BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sei vittorie su sei: nessuno in Italia come l’Atalanta a marzo

I nerazzurri sono stati la miglior formazione del calcio professionistico italiano del mese di marzo: nessuno, infatti, ha tenuto una media-punti pari a quella di Denis e compagni. Dietro ai bergamaschi il Palermo, terze Alessandria e Torres.

Più informazioni su

Sei vittorie su sei per una media di tre punti a partita. Il massimo. Marzo è stato il mese perfetto per l’Atalanta di Stefano Colantuono che è stata capace di conquistare sempe il bottino pieno, ad ogni partita. Nessuno, in tutto il calcio professionistico italiano, è stato capace di fare meglio.

Sul secondo gradino del podio si è piazzato il Palermo, autentico dominatore della serie B, con una media di 2,7 punti, mentre al terzo posto hanno chiuso a bracetto Alessandria e Torres, due formazioni di Seconda divisione di Lega Pro, con 2,6 punti di media.

I trentuno giorno d’oro per i nerazzurri sono iniziati il 2 marzo scorso, quando al Comunale è arrivato il pericolante Chievo: 2-1 il risultato finale con le reti di Carmona e Cigarini. Poi, una settimana dopo, la splendida vittoria in trasferta sul campo della Lazio, con Maxi Moralez giustiziere dei biancocelesti in un Olimpico semi-deserto. Il 16 marzo, nel lunch-match, è toccato alla Sampdoria di Mihajlovic essere asfaltata sotto le Mura venete con un 3-0 che non ha lasciato spazio a repliche. Di Carmona, Bonaventura e Denis i gol decisivi. Sulle ali dell’entusiasmo i bergamaschi sono andati a prendersi i tre punti anche a San Siro, contro l’Inter, il 23 marzo: a stendere gli uomini di Mazzarri ci ha pensato un Bonaventura in formato "mondiale". Poi le vittorie contro Livorno e Bologna (sempre 2-0, in gol De Luca due volte, Denis ed Estigarribia) hanno regalato il mese perfetto al club di Percassi, che con questi 18 punti è tornato a sognare in grande, grandissimo.

Domani al Comunale arriva il sempre più pericolante Sassuolo: vincere significherebbe allungare a sette le vittorie consecutive (sarebbe un nuovo record per l’Atalanta). Ma anche continuare a sognare di tornare là dove la Bergamo calcistica meriterebbe di stare, tra le regine d’Europa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sergio

    Un mese all’anno di buona resa…. Mica male come media….. Lo stipendio pieno però tutti i 12 mesi, vero?

  2. Scritto da Roberto

    Solo la Juve!

    1. Scritto da solodea

      solo uno juventino poteva lasciare un messaggio così. Troppo facile tifare per chi sempre vince, ma le soddisfazioni che ti fanno provare le squadre meno blasonate e … meno scontate, neanche te le immagini.

      1. Scritto da FABRI

        Completamente d’accordo. Commento ridicolo di uno che sarà anche di Bergamo…