BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

No alle riforme di Renzi Grillo firma l’appello di Rodotà e Zagrebelsky

"No alle riforme targate Renzi, stravolgono la Costituzione e sono una svolta autoritaria": l'appello lanciato da Gustavo Zagrebelsky e da Stefano Rodotà raccoglie l'appoggio e le firme di Beppe Grillo e di GianRoberto Casaleggio

Più informazioni su

"No alle riforme targate Renzi, stravolgono la Costituzione e sono una svolta autoritaria": l’appello lanciato da Gustavo Zagrebelsky e da Stefano Rodotà raccoglie l’appoggio e le firme di Beppe Grillo e di GianRoberto Casaleggio

L’appello è stato postato sul blog dei 5 Stelle: “Stiamo assistendo impotenti al progetto di stravolgere la nostra Costituzione da parte di un Parlamento esplicitamente delegittimato. Stiamo assistendo impotenti al progetto di stravolgere la nostra Costituzione da parte di un Parlamento esplicitamente delegittimato dalla sentenza della Corte costituzionale (n. 1 del 2014), per creare un sistema autoritario che dà al presidente del Consiglio poteri padronali": questo dice.

E prosegue: "Con la prospettiva di un monocameralismo e la semplificazione accentratrice dell’ordine amministrativo, l’Italia di Matteo Renzi e di Silvio Berlusconi cambia faccia mentre la stampa, i partiti e i cittadini stanno attoniti (o accondiscendenti) a guardare. La responsabilità del Pd è enorme poiché sta consentendo l’attuazione del piano che era di Berlusconi, un piano persistentemente osteggiato in passato a parole e ora in sordina accolto. Il fatto che non sia Berlusconi ma il leader del Pd a prendere in mano il testimone della svolta autoritaria è ancora più grave perché neutralizza l’opinione di opposizione".

Così Zagrebelsky e gli altri firmatari conclusono: "Bisogna fermare subito questo progetto, e farlo con la stessa determinazione con la quale si riuscì a fermarlo quando Berlusconi lo ispirava".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da erriu

    voglio firmare anch’io.dove?

    1. Scritto da francesco santacroce

      vorrei firmare contro le riforme di Matteo renzi

  2. Scritto da carlo

    ma come ,se fino ieri Rodota era un ottuagenario miracolato dalla rete, poi senti chi parla di autoritarismo

  3. Scritto da nino cortesi

    Zagrebelsky il prossimo miglior possibile Presidente della Repubblica.
    Non inciucia.
    Si capisce.
    Vede la strada giusta.

    1. Scritto da La verità fa male

      Zagrebelsky e Rodotà sono due vecchi burocrati strapagati facenti parte della “casta” a tutti gli effetti

  4. Scritto da Mark

    Mi vien da ridere Grillo sentire che firma una cosa del genere.. Uno perché il M5S non é poi così liberò da autorità, ma evidentemente molti polli non l’hanno ancora capito.
    Due perché non ho ancora sentito Grillo proporre qualcosa. Finora ha avuto solo fiato di mandare a ….. gli altri e fare ostruzionismo. Lui cosa vuole? Perché ora é il tempo di iniziare a costruire e smetterla di tentare di distruggere o stallare le cose!

    1. Scritto da poeret

      bel coraggio.. continui pure a legger i suoi giornali di partito e sicuramente non troverà mai le proposte del M5S. C’è un programma semplice ed (a differenza del PD) non cambia ogni 2 mesi..prima 20 poi 8 punti, poi calendario Renzi..poi..poi..

    2. Scritto da Mister Bean

      Non confondiamoci: la democrazia all’interno di un movimento è una cosa (e anche il pd ha le sue belle rogne), la democrazia di uno stato è tutt’altro paio di maniche. Abbiamo il terzo governo non eletto, l’informazione è imbavagliata (ci danno solo notizie inutili tipo il ricambio generazionale tra statali) e ci stanno modificando la legge elettorale per fa si che comandino sempre e solo quelli. Puoi criticare grillo per tutto ma su questo ha mille ragioni. Svegliamoci!

  5. Scritto da Carlo Pezzotta

    = ai legaioli!! Prese le poltrone, chi le molla??

    1. Scritto da Mister Bean

      E ti pareva che le vaccate di renzi non fossero colpa della lega?
      E’ ovvio che il sig. renzi, appoggiato dall’ing.debenedetti e altri galantuomini come lui, sta accentrando tutto il potere a roma. L’abolizione delle provincie porta maggiori costi (fonte: corte dei conti) e adesso addosso a senato e regioni. Esattamente il contrario di quello che vuole la lega (e la gente). Perchè? Solo per eliminare organi di espressione elettiva, cioè togliere democrazia!. come fece il duce

  6. Scritto da La verità fa male

    Le uniche due vere riforme sono l’uscita dell’Italia dall’euro con abolizione del fiscal compact e lo smantellamento di almeno il 50% degli adempimenti burocratici (manifestamente inutili, dannosi e improduttivi) a carico delle imprese. Il resto è solo propaganda del regime cattocomunista per mantenere lo “status quo”

  7. Scritto da MAURIZIO

    Il Pd ha già sguinzagliato i suoi esperti. I Dottorini in Legge ci fanno sapere che è Grillo ad essere autoritario quando pretende che gli uomini del M5S rispettino programma e accordi. Per i Professorini Pd la decenza, l’onore e la parola data si trasformano in “ricatto al libero Parlamentare eletto” nel momento in cui non consentono più al clan politico di occupare illegittimamente il potere. Sono quindi i partiti politici attuali a ricattare i Parlamentari liberi.