BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dea, salvezza anticipata è il tuo scudetto E l’Europa è ancora lì

L'Atalanta incassa a Roma il secondo ko consecutivo ma la classifica, a cinque giornate dal termine, lascia ancora qualche speranza per l'Europa: con la salvezza anticipata messa in cassaforte ormai da tempo, però, la Dea il suo campionato l'ha già vinto.

Più informazioni su

di Luciano Passirani

Non vogliamo staccare la spina”: queste le parole di Colantuono poco prima di accomodarsi in panchina. Un eufemismo, conoscendo la nota allergia del mister atalantino a mantenersi seduto. Avviene di rado e solo con la squadra in manifesta difficoltà lo stare seduto assume il simbolo dell’abdicare.

A Roma è successo.

Non è una novità per Colantuono all’Olimpico, avversario la Roma. Quattro sconfitte su quattro per un romano seppur di Anzio non è il massimo, tornando a casa. Neppure per l’Atalanta, se l’ultimo successo ci riporta al 24 maggio del 2003. Una strana vittoria che ci permise di andare all’illusorio spareggio con la Reggina che nelle aspettative avrebbe dovuto valere la permanenza in serie A.

“Potevamo fare meglio”. “ La Roma in casa è un rullo compressore”: queste le parole di Colantuono alla fine della partita con l’aggiunta di un sintetico “dovevamo tenere viva la partita e non prendere il raddoppio della Roma allo scadere del primo tempo”. In realtà l’Atalanta esce sconfitta perché per i primi venti minuti non è proprio esistita e prima del gol di Taddei, ancor prima del quarto d’ora, era stata salvata da Consigli, in almeno due occasioni.

Ma anche questa volta a scuola da Prandelli ci vanno di nuovo Bonaventura e non certo la novità Baselli. Consigli manco considerato è una ingiustizia. Non lo è per Cigarini che infatti da gran signore ammette: “Non mi aspetto nulla”.

Detto delle chiamate di Prandelli, della partita dell’Atalanta a Roma rimane ben poco. Il gol di testa di un redivivo Migliaccio a mitigare un punteggio che stava per diventare pesante. Ma ci stava tutto. Una Atalanta troppo bassa ha finito per concedere sempre troppo campo alla Roma, specie nel primo tempo. Jack Bonaventura è sembrato uno dei pochi a salvarsi. Ma solo nei secondi 45 minuti. Quando ha smesso di tentare di fare il difensore su Maicon, favorito nell’avere campo libero dalla tattica di Garcia. Tenere alti Taddei e Nainggolan su Cigarini, che così non ha mai avuto passo e spazio per fare ripartire la squadra. Al resto ci ha pensato Totti, finto numero nove per distrarre Yepes e Stendardo, che fuori dalla propria area diventano marinai senza bussola. Entrambi presto a rischio cartellino giallo.

Rimane un campionato da accettare. Con momenti alterni ma ricchi di soddisfazione. Dopo due sconfitte consecutive la classifica permette ancora di sussurrare Europa. Non è poco per le dimensioni dell’Atalanta. Per aspirare a questo traguardo devi avere qualcosa di più. La rosa dell’Atalanta non è paragonabile a quella di Inter e Fiorentina, ovvio. Ma nemmeno a quella del Parma che ci precede.

Nelle prossime cinque partite ce la giochiamo, tolta la Juve” sono le promesse di Colantuono che però aggiunge “Parma e Lazio che ci precedono sono padrone dei loro destini”. Parole sante per la settimana che ci porta alla Pasqua e alla gara della vigilia nella quale ospiteremo l’Hellas Verona.

Ma l’Atalanta il suo campionato lo ha già vinto e si chiama salvezza anticipata.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    L’Atalanta di Colantuono è nettamente inferiore alla Roma.
    L’ Atalanta dell’ultimo quarto d’ora è superiore alla Roma.
    Però se giocava con il 4-5-1 e con questa formazione: Consigli, Nica, Stendardo, Yepes, Benalouane; Estigarribia, Cigarini, Bonaventura, Baselli, Brivio; Livaja, della lupa ne facevamo mortadelle.

    1. Scritto da giulio

      Si bravo professor Cortesi che le fette di mortadella le usa ma … come occhiali!
      Impeccabile la disanima di Luciano Passirani.

    2. Scritto da digeo

      Ancora con sto Livaya, ma perchè poi??

      1. Scritto da Riccardo

        Questi grillomani sono realmente tuttologi, non ho capito perché non hanno ancora proposto il loro comico miliardario al posto di Prandelli. Intanto però qui a Bergamo il sostituto di Colantuono ce l’abbiamo!

  2. Scritto da HVFC

    La gara pre-Pasqua ci vedrà opposti all’ ostico Hellas Verona Football Club. Stan arrivando, stan arrivando, stan arrivando i gialloblù e se sentirai cantare sempre più…stan arrivando i gialloblù!

    1. Scritto da solodea

      C’è solo da sorridere a certe affermazioni, e di certo non prendersela perchè in fin dei conti è sempre una semplice partita di calcio. E’ vero il Verona ha fatto un gran campionato (all’andata), ma se non trovava un certo Toni che è andato in ampia doppia cifra, i soli (Romolo e Iturbe, veramente due bei giocatori) non si sarebbe ed ora si troverebbe insieme a Sassuolo, Livorno e Catania.

    2. Scritto da ElleA69

      beh, 3 gol li avete già segnati ieri… spero abbiate la pancia piena ;-)