BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Festa della semina al via “Coltiviamo nuovi diritti” Dibattiti e Ganja al tesoro

“Tossicoindipendenti. Oltre la Fini-Giovanardi: coltiviamo nuovi diritti”: è con questo slogan che si inaugura giovedì 27 marzo la festa della semina 2014 al Pacì Paciana di Bergamo. La tematica antiproibizionista e la libertà di scelta nell'assunzione di sostanze al centro dei dibattiti.

Più informazioni su

Tossicoindipendenti. Oltre la Fini-Giovanardi: coltiviamo nuovi diritti”: si apre con questo slogan la Festa della Semina 2014, dal 27 al 29 marzo al Pacì Paciana di Bergamo.

Tra divertimento e concerti è la tematica dell’antiproibizionismo quella che sta a cuore agli aorganizzatore dell’evento: “Nel febbraio 2014 la legge Fini Giovanardi – si legge – che regolamentava (ma più che altro reprimeva) l’utilizzo delle sostanze in Italia è stata abrogata. Era una legge anticostituzionale, oltre che ingiusta e miope. Non è nostro interesse in questo momento storico discutere cosa sia da considerare una ‘droga leggera’ o ‘droga pesante’: crediamo che un’assunzione consapevole ed informata sia ciò che necessitano le persone che usano sostanze. Siamo liberi di decidere della nostra vita e vogliamo rimanerlo, la repressione feroce di questi anni ha avuto ripercussioni sociali drammatiche, portando migliaia di semplici utilizzatori in carcere o a sanzioni amministrative restrittive e inutili. Non è con la repressione ma con la conoscenza che si dà la libertà di scegliere.

Siamo parte del movimento antiproibizionista, vogliamo affermare un modello dove le persone non sono criminali o tossici ma utilizzatori di sostanze. In questo cambiamento di prospettiva per la società sappiamo che un grosso contributo lo possono dare tutte quelle associazioni e servizi che si occupano di prevenzione e riduzione del danno e che si confrontano con pochi soldi, leggi repressive e numero di utenti (forzati) sempre più in aumento.

Siamo consapevoli che è giunto il momento di agire il cambiamento e superare il proibizionismo, è giunto il momento di andare verso la liberalizzazione e la legalizzazione delle sostanze e andare finalmente oltre la Fini Giovanardi e oltre la Iervolino Vassalli, per rivendicare nuovi diritti”.

Tra biscotti spaziali, green food, materiale informativo e videobox antipro, la festa si aprirà con il dibattito, previsto giovedì alle 20.30, “Pesa di più 1 litro di keta o 1 kg di erba?” in cui si cercherà di capire a livello politico e legale cosa sta succedendo in Italia nel campo dell’utilizzo di farmaci cannabinoidi per la terapia del dolore e dove il movimento antiproibizionista porterà le sue battaglie in questi anni. Se ne discuterà con Domenico Megu Chionetti della Comunità San Benedetto al Porto di Genova, Max Lab57 di Bologna, Frankie Infoshock di Torino e l’avvocato Elia De Caro.

Venerdì 28 marzo alle 23 Bergamoreggae presenta Horace Andy, mentre sabato 29 marzo a partire dalle 15 parte la Ganja al tesoro sulle mura di Città Alta. Alle 20.30 al Pacì Paciana la presentazione del libro “Piccolo atlante storico geografico dei centri sociali italiani” di Claudio Calia, Becco Giallo Edizioni. La festa si conclude alle 23 con Soundsystem Meeting – Prince Healer meets United Roots.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.