BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Andrey Baranov al violino, al piano la sorella Maria Un concerto da non perdere

Il violinista Andrey Baranov, venerdì 11 aprile in concerto per Gioventù Musicale all'auditorium della scuola Secco Suardo, accompagnato dalla sorella Maria Baranova.

Più informazioni su

Un duo da non perdere per l’ultimo concerto della Stagione Invernale di GMI Bergamo in programma venerdì 11 aprile alle 21 (Auditorium della scuola Secco Suardo in via Mai) con il violinista Andrey Baranov, accompagnato al pianoforte dalla sorella Maria Baranova.

Per loro musiche di Messiaen, Beethoven, YsaYe, Britten, Ravel, Saint – Saens.

I due musicisti hanno raccolto straordinari riconoscimenti internazionali e sono pronti per stupire il pubblico bergamasco.

Andrej Baranov è vincitore del Concorso Internazionale Regina Elisabetta di Bruxelles 2012, ha vinto anche i Concorsi Internazionali Benjamin Britten ed Henri Marteau ed è stato tra i premiati in più di venti Concorsi Internazionali tra i quali Indianapolis, Seoul, Sendai, Liana Isakadze, David Oistrakh e Paganini (Mosca). E’ primo violino del David Oistrakh Quartet, eccezionale ensemble costituitosi nel 2012.

Nato a San Pietroburgo nel 1986 da una famiglia di musicisti, Andrey ha iniziato a suonare il violino all’età di cinque anni. Ha compiuto gli studi al Conservatorio Rimsky – Korsakov di San Pietroburgo e al Conservatorio di Losanna sotto la guida di L. Ivaschenko, V. Ovcharek e P. Popov, ma senza dubbio il suo insegnante di riferimento è stato il leggendario violinista francese Pierre Amoyal.

Andrey ha inoltre frequentato le masterclasses, tra gli altri, di B. Kushnir, L. Isakadze, K. Kashkashian. Sin dal suo debutto ufficiale, avvenuto nel 2005 alla Sala della Filarmonica di San Pietroburgo con l’Orchestra Filarmonica diretta da Vasily Petrenko, Andrey si è esibito nelle sale da concerto più prestigiose del mondo quali la Bozar di Bruxelles, la Concertgebouw di Amsterdam, la Großer Saal del Mozarteum di Salisburgo, la Cadogan Hall di Londra, la Gewandhaus di Lipsia, la Konzerthaus di Berlino, la Sala Tchaikovsky di Mosca e la Sala della Filarmonica di San Pietroburgo.

Andrey si è già esibito con importanti orchestre internazionali. Tra i suoi impegni futuri ci sono concerti con l’Orchestra del Teatro Mariinsky e con la Mahler Chamber Orchestra. All’età di soli 23 anni Andrey è stato nominato assistente di Pierre Amoyal al Conservatorio di Losanna; è stato invitato a tenere masterclasses presso istituzioni internazionali a Bangkok, Chicago, Riga, Vilnius, Stoccolma e Mosca.

Andrey ha avuto l’opportunità di suonare su numerosi violini di valore, che gli sono stati concessi in uso da alcune fondazioni filantropiche: al Concorso Regina Elisabetta suonava un violino Ansaldo Poggi ex – Milstein (1947) concessogli dalla Fondazione giapponese Munetsugu Hall – Yellow Angel e, dopo aver vinto il Primo Premio, ha ricevuto lo Stradivari "Huggins" (1708) che utilizza tutt’ora e che gli è stato dato dalla Nippon Music Foundation.

Maria Baranova nasce nel 1988 da una famiglia di musicisti. Inizia a suonare il pianoforte a cinque anni. Nel 2007 si diploma alla Scuola Speciale per giovani talenti presso il Conservatorio Rimsky – Korsakov di San Pietroburgo. La sua insegnante era Zora Zuker. All’età di dieci anni ha iniziato a suonare in duo con il fratello Andey Baranov. Dal 2000 inizia un’intensa attività concertistica in Europa Nel Gennaio del 2008 Maria si classifica Terza al X Concorso Internazionale “M.Yudina“. Nel Luglio dello stesso anno partecipa al Concorso dell’Accademia di Losanna in duo con un altro violinista e vince il premio per il miglio Duo. Nel novembre 2009 Maria ottiene il riconoscimento come miglior pianista accompagnatrice del Concorso Internazionale «Baltic’s Stars» a San Pietroburgo.

Per facilitare l’accesso del pubblico i concerti vedranno un biglietto ordinario di 5 euro, un ridotto di 3 euro ed una proposizione famigliare (2 adulti + uno o più ragazzi) a 10 euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.