BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Tasse, i veri aumenti sono stati approvati da Bruni e centrosinistra”

“I veri aumenti di tasse sono stati approvati nei cinque anni di amministrazione Bruni. Sergio Gandi dovrebbe saperlo”. L'assessore al Bilancio Enrico Facoetti replica all'intervista rilasciata a Bergamonews dal capogruppo Pd Gandi che ha elencato tutti gli aumenti decisi dalla maggioranza guidata da Franco Tentorio. Facoetti risponde colpo su colpo a partire dalle stime fatte sull'addizionale Irpef.

Più informazioni su

“I veri aumenti di tasse sono stati approvati nei cinque anni di amministrazione Bruni. Sergio Gandi dovrebbe saperlo”. L’assessore al Bilancio Enrico Facoetti replica all’intervista rilasciata a Bergamonews dal capogruppo Pd Gandi (leggi qui) che ha elencato tutti i rincari decisi dalla maggioranza guidata da Franco Tentorio. Facoetti risponde colpo su colpo a partire dalle stime fatte dal centrosinistra sull’addizionale Irpef. Secondo Gandi il Comune è pronto ad aumentarle già dal 2015. “Lo smentisco – spiega Facoetti -, non esiste nessuna delibera di aumento. Il maggiore gettito previsto per i prossimi anni è dovuto esclusivamente a un fattore tecnico. Gli uffici, per far quadrare i conti, hanno utilizzato una voce di entrata diversa dagli oneri, ma appena la legge sarà prorogata la copertura sarà garantita. Ma il documento di programmazione non è autorizzatorio, non ha alcun valore e di solito non viene rispettato. E’ stato solo messo un introito maggiore. Non c’è nessun rischio di incremento di tassazione Irpef”.

Facoetti vuole far chiarezza anche su altri rincari, come ingresso a impianti sportivi, rette di asili nido, assistenza domiciliare. “Loro dicono che abbiamo aumentato la tassa rifiuti, quando basta gconsultare i documenti ufficiali per vedere che è stata ridotta. Non possono smentirlo. Sugli altri casi ci sono state adeguamenti perché le tariffe erano ferme da moltissimi anni. Non ci sono state lamentele”. Poi si toglie qualche sassolino dalle scarpe. “Ricordo che l’aumento vero di Irpef è stato fatto proprio da Bruni e dal centrosinistra nei cinque anni in cui hanno amministrato. Non solo, sono stati approvati rincari anche per le seconde case. E per giunta in tempi molto più semplici dal punto di vista economico rispeto ad oggi con i continui tagli ai trasferimenti da parte del governo". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da doge

    Si, è Vero, la colpa per l ‘aumento delle tasse è colpa mia

  2. Scritto da Stefano Magnone

    Interessante questa teoria dell’ assessore. Perché quindi si vantano di non aver tagliato quei servizi che si sono trovati pronti e finanziati dal bilancio della precedente giunta? Forse perché in qualche modo dovevano essere sostenuti nel bilancio? Siamo sempre allo stesso punto: idee zero e vita di rendita.

  3. Scritto da gia

    Non solo la sinistra nella precedente amministrazione ha aumentato le tasse ma ci vuole convincere che siano gli altri ad averlo fatto! che faccia tosta!

    1. Scritto da Anvedi

      Se così fosse, ammesso e non concesso, l’amministrazione successiva le ha tolte ? Allora erano necessarie per quadrare il bilancio ? Di che stiamo parlando , dell’opera dei pupi ?

      1. Scritto da A.Z. Bg

        Si sarebbero potute togliere se da allora i santi governi delle sinistre Monti,Letta,Renzi,voluti dal vetero comunista napolitano(quello che plaudiva alle invasioni sovietiche dell’Ungheria e della Cecoslovacchia)che ha partecipato alla scrittura dell’attuale trattato europeo di Lisbona che ci sta uccidendo,non avessero praticamente azzerato i trasferimenti statali a Bergamo e al resto del nord.Per roma invece a preteso centinaia di mln di euri.

        1. Scritto da aris

          ma non è che i fondi ai Comuni son stati ridotti perchè qualcuno ha tolto l’ IMU ? Chi era non mi ricordo. B.. qualcosa, mi sembra

        2. Scritto da aris

          ripassati un pò la storia prima di vantare di saperla e sparare stupidaggini colossali. Il vecchio PCI non era favorevoal a nessuna invasione. Men che meno Napolitano che era un moderato (secondo i crismi di allora). I trattati Europei li hanno accettati in tanti, Berlusca e leghisti inclusi. Chi ci sta uccidendo sono due partiti principalmente che per 20 anni hano illuso l’ Italia senza fare niente in concreto per riformarla, ma fecedno solo i c…i loro (FI e Lega)

        3. Scritto da Beppe

          Il primo a tagliare i trasferimenti ai Comuni fu Tremonti.

          http://www.repubblica.it/2008/05/sezioni/economia/tremonti-fisco/rivolta-regioni/rivolta-regioni.html

          Il Governo Monti era sostenuto anche da Berlusconi, visto che la maggioranza in Parlamento era di centrodestra.
          Renzi non ha ancora tagliato nulla ai Comuni.

        4. Scritto da Anvedi

          Un concentrato di stupidaggini degne del guinness dei primati ! Sei leghista, vero ? Dopo aver portato l’italia sull’orlo del fallimento e fatto figuracce inimmaginabili ormai avete perso il controllo della facoltà di intendere e di volere ……..

  4. Scritto da giampi

    Quindi il bilancio è falso prevede un’entrata stimata in aumento “senza intenzione”: sono stati gli uffici, dice l’Assessore,ma lui cosa sta lì a fare?

  5. Scritto da Luciano Avogadri

    Se Bruni ha aumentato le tasse senza motivo, allora perche’ Tentorio non ha cancellato gli aumenti? Godere dei vantaggi dell’aumento delle entrate, ma mettere alla gogna chi le ha procurate. Grande coraggio, sia che venga da destra, sia da sinistra. E mi sembra che anche il grillino Pizzarotti a Parma non si sia discostato dall’andazzo.