BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quattromila franchi al mese: la Svizzera vota il salario minimo garantito

Un referendum per decidere se assicurare un salario minimo agli svizzeri. Un salario minimo garantito di tutto rispetto a dire il vero: quattromila franchi, ovvero 3.290 euro al mese. Il più alto del mondo. Se vinceranno i sì, domenica 18 maggio, questo obbligo verrà inserito nella Costituzione elvetica.

Un referendum per decidere se assicurare un salario minimo agli svizzeri. Un salario minimo garantito di tutto rispetto a dire il vero: quattromila franchi, ovvero 3.290 euro al mese.

Il più alto del mondo. Se vinceranno i sì, domenica 18 maggio, questo obbligo verrà inserito nella Costituzione elvetica.

A un mese dal voto il dibattito si scalda.

L’iniziativa è stata lanciata dai sindacati e appoggiata dai partiti di sinistra: promossa dall’Unione sindacale svizzera (Uss), ha raccolto nei 26 cantoni le oltre 100 mila firme necessarie. Favorevoli tutte le formazioni politiche di sinistra (Partito socialista in testa) che propongono di introdurre un salario minimo di 22 franchi svizzeri all’ora (pari a 18 euro) in tutto il territorio elvetico e per ogni settore.

Gli obiettivi sono, soprattutto, due: frenare il ribasso dei salari e ridurre la disparità fra uomini e donne. Secondo i sostenitori, infatti, molti oggi hanno una paga oraria inferiore a 22 franchi svizzeri e non sono in grado di vivere in condizioni decorose.

Contrari al salario minimo i partiti di centro e di destra ma anche i Verdi liberali, che hanno organizzato un comitato politico del «No al salario minimo unico» e lanciato una campagna online. Schierato anche il mondo delle imprese, riunito intorno a «Economiesuisse», ombrello che rappresenta multinazionali, Pmi, commercio, banche. Fra le ragioni, il costo della vita molto diverso da cantone a cantone e, parimenti, fra grandi e piccole città, che finirebbe per creare maggiori divari.

Secondo gli oppositori, il salario minimo in Francia provocherebbe un livellamento dei salari verso il basso e una maggiore precarietà per i giovani

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luka

    Una grande nazione dove i politici nn percepiscono niente anzi sono loro che ringraziano x poter lavorare e aiutare il loro paese …..e inoltre nn hanno l’euro

  2. Scritto da POERET

    CASUALMENTE NON HANNO L’EURO SARA’ UN CASO NON
    CREDO

    1. Scritto da andrea

      Bastasse non avere l’euro per diventare ricchi… invece serve un economia forte, uno stato non troppo burocratico, una classe dirigente capace e una classe politica onesta e trasparente.

      Tutte cose che, in Svizzera e Inghilterra ma anche in Germania, Olanda Lussemburgo (quest’ultime con tanto di euro) hanno.

      Noi invece…

  3. Scritto da il polemico

    salario di tutto rispetto,peccato solo se la sanità e la pensione se la deve pagare il lavoratore o zero assitenza,l’affitto costa 1000 franchi minimo,il mangiare tralasciamo….15 anni fa,una pizzetta surgelata e 1/2 litro di acqua naturale costata 18 franchi.se prendo di piu e pago di piu,dove è il vantaggio?un po come con renzi,mi danno 80 euro ma mi aumenta di 100 le tasse,sai che guadagno……chi può guadagnarci è un frontaliero,non di certo un residente

  4. Scritto da Viola

    Francia?

    1. Scritto da bepi

      Appunto cosa c’entra la Francia? Conoscendo un po’ gli svizzeri penso che al referendum vincano i NO. E’ un referendum sulla linea di quello che chiedeva di ritirare i fucili d’assalto di proprietà federale dal domicilio dei cittadini maschi in servizio di milizia…si fanno perché raccolgono le 50000 o le 100000 firme indispensabili per la presentazione…ma poi non c’è gara.