BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Offese Napolitano: Umberto Bossi andrà a processo

Il fattaccio è avvenuto il 29 dicembre 2011 alla "Berghem frècc" di Albino quando Bossi fece il gesto delle corna a Napolitano, etichettandolo come "terùn". I difensori dell'ex segretario del Carroccio avevano chiesto ai giudici di non procedere spiegando che Bossi era intervenuto al dibattito come parlamentare.

Umberto Bossi, ex leader della Lega Nord, andrà a processo per le offese al capo di Stato Giorgio Napolitano. Lo ha deciso giovedì 10 aprile il Tribunale di Bergamo. IL Senatùr dovrà rispondere delle accuse di offesa all’onore e prestigio del presidente della Repubblica, ma anche vilipendio al governo della Repubblica, con l’aggiunta della discriminante etnica.

Il fattaccio è avvenuto il 29 dicembre 2011 alla "Berghem frècc" di Albino quando Bossi fece il gesto delle corna a Napolitano, etichettandolo come "terùn". I difensori dell’ex segretario del Carroccio avevano chiesto ai giudici di non procedere spiegando che Bossi era intervenuto al dibattito come parlamentare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da embè?

    Scusate ma dove sarebbe l’offesa?

  2. Scritto da raider

    Dovrebbero processare Napolitano, visto che rappresenta un’offesa costante verso il popolo Italiano. 3 governi inventati da lui e la Merkel senza il consenso popolare. Golpista !!!

  3. Scritto da Dolores

    C’è ancora troppa gente che non ha capito la gravità del fatto: qui non si tratta di Bossi, ma della libertà di parola. Non condivido la frase ovviamente, ma processare qualcuno per delle parole è come essere in unione sovietica o nella DDR. Chi non difende il diritto di pensiero e di parola si troverà poi a subirne le conseguenze, anche se adesso gli sembra una cosa giusta solo perchè si tratta di Bossi. Attenzione, perchè la deriva è molto pericolosa.

  4. Scritto da robademac

    Roba de mac! Nemmeno in una dittatura si arriverebbe a tanto. E poi scusate ma Napolitano mica è nordico no?

  5. Scritto da Giacomo

    Una faccenda squallida, ma ancora più squallido è chi ha suggerito la battuta a Bossi approffitando della sua condizione fisica.Tutto per farsi vedere sul palco accanto a Bossi senza considerare le conseguenze.Tutti i presenti sul palco hanno visto chi ha suggerito la battuta, possibile che nessuno di questi voglia dire effetivamente come è andata per aiutare il vecchio Bossi.Squallidi anche loro che ruotavano intorno a Bossi per farsi belli.Che squallore, si vergogni quel tipo di Curno

    1. Scritto da Miki

      Ancora piu’ squallidi sono i buonisti pelosi, che appena Umberto Bossi fa una dichiarazione sanno solo dire “poverino ha avuto l’ictus”. Per inciso 6 anni dopo il fatto la Lega Nord ha avuto il suo massimo alle politiche del 2010: si vede che “poverini erano malati” anche tutti i suoi elettori.

  6. Scritto da Michele

    Offese verso chi? Napolitano non è il mio presidente

    1. Scritto da Il Naggio

      sottoscrivo

    2. Scritto da Andale

      E’ il mio e di altri 60 milioni di italiani, se non ti garba chiedi asilo politico in tanzania, il mondo è grande. Pedalare.

      1. Scritto da Andalo

        Vacci tu fuori dalle scatole, che ignori la realtà e racconti balle. In Tanzania la Lega ha investito i suoi soldi, legittimi. Gli altri, che poi danno la colpa a lusi e batman, se li sono ciucciati tutti. Chi allora dovrebbe andarsene? Vergognati, va, a raccontare corbellerie solo perchè ti fanno comodo!

      2. Scritto da Paolo

        Clap clap clap… Complimenti per il coraggio e per l’attestazione di stima verso un ammuffito politico novantenne. Ne saranno felici i nostri figli, di sapere che non c’è nessun altro italiano ritenuto in grado di fare il presidente della Repubblica al di là di un novantenne che da più di sessant’anni campa esclusivamente di politica!

