BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lella Golfo: “Al comando le donne rischiano meno e si preparano di più”

Lella Golfo, presidente della Fondazione Bellisario e da sempre in prima linea nel sostenere i diritti e la carriera delle donne che mercoledì 16 aprile sarà al Donizetti di Bergamo per presentare il suo nuovo libro "Ad alta quota", commenta per formiche.net le recenti nomine di Matteo Renzi ai vertici delle partecipate doc che hanno visto l'ingresso di 4 donne ad altrettante presidenze

Lella Golfo, presidente della Fondazione Bellisario e da sempre in prima linea nel sostenere i diritti e la carriera delle donne che mercoledì 16 aprile sarà al Donizetti di Bergamo per presentare il suo nuovo libro "Ad alta quota", commenta per formiche.net le recenti nomine di Matteo Renzi ai vertici delle partecipate doc che hanno visto l’ingresso di 4 donne ad altrettante presidenze

di Fabrizia Argano

È un giorno di “grande gioia” per Lella Golfo, presidente della Fondazione Bellisario, da sempre in prima linea nel sostenere i diritti e la carriera delle donne. Ora che quattro di esse sono state designate alla presidenza di quattro società partecipate dal Tesoro, l’ex parlamentare del Pdl non esita a definirla una “rivoluzione culturale”.

Presidente, si può davvero parlare di rivoluzione con queste nomine?

Sì, finalmente le donne entrano dove si produce, dove si decide, dove si fa davvero economia. E’ una cosa meravigliosa. Se non ci fosse stata la legge 120 del 2011 (che obbliga società quotate e pubbliche a riservare una quota iniziale del 20% dei posti nei cda alle donne per salire poi al 33% col rinnovo successivo, ndr), oggi non saremmo arrivati a questa svolta. Renzi però è andato oltre: doveva attenersi alla presenza femminile ma nella norma non viene specificato in quali ruoli. Lui ha scelto quattro donne, Emma Marcegaglia, Luisa Todini, Patrizia Grieco e Catia Bastioli come presidenti rispettivamente di Eni, Enel, Poste e Terna. E di questo bisogna dargli merito.

C’è chi la legge come mossa elettorale…

Non mi importa se questa decisione è frutto di una strategia elettorale o meno. Renzi ha fatto ciò che molti prima di lui non hanno fatto. Si è presentato come un innovatore e ha capito che con le donne si può innovare.

Perché non innovare anche tra gli amministratori delegati?

A chi considera le presidenze come poltrone di serie B rispondo che sono ruoli importantissimi. Vi sembra poco dover garantire la trasparenza di un’azienda? E poi ricordiamoci i dati. Fino a ieri, di 25 società pubbliche, solo tre erano presiedute da donne. Oggi la prospettiva cambia, è un piccolo grande capolavoro.

Ma per le donne l’unica strada per affermarsi è quella delle quote rosa?

La legge dura nove anni e serve per rompere questo tetto di cristallo. Una volta rotto, io credo che la mentalità cambierà. Ricordo lo smarrimento iniziale quando è stata varata la legge, oggi si è creato un circolo virtuoso di dialettica che prima non c’era.

Quali sono, se ci si sono, i punti forti di una donna al comando?

A differenza degli uomini, noi donne siamo abituate a lavorare su più fronti, non rischiamo, siamo più oculate e ci prepariamo di più.

Qual è stato il ruolo della Fondazione Bellisario in questo percorso?

È una nostra vittoria, abbiamo avuto un ruolo fondamentale. Io sono entrata in Parlamento proprio con l’idea di lavorare con le donne per le donne. Mi è costato molto perché oggi non sono più a Montecitorio, ma ho dimostrato che in cinque anni si può portare a casa una legge di iniziativa parlamentare. E oggi è il nostro giorno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luigi

    Questo sfrenato tentativo di dimostrare come le donne siano superiori agli uomini lo definirei ridicolo. Il sol fatto che esista la necessità di volerlo dimostrare dimostra come le stesse “femministe” si sentano “inferiori”. Donne e uomini possono essere bravi e scemi allo stesso modo, basta con questo sessismo da entrambe le parti, è stucchevole.

  2. Scritto da Piero

    “Sì, finalmente le donne entrano dove si produce, dove si decide, dove si fa davvero economia.” Ricordo che ci sono donne che spendono di più dall’estetista, in trucchi e in bigiotteria, che non per cibarsi…..

    1. Scritto da lotty

      Lo fanno anche i maschi, il miglior esempio è il pregiudicato impunito. E questa donna dalla personalità indubbiamente vincente è stata dalla sua parte dopo aver militato nel pci prima e nel psi dopo. Maria Pia Locatelli sarà un po’ imbarazzata, no?

      1. Scritto da Piero

        Se lo stereotipo del maschio italiano è il pregiudicato, siamo d’accordo. Io vedo ai nostri livelli, nelle nostre famiglie, donne che non lesinano costosi ammennicoli estetici e poi pranzano con una mela o uno yogurt…. Il senso del mio intervento è che spesso si dà troppo peso all’apparenza e non alla sostanza…. e le donne in questo non sono seconde a nessuno! Prenderne atto e portarla a casa…

        1. Scritto da lotty

          Hai ragione ma ti assicuro che non tutte le donne sono come quelle che descrivi tu. Saluti

          1. Scritto da Piero

            Lo so, e meno male! Baci