BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ponte di Gazzaniga come Monterosso: dopo un anno si sistema? fotogallery

Dovevano partire a settembre 2013 i lavori per il cavalcavia che collega gli abitati di Gazzaniga e Cene, scavalcando la provinciale 35. Oggi, a oltre un anno di distanza dal danneggiamento avvenuto il 18 marzo scorso, il problema sembra vicino ad una soluzione.

Forse siamo alla svolta. I lavori di rifacimento del cavalcavia che collega Cene e Gazzaniga potrebbero cominciare a breve: danneggiato più di un anno fa, ha vissuto una storia simile alla vicenda del ponte di Monterosso a Bergamo.

Ecco come andarono le cose: alle 6.30 di lunedì 18 marzo 2013 un autocarro pesante di un’azienda edile di Vertova stava viaggiando in direzione di Bergamo con un escavatore caricato sul cassone. Giunto all’altezza del ponte di Gazzaniga ha urtato con l’escavatore medesimo la struttura del ponte che subito fu chiuso al traffico a causa del danneggiamento dovuto all’urto.

La chiusura è stata totale fino al 3 giugno scorso, dopodiché i tecnici della provincia e i vigili del fuoco, intervenuti sul luogo per un controllo, hanno riaperto il ponte al traffico, regolato da impianti semaforici che da allora consentono di percorrerlo in piena sicurezza.

I lavori di rifacimento del ponte, previsti inizialmente per settembre 2013 dopo l’approvazione della Provincia in data 24 giugno, prevedevano una spesa di 400mila euro. Ma l’ente provinciale, bloccato dal patto di stabilità, ha dovuto rimandare i lavori ad inizio di quest’anno. Il progetto, presentato alle amministrazioni comunali di Gazzaniga e Cene, sta per essere riapprovato in via definitiva e prevede il totale rifacimento del cavalcavia che sarà alzato anche di circa 40 centimetri rispetto alla struttura attuale.

Matteo Azzola

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tex

    se sotto il rondo di monterosso fosse passato il mitico muratore de berghem Bertoldo con ol transit, l’avrebbe già sistemato e fatto una sopraelevata che tagliaba boccaleone, con un bivio per l’aereoperto uno per l’ospedale e prima de serà so ol transit una sopraelevata che arrivava a villa d’almè

  2. Scritto da Flavio

    Patto di stabilità ? Ma non paga l’assicurazione del camion ?
    O forse non era in regola, visto che lo alzano di 40 cm.