BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Addio a Gerardo D’Ambrosio Procuratore capo a Milano protagonista di ‘Mani pulite’

L'ex procuratore capo di Milano e uno degli uomini simbolo del pool 'Mani pulite' aveva 84 anni e, in passato, aveva subito un trapianto di cuore. L'ex magistrato ed ex senatore si è spento al Policlinico di Milano.

Si è spento domenica pomeriggio Gerardo d’Ambrosio. L’ex procuratore capo di Milano e uno degli uomini simbolo del pool ‘Mani pulite’ aveva 84 anni e, in passato, aveva subito un trapianto di cuore. L’ex magistrato ed ex senatore si è spento al Policlinico di Milano.

D’Ambrosio era nato a Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta. Entrato in magistratura nel 1957, arriva al tribunale di Milano dopo un primo incarico a Voghera. A Milano assume l’incarico di Giudice istrutture penale, incarico con il quale conduce le indagini sulla strage di Piazza Fontana.

A D’Ambrosio fu protagonista dell’inchiesta sulla morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli in Questura. L’inchiesta si concluse con la controversa formula del ‘malore attivo’ per spiegare la morte del ferroviere. Nel 1992 è tra i protagonisti (insieme a Francesco Saverio Borrelli, Antonio Di Pietro, Piercamillo Davigo e Gherardo Colombro) dell’inchiesta ‘Mani pulite’ In quegli anni è procuratore aggiunto di Borrelli a cui succederà nel 1999.

Vent’anni dopo Tangentopoli, dichiarerà in un’intervista all’Unità: "Allora abbiamo perso una grandissima occasione, l’occasione di sconfiggere la corruzione, il cancro che avvelena la politica e l’economia. Siamo ancora qui a invocare la cultura della legalità". Nel 2002 lascia la magistratura e va in pensione.

L’ultimo fronte del suo impegno civile è la politica. Nel 2006 accetta la candidatura proposta dai Ds e viene eletto senatore in Lombardia. A Palazzo Madama verrà confermato alle successive elezioni del 2008 con il Partito democratico. L’ex procuratore dichiarerà più volte la sua amarezza per lo scontro tra politica e magistratura in materia di giustizia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da TT

    GRAZIE,grazie per il lavoro che ha svolto anche per mè:ricordo i giorni di Milano,in cui lei era Procuratore capo come i piu belli di quegli anni. Grazie.