BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

be.Beap compie un anno “Restyling filosofico” del sito Internet

La startup nata a Bergamo per dare visibilità agli artisti locali e organizzare diverse iniziative sul territorio compie ufficialmente un anno di vita. Per l'occasione, un rinnovamento del sito web, con l'obiettivo di renderlo più semplice e intuitivo.

be.Beap, startup, nata a Bergamo per dare visibilità agli artisti locali e organizzare diverse iniziative sul territorio, compie ufficialmente un anno di vita. Risale infatti al marzo 2013 la prima “newsletter creativa” costruita dal gruppo.

“Il progetto nasce dall’esperienza di varie persone, ragazzi e amici, in diverse nicchie artistiche – spiega Andrea Lombardi, ideatore della startup –. Frequentando iniziative nella bergamasca in vari ambiti, come musica, teatro, fotografia, cinema, fumetti, letteratura e tecnologia, ci siamo resi conto che, molto spesso, questi eventi non venivano valorizzati o pubblicizzati al meglio”.

È proprio a inizio 2013 che, radunato un piccolo gruppo di interessati, il progetto viene avviato. L’obiettivo è quello di creare un canale di informazione completo, che supplisse alla mancanza di comunicazione e di diffusione delle iniziative sul territorio (che ha sempre creato una certa nomea di Bergamo come città “vecchia”).

Da quel momento, be.Beap è entrato in maniera incisiva e diretta nell’ambiente artistico e culturale della bergamasca, occupandosi della promozione e della comunicazione di eventi anche a livello professionale: ad esempio, curando gli aspetti grafici delle campagne promozionali. In particolare, si sono concentrati in maniera particolare su un evento al mese (a rotazione tra le varie categorie artistiche), seguendolo con report dettagliati, un servizio fotografico e, talvolta, anche con video. Contemporaneamente, i reporters del progetto hanno seguito e curato i resoconti (anche fotografici) di altri eventi ritenuti interessanti e hanno continuato a realizzare la newsletter mensile delle iniziative della provincia.

Ora, a un anno dal lancio ufficiale, i ragazzi di be.Beap hanno deciso di lanciare un sito web rinnovato: “Non si tratta tanto di una revisione grafica – spiega Lombardi -, quanto di un “restyling filosofico”, così lo definirei. Il sito cambia soprattutto nella logica in cui vengono organizzate le informazioni. Abbiamo pensato alle esigenze di chi naviga nel sito e ci siamo resi conto che il tutto poteva essere reso più semplice e intuitivo. Sono stato io a occuparmi del rinnovamento, dato che di lavoro faccio proprio lo sviluppatore web”.

“In questo anno – continua -, ci siamo sentiti molto apprezzati da diverse realtà. A conti fatti, ci definiamo abbastanza soddisfatti, ma restiamo consapevoli del fatto che ci sono un sacco di cose da fare ancora. Per prima cosa, intendiamo raggiungere quante più persone possibile e, per farlo, occorrerà investire in pubblicità, anche sui mezzi tradizionali. Un prodotto cartaceo sarebbe certamente più raggiungibile, ma ci sarebbero dei problemi sia tecnologici che ambientali connessi a quella scelta. Un periodico su carta non può essere continuamente aggiornato e necessita dell’utilizzo di materiali fisici per la sua realizzazione, con un conseguente impatto ambientale. Noi siamo convinti che la scelta dell’online sia la direzione giusta da compiere, anche in vista dello sviluppo futuro”.

be.Beap, a conti fatti, però, non è solo online.

Chi ci lavora è fortemente presente sul territorio e, questo, è dimostrato anche dai banchetti che vengono allestiti in occasione di alcuni eventi della bergamasca.

In questi spazi, i ragazzi del progetto, oltre a lavorare sull’evento stesso, cercano di fare informazione sulle proprie attività.

In questo periodo, per esempio, la “macchina” di be.Beap, composta da giornalisti, esperti di pubblica relazione, fotografi, videomaker e grafici, è tutta in moto per seguire “Domina Domna”, rassegna culturale tutta al femminile, in corso dal 22 al 29 marzo in nove luoghi diversi della città di Bergamo. Il sito lo trovi qui

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.