BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Marco Columbro alla libreria de Le Due Torri presenta il libro “Isadora Duncan”

Mercoledì 16 aprile alla Libreria Mondadori dello shopping center il celebre attore e conduttore televisivo presenterà l’ultimo libro di Sara Cerri dedicato alla ballerina che cambiò la danza.

Mercoledì 16 aprile a partire dalle 20 alla Libreria Mondadori del centro commerciale di Stezzano pesentazione del libro “Isadora Duncan” dell’autrice Sara Cerri (editore David and Matthaus).

A presentare la serata sarà Marco Columbro che, nelle vesti di sostenitore e amico della scrittrice, parlerà del romanzo e intratterrà il pubblico coinvolgendo i presenti nell’intervista all’autrice.

Sara Cerri, scrittrice affermata, ha realizzato questa straordinaria biografia in chiave romanzata, e narrata in prima persona, della celebre ballerina americana Isadora Duncan, che stravolse il tradizionale concetto di danza con la sua estrosità, il suo genio eccentrico, la sua follia creativa e la sua sensibilità innata.

Il libro narra la storia di una donna fuori dal comune che ha vissuto un’esistenza coerente alla sua personalità: intensa, dolorosa, coraggiosa, persa in un groviglio di pensieri e sentimenti contrastanti e altalenanti, perennemente in bilico tra il successo senza pari e il rovinoso fallimento, tra il baule che racchiude i bei ricordi e la scatola blu delle enormi sofferenze. Isadora Duncan è quindi una donna che vale la pena conoscere, e Sara Cerri con questa opera rende possibile farlo.

Nizza 1927. Isadora Duncan, celebre danzatrice americana, vive quasi in povertà circondata da amici che si prendono cura di lei. Il tempo scorre tra le preoccupazioni della messa all’asta della sua casa a Neuilly, la preparazione di un nuovo spettacolo e i ricordi del passato. Quelli belli, emozionanti, racchiusi in un baule, e quelli dolorosi, conservati in una scatola blu. Isadora torna alla sua infanzia in America, con la madre e i fratelli, tra le difficoltà economiche e l’abbandono del padre. L’amore per la danza e la volontà di aprire una scuola per formare allieve libere la porteranno a Londra, Parigi, Berlino e Mosca, da un amante all’altro, attraverso indicibili dolori e grandi acclamazioni. Il passato e il presente si fondono, si confondono e lasciano segni indelebili nel corpo e nella mente di questa danzatrice rivoluzionaria, ancora oggi punto di riferimento per le giovani ballerine.

La figura eccentrica ed estrema di Isadora Duncan viene raccontata in questo libro attraverso una scrittura ritmata, che segue i passi della ballerina e ci trascina nel suo vortice di emozioni, turbamenti e dolori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lotty

    Tragica anche la sua morte dovuta alle frange delle sciarpa che indossava impigliatesi nelle ruote dell’auto su cui viaggiava. Più fatalità di questa!