BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fallimento: cala il sipario sui 136 anni di storia del Cotonificio Honegger

Le attivita' produttive sono bloccate dall'ottobre di 2 anni fa e il destino dei 300 lavoratori sembra purtroppo sempre piu' segnato.

Cala il sipario sui 136 anni di storia del Cotonificio Honegger di Albino. Il tribunale di Bergamo ha infatti rigettato la richiesta di proroga di una settimana avanzata dalla societa’ per presentare l’ulteriore documentazione a sostegno della richiesta di una seconda domanda di concordato preventivo.

La prima procedura di concordato preventivo era stata revocata sempre dal tribunale lo scorso 27 febbraio, dopo che la Honegger vi era stata ammessa il 20 giugno del 2013.

Il fallimento e’ stato pronunciato su ricorso di una banca che vantava credito.

Il tribunale di Bergamo ha fissato per il 31 ottobre l’adunanza per l’esame dello stato passivo.

Le attivita’ produttive sono bloccate dall’ottobre di 2 anni fa e il destino dei 300 lavoratori sembra purtroppo sempre piu’ segnato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lar

    x chi la sa lunga trovatemi un posto di lavoro a 52 anni e poi capirete cosa vuol dire avere ammortizzatori sociali (provare x credere) lavoro in nero? ma dove con i chiari di luna che ci sono! se verniciare una barriera al vicino (se sei fortunato) è lavoro nero siamo messi bene

  2. Scritto da Rob

    Penso che gli ammortizzatori sociali così come sono applicati non siano altro che un sistema di alimentazione del lavoro nero. Inoltre chi ne gode non è incentivato a trovare un nuovo lavoro. Prova ne sia che in 2 anni solo il 21% dei cassaintegrati ha trovato un nuovo impiego.

    1. Scritto da tex

      Esatto molti dipendenti lavorano in nero. Sono ne più ne meno come i falsi invalidi e/o i ministeriali che timbrano ed escono

    2. Scritto da passante

      Scusa ma un commento simile poteva essere valido 20 anni fa.Con la crisi attuale un posto di lavoro regolare non lo trovi nemmeno con il lanternino.Dei 350 circa licenziati la maggioranza supera di gran lunga i 40 anni ed ha qualifiche poco appetibili per il mercato lavorativo.Mi meraviglio che il 21%sia riuscito ad inserirsi in realtà nuove…..Magari fosse così facile!!!!!

      1. Scritto da Z

        Si,ma alla Zambaiti ex Honegger c’é gente in cassa integrazione dal 2007…!

        1. Scritto da franco

          e sempre piu cassa integrati e meno ke lavorano puo durare ?? e l inps come sta ??

      2. Scritto da Rob

        In effetti probabilmente il 21% è andato in pensione, morto o ha cambiato lavoro. Personalmente ritengo che se i soldi buttati in assistenzialismi di questo tipo venissero impiegati per detestare le attività produttive la gente avrebbe lavoro e il PIL tornerebbe a salire. Così la gente resta assistita e l’economia stagna.

        1. Scritto da Rob

          Detassare

          1. Scritto da passante

            Detassare chi è morto ???Se le aziende sono chiuse non le puoi far risorgere con la detassazione.E’utile e indispensabile per chi è soppravissuto.Purtroppo in molti contesti si è stati poco lungimiranti e non si è investito per migliorare la qualità e la competenza del personale interno preferendo investire dove i costi erano minimi e poco sicuri.I guadagni facili non durano e se sono investiti male peggio ancora…

          2. Scritto da Rob

            Detassare le imprese del territorio ancora vive che assumono i lavoratori licenziati ovviamente. E ce ne sono..