BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un Bologna affamato tra l’Atalanta e il sogno di entrare in Europa

Bologna e Atalanta si scontrano al Dall'Ara con morale e obiettivi opposti: i nerazzurri vogliono continuare la propria striscia positiva di vittorie per puntare all'Europa, i felsinei cercano punti salvezza dopo il pesante ko rimediato contro il Chievo.

Più informazioni su

Una viaggia sulle ali dell’entusiasmo, forte di cinque vittorie consecutive e un sogno chiamato Europa nemmeno troppo lontano. L’altra si ritrova pericolosamente invischiata nelle zone basse della classifica dove il pensiero di raggiungere la salvezza pesa come un macigno.

Atalanta e Bologna arrivano all’anticipo di sabato al Dall’Ara con stati emotivi diametralmente opposti e, ormai, pure gli obiettivi lo sono.

Se i nerazzurri vedono l’Europa League lontana solamente 5 punti, quelli cioè che li separano dall’Inter, i felsinei si devono guardare le spalle: i 26 punti raccolti in 30 giornate di campionato per ora bastano per tenere dietro Catania, Sassuolo e Livorno ma il vantaggio sul terzultimo posto è di sole due lunghezze. Per i ragazzi di Ballardini l’Atalanta è il primo degli appuntamenti da vincere nel durissimo rush finale di questo campionato.

L’Atalanta, dopo l’incredibile scoppola rimediata al Comunale contro il Parma, ha inanellato sei risultati utili consecutivi, partendo dal pareggio di Udine, e ha invertito la fastidiosa tendenza che per buona parte della stagione l’ha resa irriconoscibile lontana da Bergamo: cinque vittorie consecutive con Chievo, Lazio, Sampdoria, Inter e Livorno di cui due, le più impegnative sulla carta, ottenute in trasferta.

Rispetto alla vitoria di mercoledì contro il Livorno Colantuono avrà a disposizione uno Stendardo in più mentre non ci sarà ancora Moralez: se il centrale campano ha recuperato infatti dal leggero affaticamento alla coscia, Maxi è ancora alle prese con il fastidio al gemello del polpaccio destro che l’ha costretto a lasciare anzitempo il campo contro l’Inter.

In casa Bologna il pesante ko rimediato a Verona contro il Chievo ha inguaiato Ballardini che, con la panchina che traballa sotto i piedi, ha deciso di isolare la squadra con allenamento a porte chiuse a Casteldebole e ritiro: contro l’Atalanta tornerà a disposizione Kone, che dovrebbe partire dalla panchina, mentre ritroveranno con tutta probabilità una maglia da titolare Antonsson, Perez e Cristaldo. È proprio sull’argentino ex Velez e Metalist che Ballardini punta per resuscitare un attacco che non segna su azione proprio dalla sua doppietta nella vittoriosa trasferta di Torino del 9 febbraio.

Gli ultimi cinque precedenti in Serie A al Dall’Ara sorridono ai rossoblu che hanno una statistica di tre vittorie, un pareggio e una sconfitta. L‘Atalanta non vince dalla stagione 2008-2009 quando decise un gol di Guarente. L‘anno scorso successo bolognese per 2-1 con Diamanti e Gabbiadini che resero inutile il sigillo di Denis. Denis a segno anche nel 2011-2012 ma fu sempre il Bologna ad avere la meglio grazie a Di Vaio, Ramirez e Loria. Bellucci e Amoroso firmarono il successo rossoblu nel 2004-2005 (2-1, rete nerazzurra di Budan) mentre l’ultimo pareggio è della stagione 2009-2010: alla doppietta di Di Vaio risposero Manfredini e Chevanton.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Estigarribia dentro subito e Livaja al posto di Denis per un tempo.