi paghino per avergli agevolato la fase di selezione e smistamento. Sono un collaboratore “in remoto”.

      2. Scritto da Marino

        Hanno sempre predicato (tutte le amministrazioni di tutti i comuni lo fanno) che fornendo materiale “separato”, si riducessero la quantità e i costi per lo smaltimento dell’indifferenziato. Dal vetro si ricava nuovo vetro, dalla carta e dal cartone anche, dalle bottiglie di plastica e dai metalli si fondono e si creano nuove materie riutilizzabili…. Qualcuno, riutilizzandole, ci guadagnerà….. e dovrebbe dare qualche centesimo (sottoforma di sconto) anche a noi per questo…..