BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anche Bolgare contro Orio “Per la nostra sicurezza basta voli fuori rotta”

Dopo le proteste del comitato di cittadini di Colognola, questa volta ad alzare la voce è un gruppo di cittadini di Bolgare. In particolare contro i voli fuori rotta, ritenuti pericolosi per il paese della Bassa. Per far sentire le loro ragioni i bolgaresi hanno scritto una lettera al Prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino

Anche Bolgare all’attacco dell’areoposrto Il Caravaggio di Orio al Serio. Dopo le proteste del comitato di cittadini di Colognola, riuniti nell’associazione "Colognola per il suo futuro", contro l’eccessivo numero di voli e le conseguenti ripercussioni a livello ambientale, questa volta ad alzare la voce è un gruppo di cittadini di Bolgare. In particolare contro i voli fuori rotta, ritenuti pericolosi per il paese della Bassa. Per far sentire le loro ragioni i bolgaresi hanno scritto una lettera al Prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino, in cui chiedono un pronto intervento per limitare questa situazione. 

Ecco il testo della lettera inviata:

Oggetto: Voli fuori rotta in territorio di Bolgare – BG

Ill.mo Prefetto con la presente sono a segnalare i continui e frequenti voli fuori rotta degli Aeromobili in territorio di Bolgare nella part sud della A4, in fare di atterraggio all’Aeroporto di orio al Serio.

Il Comune di Bolgare non rientra nel viale di atterraggio dei suddetti Aeromobili nella parte sud della A4, rientra solamente nella parte nord della predetta A4, come previsto dal piano ENAC.

Che il Comune di Bolgare, non ha il piano di Emergenza in caso di eventuali incidenti dei suddetti Aeromobili.

Che l’Aeroporto di Orio al Serio è dotato di radar per la tracciatura dei voli anche quelli fuori rotta.

Con la presente chiedo:

Che vengano rispettate le normative vigenti e disposizioni del caso, per la tutela della salute pubblica dei Bolgaresi;

Che vengano reso pubblico l’elenco dei voli fuori rotta;

Che vengano sanzionate le compagnie che violano le suddette disposizioni, come previsto dalla normativa ENAC.

Con osservanza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo

    Ora va tutto bene con il nuovo aeroporto Il Caravaggio sopra le nostre teste?

  2. Scritto da Mario

    Confermo il volo fuori rotta, Compagnia WIZZ volo W2229E, in ritardo sulla tabelle bi marcia arrivo previsto ore 12.10 arrivato ore 12.22 del 25.03.2014

  3. Scritto da marco

    Le rotte in salite devono essere solo verso ovest ( Colognola Azzano) e verso est ci devono esser le discese, come è sempre stato, non è possibile cambiare a piacimento le rotte, l’aereoporto è già oltre il massimo della sua potenzialità!!C’è chi ha comperato casa a Bolgare o a Calcinate per non avere rotture e adesso si ritrova aerei a destra e a sinistra, ma questa è l’Italia, ma il ministero dell’Ambiente permette ste cose? Un appello ai nostri politici!!!!

    1. Scritto da D.D.

      Pessima battuta da giornalista. E chi ha acquistato casa ad Azzano prima del 2009 quando con inganno è stata cambiata la rotta di decollo direzione Ovest? Unica soluzione è evitare la lotta tra poveri e senza aumentare i decolli, riutilizzare la vecchia rotta di decollo, certamente più sicura, abbandonando la virata anticipata a bassissima quota! ………inoltre…come è sempre stato…è veramente falso. Dal 2009 grazie all’assessore all’ambiente Bandera è iniziato l’inferno!

      1. Scritto da marco

        riconfermo quanto indicato sopra nella mia precedente altro che 2009!

        1. Scritto da Anna

          Prima affermi “…come è sempre stato…” e poi ti contraddici con “…altro che 2009…” Ci sei o ti fai, assomigli ad Andrea il mancato ingegnere! La guerra tra i poveri non produce nessun valore aggiunto, la riapertura della vecchia rotta invece serve a migliorare la sicurezza e diluire l’eccessivo e lesivo disagio. Non credere che il nuovo ospedale sia l’impedimento, la rotta è stata cambiata per un maggior consenso politico, e questo lo hanno capito tutti, ovviamente.

