BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pizzarotti: punti di Zenoni non sono sogni, a Parma son già realtà fotogallery

Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti a Bergamo lancia il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle Marcello Zenoni per Palazzo Frizzoni. “Guardo il programma di Zenoni e vi assicuro: non è il libro dei sogni, a Parma queste cose son già realtà”.

Un albero per ogni cittadino, la raccolta rifiuti che diventa risorsa e non più un costo, spazi pubblici per le start up dei giovani, televoto sui progetti e le iniziative comunali, la mobilità dolce, la riduzione del consumo di suolo e basta grandi eventi culturali ma una progettualità che diventa quotidiana e risorsa per tutti. È una breve sintesi del programma del Movimento 5 Stelle che punta a Palazzo Frizzoni e candida l’architetto 40enne Marcello Zenoni.

Un libro dei sogni? Una Bergamo tanto lontana quanto impossibile da non essere nemmeno immaginata? Tutt’altro.

Lo assicura Federico Pizzarotti, primo cittadino di Parma e primo sindaco d’Italia del Movimento 5 Stelle, che sabato 12 aprile ha partecipato ad un incontro del M5S all’auditorium di Piazza della Libertà a Bergamo, con il consigliere regionale grillino Dario Violi, il consigliere comunale a Brescia Laura Gamba, il candidato sindaco di Bergamo Marcello Zenoni e l’architetto Attilio Pizzigoni candidato al consiglio comunale di Palafrizzoni. Pizzarotti tranquillizza tutti, nessuno screzio con Grillo. “Ci siamo parlati e scambiati le nostre opinioni. È che fa più notizia il confronto interno al Movimento 5 Stelle delle molte battaglie che stiamo portando avanti per il bene dei cittadini”.

Colpa dei soliti giornalisti? “No, colpa di tutti coloro che non vogliono impegnarsi al bene pubblico magari proprio scegliendo certe notizie da leggere che non portano a nulla”. E proprio sulla partecipazione Pizzarotti sfogliando il programma del Movimento 5 Stelle per Bergamo si ferma e avverte: “Letto così questo programma potrebbe sembrare il libro dei sogni, ma posso assicurarvelo: a Parma alcune punti che trovo qui li stiamo realizzando”.

Nell’ultimo anno il Comune di Parma ha piantato mille alberi, riconvertito ad agricoli alcuni terreni che erano a destinazione residenziale.

“Abbiamo aumentato del 14% la raccolta differenziata, passando dal 48 al 62% e poi approvo lo slogan ‘Con la cultura si mangia’. Non sono per i grandi eventi, meglio spalmare quei soldi in biblioteche di quartiere e una programmazione annuale di appuntamenti culturali che permetta anche ai tour operator esteri di pianificare pacchetti da offrire ai propri clienti”. Il pensiero è d’obbligo all’Accademia Carrara. “Non vogliamo proporre grandi eventi – aggiunge Zenoni – dobbiamo investire per creare un tessuto sociale che viva ogni giorno di cultura e possa così fare propria la conoscenza e la bellezza conservate all’Accademia Carrara e nei musei di Bergamo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Vince il M5*, nettamente!
    Ed anche alla faccia del bugiardino.

  2. Scritto da Giovanni

    Non è successo niente, hanno fatto la pace. Comunque sì, per qualche giorno al Pizza è stata rivolta la domanda “Chi ti paka?”,

  3. Scritto da Pietro Brambillasca

    Pizzarotti e Zenoni sono persone talmente civili, oneste e disinteressate che possono essere votate anche da chi schifa il m5s.
    info: http://goo.gl/0UUFjv

    1. Scritto da Scettico

      Civili, oneste e disinteressate? Ma guardi che non corrono per lo zecchino d’oro, ma per amministrare le città ci vorrebbero competenza, idee e capacitò pratiche cose che Pizzarotti ha già dimostrato di non avere e che Zenoni mi pare evidente non sa nemmeno cosa siano.

      1. Scritto da Pietro Brambillasca

        Gori è competente in produzioni televisive, Tentorio in fiscalità, Zenoni è architetto che si interessa di urbanistica da dieci anni.
        Entri nel merito, esca dalle newsletter del suo partito. I tifosi in politica sono il cancro di questo paese, se lo lasci dire da uno che ha lasciato il m5s ma sosterrà comunque Zenoni per il comune.
        Si legga i programmi, oggi son tutti “grillini”, anche se lei questo non lo sa.

      2. Scritto da evidenze

        Leggere il programma prima di parlare a vanvera?
        http://marcellozenoni.it/programma/
        Soprattutto quando gli altri due in corsa sono le due facce della stessa medaglia

        1. Scritto da Indignato orobico

          Il solito presuntuoso, guardi che i candidati sono sei. SVEGLIA!

          1. Scritto da ernesto

            forse dovrebbe iniziare a pensare chi vuole mandare al ballottaggio, e magari sostenerlo.

          2. Scritto da siamo realisti

            Gli altri due IN CORSA! Questo ho scritto e questo ribadisco. Gli stuzzichini possono anche essere appetitosi, ma sono e restano ininfluenti.

    2. Scritto da roberta

      Ma come? Faccio fatica a capire: Grillo ha scomunicato Pizzarotti, dileggiandolo e chiamandolo “Capitan Pizza”, e adesso mi dite che è una brava persona? Quindi a vostra volta state sconfessando Grillo?
      Non ci si capisce più niente.

      1. Scritto da L76BG

        staiserenoEnrico ti ricorda qualcosa?

      2. Scritto da poeret

        forse perché del M5S vivisezionate e fate i farmacisti per ogni singola parola, confronto o discussione..poi fate finta di nulla quando (per esempio) il segretario del PD pugnala il governo, oppure rifà le primarie (e le tarocca pure) dopo che le ha perse l’anno prima..piuttosto che veder un certo Dell’Utri in libano o il caimano che ne fa di ogni.. non entro poi nel merito di ciò che si vota in parlamento, vedi l’ennesima presa in giro sul voto di scambio.

      3. Scritto da leo cat

        Non capite niente perché usate il metro di misura che vi viene fornito dai media di De Benedetti/Berlusconi. Nel Movimento 5S si discute fino allo sfinimento, poi si vota e TUTTI sono vincolati alle decisioni della maggioranza. Chi non le accetta è fuori. Nel P.C.I. si chiamava centralismo democratico (vedi il Manifesto), nella chiesa prendeva l’aspetto della scomunica (Pio XII). Questo succede quando ci si mette di traverso su questioni fondamentali, il tutto gestito a norma di regolamento.