BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Doni in campo coi bimbi “Chi sbaglia può insegnare molto più dei moralisti” fotogallery

L'ex fantasista nerazzurro allena i bambini della "Football Accademy" ideata e organizzata da Serse Pedretti: "Cristiano è un caro amico e si merita questa seconda possibilità. Ha accettato con grande entusiasmo".

Cristiano Doni è di nuovo in campo. Niente calcio giocato, niente partitelle con gli amici del Bar Savoy: l’ex fantasista nerazzurro ha iniziato da una settimana una nuova avventura, quella che lo vede negli inediti panni dell’allenatore dei bambini.

L’appuntamento è per il giovedì pomeriggio sui campi in erba sintetica di Orio al Serio. E’ qui che la scuola calcio "Football Accademy", ideata e organizzata dalla Onis di Serse Pedretti e dalla Isper, permette a venti piccoli calciatori di scendere in campo guidati da allenatori di "prima scelta": da Oliviero Garlini a Fabio Gallo, da Eligio Nicolini a Giacomo Ferrari. Senza dimenticare Doni, che a Bergamo oggi è ricordato per la triste pagina del calcioscommesse che, poco più di due anni fa, ha messo la parola fine alla sua gloriosa carriera che l’aveva portato a diventare un simbolo per i colori dell’Atalanta e per la città di Bergamo. "Ma una seconda possibilità – ha commentato Pedretti – non la si nega a nessuno. Tanto meno a un grande amico, qual è Cristiano per me, che sul campo ha dimostrato di essere un grandissimo. E’ vero, dopo le gioie e le emozioni mi ha regalato anche una grande delusione, non lo posso negare. Ma sono convinto che abbia più cose da insegnare chi ha sbagliato rispetto a chi fa il moralista di mestiere. E Doni, come si può vedere, sta pagando in silenzio per i suoi errori".

Pedretti ci tiene a mettere delle cose in chiaro: "Questa scuola calcio per me è un grande investimento dal momento che nessuno dei bambini paga un solo euro e campo, divise, palloni e allenatori vengono forniti a spese delle Onis e della Isper. Anche gli ex calciatori che hanno deciso di seguirmi in questa avvetura non prendono nessuno stipendio – ha continuato -, sono qua per amore e passione. Così come Cristiano, che ha subito accettato la mia proposta con grande entusiasmo. I genitori? Sono contenti di vedere i loro figli accanto a un grande campione. Purtroppo devo constatare che sta facendo notizia molto più la presenza di Doni a Orio al Serio rispetto all’amichevole organizzata dal Berghem Soccer Team e dal Bergamo Calcio a 5 contro l’Alzheimer. Ma lo sapevamo, per questo ci siamo messi in gioco tutti, il sottoscritto come Cristiano che, a parer mio, ha tanto da insegnare a questi bambini".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da immagino

    immagino che senza la vicenda calcioscommesse sarebbe andato a metter giù i cinesini ai bambini..sicuramente..ci ha preso in giro nel 2001, l ha rifatto dieci anni dopo e continuerà sempre a farlo ..l’ importante è non cascarci sempre però.

  2. Scritto da MARCO C.

    Ha pagato, ora d’accordo o no può vivere questa nuova avventura tra la gente che lo ha osannato. Sicuramente in queste nuove vesti può trasmettere la tecnica di cui nessuno può obbiettare, quale campione calcistico che fu. Ora umanamente spero lo lascino lavorare e vivere in pace. Lo capirà se non lo ha capito che i bergamaschi hanno un cuore grande.

  3. Scritto da uno qualunque

    La cosa che trovo più sbagliata è continuare ad accendere i riflettori su questa persona. Ha sbagliato, è stato punito dalla federazione, ha mentito alla città..Se non infrange nessuna regola, fatti suoi, della società e dei genitori dei bambini. Magari hanno veramente ragione loro a concedergli una seconda possibilità e lui potrà dare tantissimo e “redimersi”. Non sta a noi giudicare. Ma a livello mediatico che sia ignorato. Secondo me gli farà soltanto bene Per me ormai è 0.

  4. Scritto da roberta

    Dargli una seconda possibilità? Certamente. Prima però diamo la PRIMA possibilità a tutti quelli che non l’hanno avuta; soltanto DOPO daremo la seconda possibilità a Doni e a tutti quelli che hanno scelto di compiere il male

  5. Scritto da Mario

    tanti Altri giocatori hanno sbagliato…e NON HANNO PAGATO la loro disonestà, Cristiano Doni, ha pagato e sta pagando ancora, Lasciamolo allenare in pace, sicuramente è molto pentito, penso che ha Bergamo Gli Vogliano bene, ancora in Tanti,

  6. Scritto da Marco

    Da tifoso l’ho amato profondamente, è stato il giocatore simbolo del Concetto di Atalanta, non ho visto molti fenomeni in 28 anni di Dea, ma mi bastava vedere lui, poi è successo quello che tutti sanno e quell’amore è stato tradito. Non riuscirò mai ad odiarlo ma come a volte succede nei rapporti amorosi, lo ignoro completamente, per me è un fantasma che cammina.