        1. Scritto da mark

          e Noi Poveri lavoratori continuiamo a mantenerlo assieme a dei politici fannulloni e ignoranti

  7. Scritto da Bepino

    Ma se quel politico era accanto a Bossi, anziano e malato, e gli ha suggerito la battutaccia su Napolitano, perché non dice pubblicamente che è colpa sua, che la battuta la suggerita lui a un Bossi anziano e malato e che chi deve essere processato è lui? Processo più o processo meno, farebbe comunque un bel gesto nei confronti di Bossi e della Lega. Mi dicono però che non è un cuor di leone, è soltanto un chiaccherone senza attributi.

  8. Scritto da Lesa maestá

    E Grillo quando lo processano? Anche lui ne ha dette di tutti i colori su re Giorgione il comunistone ravveduto. Ora è un liberal europeo

  9. Scritto da Aristide

    È vero, Umberto Bossi offese l’onore del Capo dello Stato: ma quando offendeva era malato, e qualcuno, giovane e rampante, che gli suggeriva le parole. Si veda l’articolo ‘Bèrghem Frècc 2011: quando dicevano che Napolitano l’è propri un terùn’, pubblicato su Nusquamia (http://nusquamia.wordpress.com/2012/04/19/amarcord_3-%E2%80%A2-berghem-frecc-2011-quando-dicevano-che-napolitano-le-propri-un-terun/).

    1. Scritto da Miki

      Ma non dire stravaganze: Bossi sapeva benissimo il peso politico delle sue dichiarazioni. Questo atteggiamento da perpetua (falso) premurosa che avete voi sinistri nei confronti del Senatur (“poverino era malato”) riservatela alle vostre mummie,tano-napoli seduto in primis.
      Faccio notare per la 602esima volta che il coccolone risale al 204 e nel 2010,SEI anni dopo, la Ln ottiene il suo massimo storico a livello regionale e nazionale. Quindi ribadisco eviterei di dire str avaganze

    2. Scritto da Peppa Pig-a

      E chi sarebbe questo giovane rampante che gli suggeriva le parole?
      Perchè non soddisfa la ns curiosità?
      Paura di beccarsi la quarta querela?

      1. Scritto da Aristide

        Niente paura: è scritto tutto nell’articolo su Nusquamia, del quale qui sopra trova il nesso ipertestuale.

      2. Scritto da Robi

        No dai che qualcuno dopo si becca il quarto processo, e pensa che è ancora sostenuto dai suoi, in primis il Calderolo-Gancia che se lo coccola.Roba da matti, anzi da lega bergamasca, chiedere a Belotti per avere maggiori informazioni

      3. Scritto da W la Pepa

        Sig.ra Peppa, probabilmente non è avvezza all’uso di strumenti informatici: basta copiare il collegamento per vedere chi suggeriva. Si possono riconoscere altri ardimentosi lì vicino che hanno scaricato addosso al povero leone ferito la responsabilità del gesto. Ma si sa che il coraggio non è dote dei politici del momento, e neanche degli ex.

  10. Scritto da vabbe

    Poi i magistrati non sono politicizzati, noooooooooo……..certo certo

  11. Scritto da moss de sura

    Io ricordo benissimo che ci fu un noto politico bergamasco (noto anche ai magistrati per altre faccende) che suggerì al povero Bossi l’epiteto da indirizzare al “miglior Presidente della Repubblica” che abbiamo mai avuto. Non ricordo il nome, però… chi mi aiuta?

  12. Scritto da La verità fa male

    Una nazione borbonica e burocratica processa il quasi 80enne Bossi per un futile e non urgentissimo reato di “lesa maestà” che risale all’epoca fascista e al codice Rocco, mentre milioni di pratiche arretrate (che hanno il solo demerito di riguardare la gente comune e di non finire sulle prime pagine dei giornali) giacciono inevase

    1. Scritto da residente

      Bossi è del settembre 1941, ha 72 anni…
      Poteva dire che l’hanno votato milioni di italiani e così può infrangere tutte le leggi che vuole perché legittimato dal popolo, come mister b.

      1. Scritto da Mister Bean

        Condannate pure Bossi per le sue idee e per le sue parole. Non veniteci però a dire che siamo in un paese libero.
        Consideriamo anche che aprono le porte del carcere ai mafiosi e mettono dentro chi la pensa diversamente dalla loro linea. Aprono le porte anche agli invasori, facendo affari col traffico di esseri umani.
        E, già. Ma Bossi (o chiunque altro!!!) deve andare in galera per le sue parole. Buffoni.