          1. Scritto da marco

            le vecchie rotte sono quelle che gli arei scendono da est e salgono da ovest. punto. non c’è nessuna guerra dei poveri. ed è ora di finirla

        2. Scritto da D.D

          Riconfermo la tua pessima battuta! Inoltre ribadisco che affermare “come è sempre stato” è assolutamente falso visto e considerato che per quanto riguarda Azzano SP è soltanto dall’anno 2009 con inganno che è stata cambiata la rotta di decollo direzione ovest. Riutilizzare la vecchia rotta porterebbe ad un miglior bilanciamento dei disagi ed eviterebbe la pericolosissima virata a bassissima quota che porta gli aerei a meno di 130 metri sopra le case degli Azzanesi!!!

          1. Scritto da marco

            allora riequilibriamo anche tutte le discese!!!!!!!!!!!!!!!!!!! tutte da bolgare scendono !!!!!!! altro che 100 metri sopra il cielo!!!! nessuno è fessooooo!!!!

    2. Scritto da D.D.

      Pessima battuta da giornalista. E chi ha acquistato casa ad Azzano prima del 2009 quando con inganno è stata cambiata la rotta di decollo direzione Ovest? Unica soluzione è evitare la lotta tra poveri e senza aumentare i decolli, riutilizzare la vecchia rotta di decollo, certamente più sicura, abbandonando la virata anticipata a bassissima quota! ………inoltre…come è sempre stato…è veramente falso. Dal 2009 grazie all’assessore Bandera è iniziato l’inferno!

      1. Scritto da MARIA

        È proprio vero, dall’anno 2009, l’assessore bandera ha imposto l’anticipo della virata creando una costante sensazione di pericolo ad Azzano San Paolo e Colognola. Il riutilizzo della vecchia rotta porterebbe ad alleggerire il grave disagio e pericolo che devono subire giornalmente e ripetutamente tutti i cittadini che abitano nei pressi dell’aeroporto di Orio.

  4. Scritto da Andrea

    tutti quelli che commentano sono controllori di volo? avete una MINIMA idea di cosa ci sia dietro una rotta di decollo o di atterraggio? o parlate tanto per?

    1. Scritto da Mario

      C’è un regolamento e va rispettato, si può capire in certe situazioni tempo avverso ma, che non sia di tutti i giorni…Se fai il controllore di volo e sei pagato per farlo….fallo nel modo giusto…

    2. Scritto da usiamo il cervello

      Se vuole glieli facciamo vedere i tracciati radar degli aerei, così se ne fa una ragione ed evita di sproloquiare a vuoto…

      1. Scritto da Andrea

        conosco i tracciati radar e conosco le carte per gli atterraggi strumentali, grazie :)

        1. Scritto da Fata turchina

          Visto che asserisci di conoscere i tracciati radar e le carte per gli atterraggi strumentali, ci fai la cortesia di comunicarci anche soltanto le loro sigle, così da verificare se veramente ne sei a conoscenza, o come è tuo solito parli a sproposito… Ingegnere Andrea…attendiamo tue!

      2. Scritto da Mario

        Se ci sono i tracciati radar, mi può spiegare il perchè gli aeromobili passano sorvolano Bolgare addivando da Palazzolo sull’Oglio sfiorando Telgate e non come da regolamento ENAC…viale di avvicinamento Montichiari….Grumello a nord della A4 e proseguendo sorvolando Chiuduno dove c’è la centralina di rilevamento e proseguendo diritti fino all’atterraggio sempre anord della A4?

      3. Scritto da Mario

        Pubblichiamoli allora….trasparenza e poche chiacchere…Indica un sito dove controllare. Grazie

        1. Scritto da Andrea

          ne esistono tanti, uno a caso flightradar24

          1. Scritto da Mario

            Grazie Andrea, sto già monitorando la zona!!!

          2. Scritto da Annalisa e Franco

            Ma se tutti sono a conoscenza che i tracciati di decollo ed atterraggio di FlightRadar NON SONO PRECISI, proprio per motivi di sicurezza. Come è possibile che ancora qualcuno sia così ingenuo e ignorante. Vi basterebbe confrontare un qualsiasi tracciato del sito FlightRadar con un volo reale per verificare le differenze e le inesattezze! E’ troppo evidente che se date retta ad Andrea, vi troverete a combattere contro i mulino a vento! Troppo ridicolo.

          3. Scritto da Andrea

            infatti conviene dare retta a tutti gli altri che sanno di cosa parlano!

          4. Scritto da Franco e Mara

            A noi Azzanesi basta alzare lo sguardo per vedere gli arei in decollo a bassissima quota sopra le nostrr case, e confrontando le rotte indicate da flightradar troviami significative differenze di posizione. Mi viene da pensare che proprio tu Andrea non sai di cosa stai parlando.

  5. Scritto da Danilo

    Voli fuori controllo: caspita anche ad Azzano San Paolo durante la fase di decollo giornalmente diversi voli fuori controllo ad una altezza da terra di meno di 130 metri sorvolano le nostre case mantenendo alto e costante il senso di pericolo. Giornalmente aerei a bassissima quota di sorvolo e in virata, ci rendono la vita difficile. Chi ha deciso questo pericolosissimo anticipo della virata in fase di decollo direzione Ovest ?!? Cosa si aspetta il disastro! VERGOGNA.

    1. Scritto da marco

      Facciamo cambio, li facciamo atterrare dalla vostra parte visto che continuate a lamentarvi, noi a bolgare per colpa dei casini sulle rotte, li becchiamo in discesa e pure in salita. Che geni che siete!!!

    2. Scritto da Andrea

      “diversi voli fuori controllo”, “altezza da terra di meno di 130 metri”…ma quando scrivete certi commenti siete sobri???

      1. Scritto da Davide

        Andrea hsi detto di conoscere i piani di volo, quindi dovresti essere a conoscenza della quota di sorvolo delle case di Azzano che è minore di 130 metri dal suolo! Ti contraddici troppo e troppo spesso. Inoltre i voli fuori controllo sono annotati nel libro “voli anomali” da parte dell’amministrazione comunale!

  6. Scritto da Andrea

    si vede che siamo vicini alle elezioni…

    1. Scritto da mario

      Chi ha scritto al prefetto è un cittadino qualsiasi e non centra nulla con le elzioni…

  7. Scritto da Arturo

    Vi rendete conto di essere strumentalizzati da coloro che la struttura aeroportuale la vorrebbero?vio rendete conto che non siamo più all’età della ppietra?Vi rendete conto che sono molti di più gli incidenti in auto e moto(anche grazie a tutti gli extra che girano senza patente)?Vi rendete conto che a Bolgare hanno fatto più danni le risse degli indiani degli aerei?

    1. Scritto da gigi

      Arturo, ma che stai a di? Se si lamenta uno di Bolgare forse vuol dire che il problema ambientale di un aeroporto in mezzo alla città esiste (lo ha detto persino Radici!!). Vuoi veder che i tedeschi che hanno chiuso Berlino Tempelhof (che aveva meno problemi di Orio) per farne uno a 30 km, che hanno vietato i voli notturni a Francoforte, sono tutti dei cavernicoli? E poi non sapevo che gli indiani inquinano più degli aerei….

      1. Scritto da Andrea

        invece di parlare a caso, si informi sulla fine che sta facendo il nuovo aeroporto di berlino…

        1. Scritto da gigi

          si vede che Berlino vive bene anche senza aeroporto. Per intanto in città ci hanno fatto un parco… Già, ma loro sono trogloditi, mica come Lei che è sempre così informato…

          1. Scritto da Andrea

            infatti lei ha chiesto a tutti gli abitanti di Berlino e non se serve un aeroporto a Berlino

      2. Scritto da Marie Antoinette

        Fantastico… con l’autostrada A4 rifatta utilizzato rifiuti tossici – roba da terra dei fuochi – c’è ancora qualcuno che si preoccupa dell’aeroporto di Orio. Che tristezza le strumentalizzazioni pre-elettorali.

        1. Scritto da G76

          Non capisco la logica della sua osservazione. Credo si stia riferendo al caso di Castegnato emerso di recente.
          In realtà ci dobbiamo preoccupare delle scorie sotto l’A4, dei terreni inquinati dagli stabilimenti industriali, delle discariche abusive con rifiuti tossici, e sicuramente anche del traffico oltre i limiti consentiti di aeroporti come Orio, visto che il cherosene combusto dei suoi 180 aerei al giorno lo respiriamo tutti noi.

  8. Scritto da stefano

    saranno 15 comuni che non vivono come dovrebbero per colpa dell’aeroporto! Organizziamo una bella manifestazione direttamente là che dia più visibilità al disagio che viviamo ogni giorno!

  9. Scritto da Luciano Avogadri

    Mi sfuggono i motivi della sicurezza. Quanti aerei sono caduti a Orio negli ultimi vent’anni?