  7. Scritto da dancar

    premetto che sono atalantino da sempre. con la vicenda calcioscommesse Doni mi ha deluso enormemente,come atalantino,come sportivo e come uomo. però sta pagando i suoi errori e io lo perdono. si sta ricostruendo una vita, è ora di smettere di attaccarlo e dargli un’altra possibilità, ha molto da insegnare, quanto meno calcisticamente parlando, ai bambini. bravo Cristiano, così come bravi Garlini Nicolini ecc…

    1. Scritto da Luigi

      Di preciso, cosa ha pagato?
      Lo stipendio lo ha ricevuto comunque e non ha dovuto restituire una lira. La carriera era praticamente finita, quindi la radiazione non ha avuto chissa’ quale effeto. In carcere non e’ andato, e’ uomo libero e pieno di soldi in un paese libero. Sicche’ ripeto la domanda, cosa ha/sta pagato/pagando?

      1. Scritto da GL76

        Concordo. Mi sembra che al di la dello sputtanamento mediatico non abbia pagato un bel nulla. Niente carcere, carriera ormai al termine, la società che lo pagava lo stesso nonostante tutto. Avrebbe pagato (forse) se avesse confessato fin da subito la partita venduta del 2001. Invece no, ha preferito professarsi innocente, esibire la sua “testa alta”, e una volta accusato (e recidivo) fare scendere in piazza un città in sua difesa, quando invece era tutto vero.

        1. Scritto da dancar

          non vedetela solo dal lato prettamente economico, i soldi di sicuro non gli mancano. di sicuro, senza squalifica, avrebbe fatto ancora uno o due anni come giocatore e poi altri anni come dirigente restando l’idolo dei tifoso atalantini. sta pagando a livello morale. ripeto, per me, giusto dargli una possibilità per riscattarsi e rifarsi una vita senza dovere essere sempre insultato.

  8. Scritto da dario

    io sto con Doni ….106 goal non li fai combinando le partite !
    La doppietta all’inter di Mourigno ecc…sono prodezze di un grande giocatore !!
    E poi in quelle storie mi sa ho la sensazione che c’erano dentro tutti ,solo che per le grandi c’è un altro trattamento ……

  9. Scritto da Fulvio

    Primo aspetto positivo ed educativo nei confronti dei bambini, il fatto che si sia tagliato i capelli!! Non vedo nulla di deplorevole nel suo nuovo incarico, meglio che vederlo perdere tempo tra “donnine” nel locale spagnolo….=Non si cada però nel buonismo a tutti i costi, ha commesso reati gravi che hanno danneggiato la sua squadra e città, non dimentichiamolo mai.

    1. Scritto da gigi

      pare che Gesu’ Cristo avesse i capelli lunghi

      1. Scritto da uno qualunque

        Epic win.

  10. Scritto da nino cortesi

    Ottima scelta.

  11. Scritto da il polemico

    la cosa piu assurda,è che doni viene attaccato da tifosi della squadra che doni ha aiutato facendo ottenere delle vittorie in anticipo..

    1. Scritto da Sergio

      Forse perché un vero sportivo non sa che farsene delle vittorie truccate, ed anzi, se ne vergogna? Non ti viene questo dubbio?

      1. Scritto da uno qualunque

        Quoto.

      2. Scritto da solodea

        E’ sicuramente stato un bel giocatore meritevole della massima serie, e questo non lo si può negare. Ha sbagliato come uomo (perché non ne aveva bisogno), sia nei confronti di tutta una città con i suoi tifosi, sia nei confronti delle persone che gli stanno accanto nella vita quotidiana e che sicuramente ha messo a disagio (penso alla figlia), ma una seconda occasione la si deve riconoscere a tutti e di questo lui ne dovrebbe e ne terrà sicuramente conto. Tanti auguri al suo futuro.

      3. Scritto da il polemico

        si,ma se le vittorie truccate ti portano i punti promozione?se fosse come dici tu,si dovrebbe far retrocedere la squadra in serie b perchè ha ottenuto la serie a illegalmente,poi vediamo la sportività dei tifosi

        1. Scritto da daniele

          lei non ci credera’ ma tanti tifosi preferirebbero la b a una promozione non meritata,il bello di tifare Atalanta e’ anche questo.Sarebbe altrimenti piu comodo per noi tifare altre squadre.

        2. Scritto da Sergio

          Non credo che Armstrong abbia ancora qualche tifoso, anche se ha vinto più tour di tutti e anche se sponsorizza battaglie anticancro…. Sarà un mecenate per la ricerca (giù il cappello) ma nessuno più lo vuol vedere in bici….