BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Battaglia dei pizzoccheri ditta bergamasca non può scrivere Valtellina

Dovrà essere tolta la scritta `Valtellina´ dalle scatole di pizzoccheri prodotti da un'azienda bergamasca. Nella lunga battaglia, iniziata circa 10 anni fa, fra i pastifici della Valtellina e uno della provincia di Bergamo, sull'utilizzo del termine, il tribunale delle imprese di Milano ha dato ragione ai valtellinesi.

Dovrà essere tolta la scritta `Valtellina´ dalle scatole di pizzoccheri prodotti da un’azienda bergamasca.

Nella lunga battaglia, iniziata circa 10 anni fa, fra i pastifici della Valtellina e uno della provincia di Bergamo, sull’utilizzo del termine, il tribunale delle imprese di Milano ha dato ragione ai valtellinesi, giudicando concorrenza sleale l’azione svolta dall’azienda Annoni di Fara Gera d’Adda.

Sulle sue confezioni c’era scritto "pizzoccheri della Valtellina".

Secondo il Consorzio per la produzione e valorizzazione dei pizzoccheri della Valtellina, questa sentenza di primo grado apre la strada all’ottenimento dell’indicazione dell’Igp, ma bisogna ancora attendere ed essere prudenti perché potrebbero esserci, in futuro, altri colpi di scena nella disfida sul piatto più tipico della provincia di Sondrio.

L’impresa bergamasca è stata condannata ad un risarcimento danni di 130 mila euro per la dicitura geografica fittizia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Joy

    I pizzoccheri sono solo della Valtellina!

  2. Scritto da emilio

    io preferisco i casònzèi ala bergamasca con ù bel bicer de moscat de scanz alla faccia dei pizzoccheri

  3. Scritto da Luca Lazzaretti

    E’una questione complessa…la “bresaola della Valtellina igp” è fatta con carne importata di bovini sudamericani e solamente la stagionatura è fatta in Valtellina..ma di valtellinese c’è poco o nulla ..ma questo il consorzio della Valtellina se e guarda bene dal pubblicizzarlo.

  4. Scritto da attilio

    Dunque in pizzeria non dovrebbero esserci la pizza napoletana , la romana e la pugliese….. i pizzoccheri della Valtellina sono il tipo di pasta, non il luogo di produzione.

    1. Scritto da Gino

      Allora li chiami pizzoccheri e basta . “della valtellina” ce lo metti se sono fatti in valtellina. Mi sembra persino un’ovvietà. Pizza napoletana ecc significa pizza “alla napoletana” ed è il modo di farla , non il luogo di produzione ed è risaputo da tutti.

      1. Scritto da Daniele

        Infatti anche la dicitura “della Valtellina” è da intendersi “alla valtellinese”, tanto più che sulla scatola è scritto con evidenza dove sono prodotti.

    2. Scritto da Kielkeskè ?

      Allora li chiami di grano saraceno . Quindi per te nel burundi possono produrre il parmigiano-reggiano doc e metterci sopra il nome ? Mavalà !

  5. Scritto da ru

    Mi sembra una questione risibile, di lana caprina.

  6. Scritto da bob

    Non comprerò mai pizzoccheri… bergamaschi. I veri pizzoccheri sono della Valtellina.
    Mi mettano pure in prigione!

  7. Scritto da bob

    Ormai questo specie di paese è sotto un regime di dittatura

  8. Scritto da COSI è

    L’impresa bergamasca è in realtà AMERICANA

  9. Scritto da jack

    Mi sembra giusto. E’ come se mi mettessi a produrre mirto a bergamo e lo chiamo “mirto di sardegna”. Lo chiamo mirto e stop.