BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pulizia strade: “I cartelli non si vedono Così è multa certa”

Dopo il problema della segnaletica orizzontale errata e pericolosa, un lettore segnala un altro problema in via Radini Tedeschi nel quartiere di Redona a Bergamo, chiedendosi se i cartelli provvisori di sosta vietata siano posizionati nel modo corretto.

Più informazioni su

La segnaletica errata in via Radini Tedeschi non è pericolosa solo per l’incolumità di pedoni, automobilisti e motociclisti ma anche per i portafogli”: a segnalare un nuovo problema nella zona a Redona è un lettore che si domanda se i cartelli provvisori di divieto di sosta per permettere la pulizia delle strade vengano posizionati nel modo corretto, perché non si vedono.

“Gentile redazione,

oltre al problema della segnaletica orizzontale errata credo che in via Radini Tedeschi a Redona ci sia un’altra questione che meriti di essere risolta e che si verifica di giovedì sera, una volta al mese, in concomitanza con la pulizia delle strade.

Il codice della strada prevede che, in una qualsiasi strada a doppio senso di marcia, la segnaletica verticale venga posta sul margine destro della carreggiata, in posizione ortogonale rispetto alla marcia. Nelle piazze, dove non esistono chiari sensi di marcia, i cartelli, e quelli di divieto di sosta in particolare, possono essere collocati sui lati e completati con l’eventuale indicazione ‘esteso a tutta la piazza’. Il Codice prevede anche che i cartelli siano posizionati in modo da essere sempre chiaramente visibili in tutte le condizioni di luce e di traffico.

Nel caso di via Radini Tedeschi, però, tutto ciò non succede: i cartelli provvisori di divieto di sosta dovrebbero essere posizionati sul bordo della carreggiata e in posizione ortogonale rispetto al senso di marcia della corsia, all’inizio e alla fine del tratto di sosta vietata e invece i tre cartelli che vengono utilizzati, e che sono montati su un fusto basso meno alto della sagoma della auto in sosta, vengono posizionati non già sul lato della carreggiata ma sul marciapiede retrostante agli stalli per il parcheggio, e in posizione non ortogonale, in posizione parallela rispetto al senso di marcia dei veicoli.

In questo modo durante la giornata le auto parcheggiate impediscono del tutto la vista dei cartelli da parte di chi circola sulla carreggiata, rimanendo visibili, con parcheggio completamente occupato, solo dai pedoni che transitano sul marciapiede retrostante o da chi occupa lo stallo di parcheggio direttamente davanti ad uno dei tre cartelli. Cartelli che diventano visibili dalla carreggiata di notte, quando le auto in sosta rimangono poche: ma, mentre tutti i cartelli stradali devono per legge essere illuminati o riflettenti, quelli di divieto di sosta provvisorio non sono né l’una né l’altra cosa. I cartelli in questione, oltretutto, non recano nemmeno l’indicazione ‘esteso a tutta la via’ e dunque, a norma del Codice della Strada, essendo collocati in posizione parallela al senso di marcia e non in posizione ortogonale, varrebbero solo per lo stallo di parcheggio in corrispondenza del quale sono sistemati. Al contrario, però, gli agenti della Polizia Locale multano tutte le auto che rimangono posteggiate lungo la via: il problema per i residenti, consapevoli della cosa, è nullo perchè fanno in tempo a mettere ‘al riparo’ le proprie auto. Ma per chi non è pratico della zona la multa è praticamente certa, e nemmeno troppo tempo dopo l’inizio del ‘coprifuoco’, che scatta alle 23.

Il parcheggio è segnalato con un cartello all’inizio di via Radini Tedeschi e non capisco perchè non venga posizionato nell’aiola lì sotto il cartello provvisorio di sosta vietata che, anche se montato su fusto basso, sarebbe ben visibile a chiunque. L’unica cosa ben visibile, però, per ora sono le tante multe staccate dai vigili: la segnaletica errata in via Radini Tedeschi non è pericolosa solo er l’incolumità di pedoni, automobilisti e motociclisti ma anche per i portafogli”.

Lettera firmata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ct

    questi paletti rimovibili sono fuori dal mondo: cosa ci vuole a mettere un segnale fisso con scritto ” divieto di sosta per pulizia strade il 1′ giovedì del mese” ?

    1. Scritto da la belota

      Quello che hai scritto e`giustissimo, ma……………..il comune non farebbe ¨cassa¨¨.