BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cent’anni dopo: gli alpini e la Grande Guerra tra realtà e racconto

Martedì 15 aprile al Convento di San Francesco in Città alta, lo storico Marco Mondini racconta “Cent’anni dopo. Gli alpini e la Grande Guerra tra realtà e racconto".

Più informazioni su

Martedì 15 aprile, alle 18 nella sala capitolare del Convento di San Francesco, Piazza Mercato del fieno 6/a Città alta, si terrà la conferenza “Cent’anni dopo. Gli alpini e la Grande Guerra tra realtà e racconto” con lo storico Marco Mondini che presenterà il suo nuovo libro.

Agli occhi degli altri combattenti e di molti storici la specificità della Prima Guerra Mondiale sul fronte italiano fu soprattutto quella di essere combattuta sulle montagne, spesso ad alta quota e sfidando condizioni ambientali proibitive, là dove sino a quel momento si erano spinti quasi soltanto gli alpinisti del CAI.

È in questo contesto così particolare che si forgia il mito delle nostre truppe di montagna, gli Alpini, che attraverserà quasi indenne tutte le tragedie e le divisioni ideologiche del Novecento.

Sarà questo il filo conduttore dell’incontro con Marco Mondini, coordinatore del progetto di ricerca sulla Prima Guerra Mondiale presso l’Istituto storico italo-germanico di Trento e autore di diverse ricerche sulla Prima Guerra Mondiale tra cui “Alpini.

Parole e immagini di un mito guerriero” sarà presentato durante la conferenza, un nuovo incontro del ciclo de La casa della storia organizzato dalla Fondazione Bergamo nella storia Onlus in collaborazione con l’Associazione Amici del Museo storico a cui parteciperanno rappresentanti del CAI- Sezione di Bergamo e della locale sezione dell’Associazione Nazionale Alpini – ANA. Ingresso libero.

Per informazioni: tel. 035 247116 / 035 226332

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.