BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Insalate pronte in Borsa Il 17 aprile Agronomia debutta a Piazza Affari

Le insalate pronte di Agronomia, gruppo bergamasco controllato dalla famiglia Alessio, si preparano a debuttare in Borsa, all'Aim, il 17 aprile: la società andrà sul mercato con un flottante fino al 25% tra aumento di capitale e offerta pubblica di vendita agli istituzionali.

Le insalate pronte di Agronomia, gruppo bergamasco controllato dalla famiglia Alessio, si preparano a debuttare in Borsa, all’Aim, il 17 aprile. La società, che ha chiuso il 2013 con un fatturato pari a 25,4 milioni di euro, un ebitda di 3,1 milioni e un utile di 24 mila euro, è stata valorizzata 34 milioni di euro e andrà sul mercato con un flottante fino al 25% tra aumento di capitale, destinato agli investitori retail, e offerta pubblica di vendita agli istituzionali. La forchetta di prezzo è tra 1 e 1,1 euro.

Agronomia si apre al mercato con un aumento di capitale per gli investitori retail attraverso il quale punta a raccogliere tra 3,33 e 3,67 milioni di euro e con un’offerta pubblica di vendita fino a 5 milioni di azioni con un controvalore di 5-5,5 milioni di euro. L’opv, è stato spiegato dall’advisor finanziario Sintesi, prevede un premio di 1 warrant per azione. Inoltre verrà emesso un prestito obbligazionario fino a 10 milioni di euro (a 5 anni con cedola semestrale all’8%).

Al termine dell’operazione la famiglia Alessio manterrà il 70% del capitale, le azioni saranno offerte dal fondo lussemburghese Niyq entrato solo qualche mese fa nel capitale.

“Le risorse finanziarie – afferma l’ad Guglielmo Alessio – ci aiuteranno a supportare i progetti di espansione e di sviluppo di nuove tecnologie sia in campo agricolo che industriale. Per questo abbiamo aperto in Israele un ufficio di ricerca e sviluppo”.

Il piano industriale 2014-2018 prevede investimenti per 13 milioni di euro per ampliare la capacità produttiva (oggi ha uno stabilimento a San Paolo d’Argon e uno a Guagnano in provincia di Lecce), in ricerca e sviluppo, rafforzamento della rete commerciale (soprattutto in Germania dove c’è già un ufficio a Dortmund e in Cecoslovacchia ma guarda anche all’Inghilterra) e nelle energie rinnovabili per arrivare a produrre internamente l’energia consumata. Il piano prevede di portare in cinque anni il fatturato a 75 milioni di euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bergamasc

    Inoltre verrà emesso un prestito obbligazionario fino a 10 milioni di euro (a 5 anni con cedola semestrale all’8%)….io me ne starei alla larga….

    @commento precedente: mi hai “fregato” IL NICK…EH…EH…EH…

  2. Scritto da bergamasc

    Scusate è un errore o l’utile annuo è 24.000€?