BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Allo scrittore triestino Claudio Magris il premio Calepino 2014

Il riconoscimento verrà consegnato giovedì 24 aprile nel corso della cerimonia di premiazione della 30.esima edizione del Premio Nazionale di Narrativa Bergamo. Nell’occasione, lo scrittore triestino terrà una lectio magistralis in cui affronterà temi quali l'Europa, la scrittura e la letteratura.

Lo scrittore Claudio Magris si è aggiudicato il premio “Calepino 2014”. Il riconoscimento verrà consegnato giovedì 24 aprile nel corso della cerimonia di premiazione della 30.esima edizione del Premio Nazionale di Narrativa Bergamo. L’appunatmento è alle 17 al teatro Donizetti di Bergamo.

“Il Calepino” si propone di tributare ogni anno a un intellettuale di fama consolidata, come “premio alla carriera”, un riconoscimento pubblico dei suoi meriti culturali e artistici nella cultura italiana ed europea contemporanea. Il premio si rifà nello spirito e nelle motivazioni al famoso dizionario latino compilato alla fine del ‘400 da Ambrogio da Calepio e conosciuto appunto come “Calepino”: un’opera che, nata tra le mura del convento bergamasco di Sant’Agostino, ha saputo essere per almeno tre secoli strumento fondamentale per la trasmissione del sapere e lo scambio tra le diverse culture. Coerentemente con quest’idea ispiratrice, il premio andrà quest’anno a Claudio Magris. Le motivazioni della giuria del premio recitano: ““Claudio Magris è colui che in modo più diretto, senza ricorrere ad acrobazie concettuali e retoriche, può incarnare lo spirito del vocabolario di Ambrogio da Calepio. Siamo di fronte a un insigne germanista che non si è limitato ad esplorare mondi letterari (germanico, austro-ungarico, slavo, ebraico) con grande curiosità, sensibilità, accuratezza, ecc., ma è riuscito a mettere in relazione, a fare dialogare le culture oggetto della sua frequentazione, a dare loro una dimensione storica, narrativa, a regalare loro il piacere del testo e il gusto dell’esplorazione (ma anche a conservare tutto il peso e la tragedia della storia!). Il mondo che Magris ci restituisce, la "sua" Mitteleuropa, ha l’unità dei grandi miti ma la complessità di una biblioteca specialistica: è il dialogo di tante voci, provenienti dal centro e dalle periferie dell’impero, voci appagate e dolenti, malinconiche o rancorose; è una lunga conversazione tra gli autori più celebrati e quelli quasi dimenticati; è il viaggio di un archeologo in luoghi diventati quasi irriconoscibili solo per essere stati visitati troppe volte dalla storia. Naturalmente il risultato è così alto, come riconosciuto pressoché universalmente, perché ad accompagnarci nel viaggio non è un puro cronista, né il professore con l’ossessione della completezza e l’acribia del particolare: ma un testimone nutrito della miglior cultura storica e umanistica del ‘900, con il senso etico e civile della letteratura, la curiosità del grande "inviato" e, naturalmente, tutta l’inquietudine della modernità”.

Per festeggiare il trentennale del Premio Narrativa, in collaborazione con l’assessore alla cultura Claudia Sartirani, verrà offerta alla città di Bergamo, una lectio magistralis dello stesso Magris, a cui verrà conferito il premio “Il Calepino” alla carriera. Nel corso del suo intervento, lo scrittore triestino affronterà temi quali l’Europa, la scrittura e la letteratura. La serata sarà aperta a tutte le scuole superiori di Bergamo e Provincia. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria. Fino ad esaurimento posti.

È possibile prenotarsi attraverso la biglietteria Donizetti. Per avere ulteriori informazioni è possibile chiamare il numero 035.4160601/602/603, dal lunedì a sabato dalle 13 alle 20. Per le scuole: entro il 17 aprile, contattando l’ufficio scuole Donizetti tel. 035 4160612

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.