Quantcast
"Divergent", film d'azione: all'inizio avvince poi scade nella banalità - BergamoNews
La recensione

“Divergent”, film d’azione: all’inizio avvince poi scade nella banalità

Solo 5+ per "Divergent": secodno il nostro critico Francesco Parisini il regista Neil Burger non ha approfondito lo spunto interessante della trama e cioè gli inevitabili scontri dentro una società utopica.

Titolo: Divergent

Regia: Neil Burger

Genere: Azione

Durata: 139 minuti

Attori: Shailene Woodley, Theo James, Ashley Judd, Maggie Q, Kate Winslet, Zoë Kravitz

Voto: 5+

Attualmente in visione: Multisala San Marco

Dopo una guerra che ha portato distruzione in tutto il pianeta, gli abitanti sopravvissuti di Chicago decidono di fondare una nuova società le cui norme possano garantire e preservare la pace, almeno tra i concittadini.

Ogni individuo, raggiunta la maggiore età, può scegliere di appartenere a una delle cinque caste proposte, che si differenziano tra loro non a seconda del reddito ma per la personalità e la peculiarità dei propri membri.

Beatrice Prior (interpretata da una timida Shailene Woodley), al momento di decidere a quale gruppo dedicare la propria vita, scopre di essere una Divergente, ovvero una persona poliedrica, adatta non solo ad una casta, ma a tutte. Dopo aver ricevuto il consiglio di tenere nascosto a chiunque il suo essere “divergente”, sceglie di diventare una degli Intrepidi, i più tamarri delle cinque “fazioni”, nonché militari “difensori della pace”.

L’allenamento necessario per riempire le file degli Intrepidi si rivela (ovviamente) difficoltoso, nonostante il laconico istruttore Quattro (interpretato dall’adone Theo James) si innamori (come ci si aspettava) di Beatrice. Sullo sfondo di questo amore molto adolescenziale si fa strada il fallimento di questa società utopica, destinata a fallire a causa dell’ambizione degli Eruditi, la casta dei colti, che con un vero e proprio golpe cercherà di sovvertire l’ordine pubblico.

Il film di Neil Burger sembra un incrocio tra i primi capitoli della saga di “Harry Potter” (la scelta del gruppo di appartenenza tramite il “cappello parlante”) e “Hunger Games” (la società divisa in distretti e caste).

La prima parte di questa pellicola è, tutto sommato avvincente, tanto da catturare facilmente l’attenzione e l’immaginazione dello spettatore.

La regia di Neil Burger, però, ci lascia un po’ perplessi. I movimenti di camera, nelle scene d’azione, sono eccessivi e cercando di dare movimento alla situazione, creano solo confusione.

La seconda parte del film, invece, viene presentata frettolosamente, quasi come se il regista avesse voluto terminare le riprese in fretta. Non vengono spiegati, infatti, alcuni passaggi chiave che siamo costretti a ricercare leggendo il libro da cui questo film è tratto. Inoltre sembra che la storia narrata da questo film sia presentata volutamente sotto un filtro di banalità.

“Divergent” non è il solito filmaccio d’azione, perché con una trama interessante (o per lo meno un contesto particolare, come quello di un mondo post apocalittico) riesce anche a divertire. Purtroppo l’aspetto più interessante di questa pellicola – la stessa trama -, non viene per niente curato.

Il rivale film per adolescenti “Hunger Games” batte di gran lunga il lavoro di Neil Burger, inizialmente avvincente ma poi banale, scontato, noioso.

Francesco Parisini

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
 Joaquin Phoenix in "Her"
La recensione
Lei (Her): tra il virtuale e l’incomunicabilità spuntano le emozioni
NOI 4
La recensione
Noi 4, un film scontato, ridicolo e un po’ irritante
Storia di una ladra di libri
La recensione
Gli orrori del Nazismo e l’importanza della cultura con la “ladra di libri”
Quando c'era Berlinguer
La recensione
Il carisma di Berlinguer in un’Italia complicata: emozione e testimonianza
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI