BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Con un colpo di balestra uccise un cane: denunciato bergamasco

Nel corso delle attività di tutela degli animali, gli Agenti del Corpo Forestale dello Stato del Comando Stazione di Clusone e del NIRDA provinciale hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria una persona per l’uccisione di un cane maschio, meticcio, dell’età di circa 10 anni, con il dardo scoccato da una balestra

Una persona denunciata per aver ucciso un cane con una balestra. Nel corso delle attività di tutela degli animali, gli Agenti del Corpo Forestale dello Stato del Comando Stazione di Clusone e del NIRDA provinciale (Nucleo Investigativo del CFS specializzato nei reati in danno agli animali) hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria una persona per l’uccisione di un cane maschio, meticcio, dell’età di circa 10 anni, con il dardo scoccato da una balestra.

Il fatto, avvenuto in modo cruento nello scorso mese di febbraio a Castione della Presolana, è stato confermato in questi giorni in seguito alla conclusione delle indagini effettuate dalla Forestale che dapprima aveva sottoposto la carcassa agli esami anatomopatologici all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale Sezione di Bergamo e successivamente avevano eseguito una perquisizione, disposta dal PM della Procura della Repubblica di Bergamo, Dr.sa L. Ruggeri, all’interno dell’abitazione di una persona sospettata, ove è stata trovata la conferma della compatibilità del dardo scoccato da una balestra o da una arco detenuti dall’indagato con le ferite mortali sul cane.

Balestra, arco e dardi sono stati sequestrati in quanto, se non utilizzati a scopo sportivo, costituiscono strumenti (armi improprie) atti ad offendere come è poi avvenuto nel fatto riscontrato. La Forestale ha denunciato a piede libero l’autore del fatto, un 46enne del posto, per uccisione con crudeltà e senza necessità di un animale, reato previsto dall’art. 544-bis del Codice penale per il quale rischia la reclusione fino a 18 mesi. L’ultimo caso del genere era avvenuto nel dicembre 2012 a Parre quando era stata denunciata una persona per aver ucciso un cane a martellate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paola

    Penso che se un cane tirasse un dardo al mio vicino di casa mi indignerei moltissimo!!!!!!!

  2. Scritto da ulissebg

    non li mettono per gli assassini che poi sistematicamente son a piede libero dovrebbero metterla di questo che ha ucciso un cane? ma tornate un attimo a bolla tutti….deve pagare per quello che ha fatto e una rieducazione pro bono in un canile non sarebbe male come idea…ma piantatela di fare gli animalisti duri e puri che si indignano piu per la morte di un cane che quella del vostro vicino di casa….

    1. Scritto da er lupo

      mi hai letto nel pensiero, pienamente d’accordo.temo che nel prossimo futuro avranno piu’ diritti i cani degli essere umani…

  3. Scritto da bergamotto

    Non sono ottimista riguardo al processo: si può dimostrare che il dardo che ha ucciso il povero cane è compatibile con quelli posseduti dall’ “uomo”, ma è difficile dimostrare che sia stato lui l’ autore, a meno di testimoni del fatto.

  4. Scritto da lia marta

    la foto nel giornale per favore !!!! grazie alla forza del ordine per aver fatto chiarezza, deve scontare la pena, si non cè posto in carcere per 18 mesi lavorare nel canile , chiaramente sorvegliato!!!è sempre un criminale

  5. Scritto da Paola

    Nome cognome via del 46enne e foto sul giornale!!!!! La privacy solo x gli uomini………

    1. Scritto da Marco

      Giusto.nome cognome e foto così l’eroe può essere riconosciuto dai suoi concittadini…..