BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Salute

Informazione Pubblicitaria

Tonsille, quando toglierle? Sintomi e frequenza che richiedono l’intervento

L'intervento alle tonsille è uno dei più frequenti: quali sono le condizioni per cui è consigliabile toglierle? Il dottor Antonio Foresti, responsabile dell'Unità Operativa di Otorinolaringoiatria del Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro, chiarisce modalità di intervento e sintomi di una comune tonsillite.

L’intervento alle tonsille è uno dei più frequenti: quali sono le condizioni per cui è consigliabile toglierle? Il dottor Antonio Foresti, responsabile dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria del Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro, chiarisce modalità di intervento e sintomi di una comune tonsillite.

Tonsille: vanno sempre tolte?

È uno degli interventi più frequenti nei bambini, ma in alcuni casi si rivela necessario anche per i pazienti adulti. Parliamo della “tonsillectomia”, termine medico che indica l’asportazione delle tonsille. Si tratta di un intervento sicuro che deve comunque essere eseguito solo quando ve ne siano le indicazioni (in passato veniva suggerito troppo frequentemente). Ad esempio se le tonsille si infiammano ripetutamente (5 o più volte all’anno), dando origine a tonsilliti recidivanti o croniche, e se i sintomi sono di gravità tali da interferire con le normali attività quotidiane. Negli altri casi, in genere, l’infiammazione si risolve con una corretta terapia medica a base di antibiotici. Ne parliamo con il dottor Antonio Foresti, responsabile dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria del Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro, reparto che vanta un’esperienza pluridecennale per questo tipo di patologia, con una particolare attenzione all’approccio, alla diagnosi e alla cura dei bambini.

Quali sono i sintomi della tonsillite?

Con mal di gola, febbre, ingrossamento, rossore e infezione purulenta delle tonsille (le cosiddette placche), stanchezza. Le tonsille palatine sono due piccoli organi immunitari, posti ai lati della gola, che hanno la funzione di difendere l’organismo da virus e batteri. Quando un agente patogeno entra nella bocca esse attivano le loro cellule immunitarie per eliminarlo. Quando però i germi giungono in gola troppo numerosi, le tonsille non riescono nella loro azione e si ammalano, in particolare in quei bimbi piccoli che hanno poche capacità di difesa immunitaria. Nella fase acuta la cura è a base di farmaci antidolorifici e antipiretici, che riducono i sintomi e la febbre, e antibiotici contro i batteri responsabili delle placche. In genere nel giro di qualche giorno la situazione si risolve. In alcuni casi però, nonostante la corretta terapia, l’infiammazione fatica a guarire, oppure passa ma si ripresenta più volte durante l’anno. In questi casi, se la tonsillite diventa talmente invalidante da limitare la vita del piccolo, il pediatra e l’otorino, dopo un’attenta valutazione, e in genere dopo i tre anni d’età, possono consigliare di sottoporre il bambino all’asportazione chirurgica delle tonsille (tonsillectomia).

In cosa consiste l’intervento?

In anestesia totale, la tonsilla viene rimossa interamente per elettrodissezione, rispettando la capsula che l’avvolge, senza particolare sanguinamento, limitando la causticazione ai soli vasi sanguigni più importanti e raffreddando subito dopo la zona dell’intervento con cotoni bagnati. Il bambino rimane ricoverato fino alla mattina successiva, quando viene dimesso con i consigli per la più corretta convalescenza.

Esistono altre condizioni per cui è consigliabile togliere le tonsille?

Un’altra indicazione è l’ipertrofia tonsillare ostruttiva, quando cioè, specie durante il sonno, le tonsille sono talmente voluminose che impediscono la corretta ventilazione, provocando degli episodi di apnea che nel tempo sono responsabili di affaticamento cardio-respiratorio. Bisogna ricordare però che un aumento di volume delle adenoidi e delle tonsille è una condizione normale nei bambini piccoli (a quell’età le tonsille lavorano tanto a scopo immunitario) e pertanto non è da considerare una malattia. Esiste una valutazione per “gradi” del volume delle tonsille, per poter eseguire una valutazione precisa e paragonabile nel tempo e, a seconda della quale, è possibile con maggiore facilità stabilire il momento in cui l’intervento è sicuramente necessario.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuliana

    Io soffro di forte tonsillite e ho trovato la soluzione al mio problema con il Sanaplax. È un prodotto naturale e lo consiglio vivamente. Se qualcuno è interessato questo è il link del sito http://www.sanaplax.com/

  2. Scritto da Giuseppina

    salve, mio figlio di 6 anni soffre sembre di placche ha la frebbre 2 volte al mese, da settembre a gennaio ha avuto 6 volte la febbre. cosa devo fare?

  3. Scritto da Sarbu Bogdan

    E mi hanno dato ancora antibiottici….. sono ormai un antibiotico con gambe.. il fegato ormai smaltisce solo antibiotici. I denti sembra che si frantumano.. ma nessuno ha mai preso in considerazione lopzione di togliermi le tossile. Xk ???? Grazie mille

  4. Scritto da Sarbu Bogdan

    Salve. Sono un ragazzo ventenne. E vorrei avere delle risposte piu precise . Allora nei ultimi tre mesi , per tre settimane al mese io ero con le placche in gola.. ma il mio dottore mi diceva di prendere antibiottici.. il problema e che dopo aver preso per una settimana gli antibiottici mi padsava il dolore ma in gola mi rimaneva sempre del “giallo”… adesso e da 5 giorni che ho 39 di febbre e sono purè stato al pronto soccorso perché ho le tossile e la farringe infetta.

  5. Scritto da S Desole

    Gentili Signori
    Vorrei un consiglio riguardo a un problema di mia moglie,lei é stata operata al cavo nasale per asportazione del muco persistente,ma col tempo non c’é stato nessun miglioramento ha sempre tosse con riversamento di muco.Adesso il medico Otorino dice che forse togliendo le tonsille il problema si risolve. Vorrei per favore un vostro consiglio in merito.

    Molte grazie.
    S Desole