BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sequestrato mezzo chilo di droga in ovuli proveniva da Bergamo

L'operazione antidroga della Guardia di Finanza di Mantova arriva fino a Bergamo. Due cittadini nordafricani sono stati arrestati e più di mezzo chilo di sostanze stupefacenti è stato sequestrato.

Più informazioni su

L’operazione antidroga della Guardia di Finanza di Mantova arriva fino a Bergamo. Due cittadini nordafricani sono stati arrestati e più di mezzo chilo di sostanze stupefacenti è stato sequestrato. I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria hanno tratto in arresto tra giovedì notte e venerdì due cittadini trentenni (di nazionalità marocchina), trovati in possesso di un notevole quantitativo di sostanza stupefacente custodito all’interno delle loro rispettive abitazioni. Dalle indagini è emerso che la droga era stata acquistata a Bergamo L’operazione ha avuto origine da un controllo effettuato dai finanzieri nei pressi di Castellucchio.

Il soggetto, all’atto del fermo del veicolo, manifestava evidenti segni di nervosismo che inducevano gli uomini delle Fiamme Gialle  ad effettuar e un approfondito controllo del mezzo, nel quale venivano rinvenuti, all’interno di un pacchetto di sigarette due grammi  di hashish, uno spinello già confezionato e, abilmente occultati all’interno del cruscotto 7 involucri contenenti altrettante dosi di cocaina,  tutte pronte per essere vendute. 

I finanzieri hanno proceduto subito  alla perquisizione domiciliare (a Spineda) dove nascosti in cantina, all’interno di una busta della spazzatura, venivano rinvenuti e sequestrati  52 ovuli di hashish per un totale di circa 6 etti, nonché – in una cassetta metallica – altri 13 grammi cdi cocaina, 100 grammi di sostanza da taglio, due bilancini di precisione intrisi di cocaina e 2.400 euro in contanti. Per la Guardia di Finanza di Mantova il sequestro di hashish in ovuli rappresenta in assoluto il primo sequestro di “fumo” confezionato e venduto con questa particolare modalità: infatti, solitamente, l’hashish raggiunge il territorio italiano in panetti.

Tale confezionamento è certamente legato alle modalità d’importazione dello stupefacente che avviene attraverso l’ausilio di corrieri, i quali ingeriscono gli ovuli, effettuando lunghi viaggi intercontinentali, per espellere lo stupefacente una volta raggiunto il territorio di destinazione. Questo tipo di trasporto viene riservato ad un prodotto di elevata qualità . L’attività si è conclusa con il sequestro dell’auto mezzo e di tutta la sostanza stupefacente nonché l’arresto del cittadino magrebino.

Successivamente, grazie all’analisi dei tabulati telefonici, i finanzieri sono riusciti ad individuare anche il presunto fornitore dell’arrestato, residente alla periferia di Bergamo. La successiva perquisizione domiciliare ha consentito di rinvenire, occultati dietro il battiscopa del soggiorno altri 80 grammi di cocaina racchiusi in 8 involucri nonché un altro bilancino di precisione e circa 500 euro. A quel punto è scattato il secondo arresto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.