BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Papa Francesco chiama nonna Emilia della Roncola: “Signora, preghi per me” fotogallery

Grande e inattesa sorpresa pasquale alla Roncola di Treviolo: Emilia Orlandi, 102 anni, per tutti "Emilì" ha ricevuto nel pomeriggio di giovedì 17 aprile la telefonata di Papa Francesco: "Signora Emilia, preghi per me e per i due Papi che presto saranno Santi". Emilia aveva mandato al pontefice una sciarpa bianca: "L'ho fatta con la lana più bella perché lui è il Papa". Guarda il video.

Sta sferruzzando a maglia quando squilla il telefono. "Pronto?" risponde Emilia, 102 anni. Dalla cornetta una voce inattesa, assolutamente insperata, la voce del Papa: "Sono Papa Francesco, signora Emilia come sta? Volevo ringraziarla per la sciarpa che mi ha mandato. E’ bellissima". 

E’ giovedì santo. Le 16.30 del 17 aprile quando nonna Emilì (al secolo Emilia Orlandi), nella sua casa alla Roncola di Treviolo riceve questo regalo. "Pensavo fosse uno scherzo, ho solo detto ‘Santità’…e poi la sua voce: non riuscivo più a dire nulla, lui deve aver capito che per me è stato un colpo e allora mi ha detto ‘Preghi per me, e per i due Papi che presto saranno santi’" racconta emozionata e strafelice Emilia, da tutti conosciuta come la Emilì, cinque figli, dieci nipoti e altrettanti pronipoti.

Ancora incredula ci parla, un po’ in italiano e un po’ in dialetto bergamasco, della chiamata di Papa Francesco nella sua cucina di via Cristoforo Colombo. "C’è sempre qualcuno con me, ma proprio ieri pomeriggio ho mandato mia figlia Anna (Pezzoni) a fare una commissione in paese. Non ho più avuto parole, ho sentito la sua voce e mi sembrava di essere lì, accanto a lui, proprio come quando parla in Piazza San Pietro, io lo guardo semrpe alla televisione".

L’idea di fare una sciarpa a nonna Emilia le è venuta proprio guardando le udienze di Papa Francesco in Piazza San Pietro anche in pieno inverno. "Che bravo, non si è mai risparmiato nemmeno un giorno per incontrare i fedeli e così un giorno ho chiesto a mia figlia di comprare della lana bianca, la più bella che c’era e ho iniziato a sferruzzare: è venuta una meraviglia. Poi ho chiesto al mio parroco, don Francesco Mangili di spedire la sciarpa a papa Francesco in Vaticano".

Oltre ad essere bravissima nel lavorare a maglia, Emilì è una cuoca provetta e la sua cucina è apprezzata da molti sacerdoti che le fanno visita. "Adesso, dopo Pasqua ho invitato cinque sacerdoti: cucinerò la beccaccia con la polenta".

Disponibile, sorridente, questa nonna ormai prossima alle 103 primavere – il compleanno è il 12 settembre – dice scherzando: "Dopo questa telefonata posso anche morire felice. Ma mi raccomando, ho detto dopo".  

Guarda il video

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Claudine GALON

    Longue vie à cette charmante DAME. ,Nous avons un PAPE MERVEILLEUX.

  2. Scritto da trabucchi roberto

    queste sono belle notizie a prescindere dall’essere più o meno credenti: questo è un grande Papa x tutti

    1. Scritto da lotty

      Mi dispiace per lei ma non si deve prescindere.

  3. Scritto da giobatta

    se anche dio chiamasse i sofferenti, gli innocenti violati, i disperati, e non stesse invece silenzioso, quale grande speranza donerebbe all’umanità!

    1. Scritto da Francesca

      E darebbe prova concreta ancora una volta dopo tanto tempo della sue venuta e sicuramente grande conforto

    2. Scritto da lotty

      Se esistesse…

    3. Scritto da mario59

      Suvvia non dica così…se non li chiama avrà i suoi motivi…forse sarà rimasto senza credito sulla sua ricaricabile.

      1. Scritto da giobatta

        non mi sento di condividere la sua ironia, avendo scritto quelle parole con profonda tristezza

  4. Scritto da Sindaco.Masper

    MITICA MIGLI’

  5. Scritto da lvca

    La grandezza di questo Papa sta nella sua semplicità che lo porta a compiere questi gesti eccezionali. Grazie Papa Francesco.