BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Camusso contro Landini a colpi di spot: morbido con Renzi e sempre in tv

E adesso la segreteria Cgil dichiara guerra aperta anche a colpi di pagine acquistate sui giornali. Contro chi? Qualche imprenditore? No, contro la Fiom di Maurizio Landini.

Più informazioni su

E adesso la segreteria Cgil dichiara guerra aperta anche a colpi di pagine acquistate sui giornali. Contro chi? Qualche imprenditore? No, contro la Fiom di Maurizio Landini.

E lo fa sull’Unità: lunedì, a pagian 10 un’inserzione a pagamento, si tratta di una “lettera aperta” firmata da Claudio Di Berardino e Nino Baseotto, rispettivamente segretari generali di Cgil Roma-Lazio e Lombardia: l’impaginazione mostra chiaramente che non si tratta di un articolo come gli altri, bensì di uno spazio pubblicitario acquistato dal sindacato. Per sparare bordate contro i “compagni” della Fiom.

La “lettera aperta”, infatti, è un attacco tout court nei confronti del recente operato di Maurizio Landini. Al centro del documento c’è il nuovo Testo unico di rappresentanza sindacale firmato da Cgil, Cisl e Uil e Confindustria, che è stato duramente criticato dal segretario Fiom.

Di Berardino e Baseotto rivendicano “la vitalità e la democrazia della Cgil”, che saranno rafforzate dall’accordo sottoscritto. E invece puntano il dito su quelle “scelte contrattuali calate dall’alto e verticistiche da cui neanche la Fiom è attualmente estranea”.

Nella seconda parte del testo, poi, l’accusa è ancor più forte: si parla di “uso di giornali e televisioni”, “personalizzazione” e “scimmiottamento dei partiti e dei politici”. Si contesta al segretario della Fiom “una certa timidezza” nel prendere posizione contro il governo che chiude le porte alla concertazione sindacale (rinfocolando così le voci che darebbero Landini in avvicinamento a Matteo Renzi, anche a seguito dei dissidi interni).

E si conclude addirittura che, in questo momento così delicato, “il primo a indebolire la democrazia all’interno della nostra organizzazione è proprio il segretario generale nazionale della Fiom Cgil”.

Un attacco duro, diretto. E a pagamento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CLOE

    OGNI VOLTA CHE GUARDO LA TV E VEDO CERTI PERSONAGGI CAMBIO SUBITO CANALE ORMAI. CARO LANDINI CI HAI STUFATO ESATTAMENTE QUANTO LA POLITICA ITALIANA. TANTE PAROLE MA FATTI ZERO. UN PO MENO IN TV E UN PO PIU A RISOLVERE I PROBLEMI DELLA GENTE. ALTRO CHE BALLE!

  2. Scritto da Luigi

    Un illuminante esempio di cosa è diventato il sindacato di sinistra, un covo di faziosi sempre pronti a polemizzare e ad insultarsi, alla faccia dell’unità sempre sbandierata e naturalmente in nome dei lavoratori, che nel frattempo votano forza Italia, lega, no euro, forconi, 5stelle, chiunque basta che non venga dalla CGIL!

  3. Scritto da lele

    Landini mandatelo a casa… tanto bla,bla,bla…ma fatti zero e contraddizioni sempre