BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Per gli 80 anni del “Bigio” San Pellegrino festeggia i suoi biscotti artigianali fotogallery

Storica pasticceria di San Pellegrino, il Bigio festeggia 80 anni all'insegna di tradizione e innovazione con il frollino al burro simbolo della pasticceria.

Festeggia quest’anno 80 anni di attività la storica pasticceria Bigio, nata a San Pellegrino nel 1934 e diventata famosa per le sue brioches, la dolce polenta uccelli e per gli speciali biscotti di San Pellegrino.

Nata dalla passione per i dolci di Luigi Milesi, detto il Bigio, situata inizialmente in Piazza Marconi, verrà successivamente spostata in Via Papa Giovanni dove diventerà punto di ritrovo per tutta la valle.

Verso la fine degli anni 70 il figlio Giuseppe inaugura un hotel a tre stelle, insieme alla moglie Teresa Marinetti, battezzato con il nome Bigio in onore del capostipite della famiglia Milesi che con la sua nobiltà d’animo ha saputo rappresentare l’intima essenza e il carattere della gente della terra bergamasca.

Inizialmente era aperto solo nella stagione estiva per ospitare i turisti in vacanza nella valle, da qualche anno invece è possibile soggiornarci in tutte le stagioni e numerose aziende locali ne fruiscono come punto di ristoro per i soggiorni di lavoro.

Nel 2000 l’azienda si espande sempre di più arrivando ad aprire il ristorante che insieme all’albergo, alla caffetteria e alla pasticceria propongono un mix di tradizione e di innovazione che fanno breccia nel cuore degli affezionati clienti.

Offrono una cucina curata nei dettagli con piatti che privilegiano i prodotti locali, preparati dallo chef Pierluigi, marito di Francesca, aiutato da Manuel Pianetti e Giamprimo Milesi, coadiuvato dagli stagisti della Scuola Alberghiera di San Pellegrino.

Il ristorante propone ai clienti un menu a mezzogiorno per i pranzi di lavoro a prezzo fisso e la sera, invece, il menu è alla carta e a prezzo fisso di €25 con primo, secondo, contorno e dessert. 

Il prodotto che ancora oggi continua ad essere il trascinatore dell’azienda è il frollino al burro che prende il nome dalla pasticceria, sempre tradizionalmente preparato artigianalmente che da qualche anno è facilmente trovabile nelle grandi catene di supermercati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.