BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vittoria ritrovata e terzo posto blindato Foppa, puoi sorridere

Le rossoblù, dopo i ko rimediati con Piacenza e Conegliano, ritrovano il sapore della vittoria e tengono a debita distanza le rivali modenesi. Da segnalare le grandi prove di Diouf, Stufi, Folie e Sylla.

di Alberto Caprini

Una Diouf ritrovata e implacabile trascina Bergamo al successo contro Modena, consegnando alle rossoblù anche la certezza del terzo posto in classifica vista la concomitante sconfitta di Busto Arsizio a Piacenza. Si festeggia quindi con un turno d’anticipo e i motivi sono tanti.

NOTE LIETE – Dopo un mese faticoso è tornata alla grande Valentina Diouf. I 31 punti a referto dicono già molto, ma se andiamo ad analizzare come sono stati ottenuti notiamo come la varietà dei colpi sia quella dei giorni migliori (di forza e d’astuzia, da prima linea e da seconda linea, per non parlare del muro) e la condizione fisica in netto crescendo, al punto che l’abbiamo vista saltellare anche per esultare ai punti delle compagne. Detto dell’opposta annotiamo un ritorno altrettanto gradito, quello di Miriam Sylla, schierata al posto Loda con esito più che soddisfacente. Se in attacco può ancora crescere (comunque positivo il suo 38%), al servizio ha creato molti grattacapi a Modena e anche nel lavoro in seconda linea, soprattutto in difesa, si è ben disimpegnata evitando anche errori e malintesi con le compagne. Al centro è stata sfida vera tra Stufi-Folie (78% la prima, 53% Rapha) e il duo emiliano, con la ex Ruseva ottima (71% e 5 muri) ma non abbastanza per contenere l’attacco di Bergamo nel secondo e terzo set. Tra le note liete non possono mancare la solita Merlo in difesa e Smutna in palleggio, sostituita solo nel finale di quarto da Weiss.

EVITARE LE AMNESIE – In una serata di ottima pallavolo, giocata con intelligenza tattica, ben preparata da Lavarini e interpretata dalle ragazze nel modo giusto, rimane l’unico neo dell’amnesia del quarto set, quando le ragazze hanno rischiato di combinare un pasticcio facendosi rimontare sette punti e rischiando di prolungare la contesa al tie-break. Aspetto su cui si deve ancora lavorare come ha sottolineato anche Lavarini a fine match: “Dobbiamo insistere ancora sulla nostra attenzione perché la partita non puoi mai darla per finita, abbiamo concesso con qualche errore di troppo agli avversari di tornare in gioco e siamo stati bravi e fortunati alla fine a sfruttare le occasioni per chiudere la partita. Non si tratta né di una situazione fisica né di una problematica tecnica o tattica, semplicemente abbiamo a volte un pò fretta di andare a casa, quando vediamo che abbiamo fatto bene il nostro lavoro vogliamo finire subito. Invece il bello deve durare tanto. Per l’importanza della partita comunque quello di oggi è un grande risultato”.

QUATTRO SET EMOZIONANTI – Ma riviviamo in poche righe il match. Modena era partita bene, giocando un primo set ordinato e con una Piccinini implacabile nei palloni decisivi. Poi ecco un calo, che corrispondeva ad una crescita esponenziale della Foppa e di Valentina Diouf in particolare (82% con 10 punti nel secondo!). Modena iniziava anche a faticare in ricezione con la logica conseguenza di un attacco più scontato ben controllato dal muro di Bergamo (alla fine saranno dieci, quattro di Folie). L’ago della bilancia nel quarto era comunque la difesa, con alcuni palloni difesi in modo anche rocambolesco che hanno acceso il PalaNorda e caricavano a mille le rossoblù. Nel finale un po’ di sofferenza, con Modena capace di risalire dal 17-10 al 23-23 sfruttando alcune amnesie in ricezione e una minore lucidità nella distribuzione. Ma ci pensavano Loda (entrata apposta su Blagojevic) e Sylla a mettere i puntini sulle “i” e a scacciare i fantasmi del tie-break.

FINESTRA SUI PLAYOFF – Nel prossimo weekend si concluderà la Regular Season. Le rossoblù, matematicamente terze, saranno impegnate ad Ornavasso in un match ininfluente che non cambierà di una virgola il finale di stagione. Molto interessanti saranno invece le sfide tra Modena (quarta a 33 punti) e la capolista Piacenza, quella tra Yamamay (anch’essa a 33 punti) e Conegliano, infine lo spareggio Casalmaggiore e Novara, rispettivamente a quota 30 e 32. Quattro squadre quindi che si andranno a classificare tra il quarto e il settimo posto, e una di queste, la sesta, affronterà la Foppa a partire da settimana prossima.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.