BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Losa vende Cartemani a multinazionale austriaca Il marchio non scomparirà

Cartemani Spa, azienda di Curno attiva nel settore dell'igiene, comfort e sicurezza alla persona sul posto di lavoro, entra a far parte del gruppo Hagleitner Hygiene International Gmbh, multinazionale austriaca presente in undici Paesi europei oltre all'Italia.

Cartemani Spa, azienda di Curno attiva nel settore dell’igiene, comfort e sicurezza alla persona sul posto di lavoro, entra a far parte del gruppo Hagleitner Hygiene International Gmbh, multinazionale austriaca presente in undici Paesi europei oltre all’Italia.

L’accordo di cessione del 100% delle quote si è perfezionato martedì 8 aprile a Bolzano, tra il fondatore della storica azienda bergamasca, Donato Losa e Hans Georg Hagleitner 54enne patron dell’omonimo impero del cleaning. 

 Attiva dal 1980 Cartemani Spa è un’azienda nata e cresciuta prevalentemente sul territorio bergamasco e lombardo fino ad espandersi in tutto il Nord Italia. Un marchio forte che nella sua lettura riconduce direttamente al core business dell’azienda: gli asciugamani in carta e l’igiene della persona nella collettività e sul posto di lavoro. 

"L’accordo con Hagleitner – sottolinea Donato Losa – ha l’obiettivo di rafforzare la qualità già alta percepita dell’azienda sul mercato e offrire soluzioni sempre più all’avanguardia. Certi che l’essere unuiti a un gruppo presente in ambiti internazionali possa offire migliori opportunità di espansione e continuità nel segno della prosperità". 

La ricca gamma di prodotti e servizi del gruppo austriaco potrà arricchire ulteriormente la già eccellente offerta di Cartemani che continuerà ad essere presente con il proprio marchio sui territori storicamente serviti". 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alberto

    e il personale dipendente ? di solito gli unici che ci rimettono sono giusto i dipendenti …..

  2. Scritto da Pluto

    Curno é in mano a gente molto attenta. Negli anni scorsi se n’é andata la CRF. La Brembo é ormai una azienda internazionale ma il suo centro ricerche é a Stezzano. Il centro commerciale é in mano straniera. Adesso anche una importante azienda eco finisce in mano ai tedeschi. Provare ad aprire gli occhi signori politici curnesi di destra, lega e sinistra?

  3. Scritto da maurizio bizioli

    Complimenti al sig. Donato Losa, brillante uomo d’affari, per l’acume mentale che ha sempre dimostrato e che, alla luce dei fatti, dimostra continuamente.

  4. Scritto da Sergio

    Nell’epoca del riciclo, questi spopolano con l’usa e getta…. Mah….. Un mondo al contrario…. Comunque complimenti all’imprenditore che sa cogliere le mode e le esigenze della gente.

    1. Scritto da acido

      Certo!
      Adesso in bar, ristoranti, ospedali, ecc torniamo agli asciugamani di stoffa unti e bisunti, e magari al rampino con attaccati i foglietti di giornale al posto della carta igienica….

      1. Scritto da Sergio

        Che discorsi da tutto bianco o tutto nero…. Ci sono un sacco di situazioni dove per asciugarsi le mani basta il “soffiatore” e in tavola, anziché tovagliette e tovaglioli di carta, quelli di stoffa lavabili… Non è poi così strano. In meccanica, anziché il rotolo di carta bianca e linda per asciugarsi via l’olio o il grasso dalle mani, possono benissimo essere utilizzati stracci tratti da indumenti e tessuti dismessi: ci sono le ditte che forniscono balle di stracci puliti e sicuri.

  5. Scritto da Luca Silvetti

    Sono felice per il gruppo Cartemani e per il Sign Donato Losa