    1. Scritto da aris

      meno ne son caduti prima e più ne partono ora, più aumentano le probabilità che succeda. E’ statistica. Facciamo debitamente le corna, ma meglio prevenire che aspettare il disastro, allontanado tutti gli aeroporti (incluso Orio) dai centri abitati: e cmque l’ inquinamento ambiente ed acustico sono una causa perturbante e invalidante per tutti i comuni sorvolati e vicini, specie per i bambini e ragazzi

      1. Scritto da Marie Antoinette

        Gli aerei non cadono solo in fase di decollo o atterraggio. Con questa filosofia dovremmo impedire l’utilizzo di qualsiasi mezzo di trasporto. No, non è fattibile. Rassegnatevi.

        1. Scritto da G76

          In realtà gli incidenti più comuni si registrano proprio durante la fase di decollo o di atterraggio. Ci sono incidenti anche durante il volo, ma con minor frequenza, e quasi sempre su aree non urbanizzate. Mentre i decolli e gli atterraggi di Orio sono concentrati tutti sullo stesso territorio circostante la pista. Veda qui:
          http://www.planecrashinfo.com/images/phase%20flight.jpg

    2. Scritto da Mario

      Per non parlare del carburante che in fase di atterraggio gli aeromobili scaricano a terra, su terreni coltivati anche ad orto…se questo non è legato alla salute pubblica…

      1. Scritto da Andrea

        la sua auto scarica fiori?

        1. Scritto da G76

          Credo che l’auto di Mario rilasci CO2, proprio come la sua e la mia. Ma la mia auto emette 90 gr/km di CO2, un 737 qualcosina in più… e non sono proprio dei motori Euro5… Inoltre la nostra auto si ferma quando viene ordinato il blocco del traffico, gli aerei di Orio no.

    3. Scritto da Mario

      Per non parlare del carburante che in taluni casi scaricano in fase di avvicinamento e prima dell’atterraggio. Cosa non da poco gli effetti sulla salute pubblica e su terreni “coltivati ad orto”.

    4. Scritto da Mario

      Dobbiamo sempre aspettare il disastro, non è meglio prevenire che curare? Ne va della salute dei cittadini e non solo per gli interessi del caso.

    5. Scritto da maria

      premesso che secondo un’indagine della Boeing l’80% degli incidenti avviene entro due minuti dall’atterraggio o tre minuti dal decollo. Con conseguenze dunque gravi per i centri abitati vicini agli aeroporti.
      L’ultimo incidente ad un cargo è avvenuto il 31 ottobre 2005 proprio mentre decollava … http://archiviostorico.corriere.it/2005/ottobre/31/Aereo_cargo_precipita_durante_decollo_co_5_051031001.shtml

    6. Scritto da Ezio

      Se non ricordo male, nel 2004/2005 era caduto un cargo subito dopo il decollo.

    7. Scritto da wiw

      Veramente geniale. Bisogna aspettare il disastro? Perfettamente italiana (in senso peggiore) questa mentalità

    8. Scritto da riccardo

      31/ott/2005 – BERGAMO – Un aereo cargo è precipitato poco dopo il decollo da Orio al Serio in un campo tra Azzano San Paolo e Grassobbio.

      1. Scritto da WALTER

        Conclusioni: fine 2005 non c’erano cosi tante case ad Azzano e Grassobbio se no, era un disastro; saranno state costruite dopo?
        La crescita di Orio é cominciata nel 2004 (arrivo di Ryanair) dunque?

        1. Scritto da aris

          si infatti sino al 2004 si viveva tutti sulle palafitte e nelle caverne, Azzano e Grassobbio erano deserte, solo campi. La differenza è che tanti ne sono usciti e civilizzati, tu sei ancora lì. Anche a Bergamo c’era solo la parte alta, vero? Se usiamo la tua teoria e la applichiamo allo stadio, perchè questo DEVE essere spostato? C’ era sì lo stadio prima delle case. Ah no, quello serve a far lavorare qualche costruttore….indoviniamo chi

  10. Scritto da Franco

    giusto ieri verso le 17 in fase di decollo un aeromobile e’ passato sopra bolgare sfiorando il campanile della parrocchia.

    1. Scritto da Ezio

      Aerei di linea in decollo che sfiorano il campanile di Bolgare? Deve essersi schiantato subito dopo. :)

  11. Scritto da mario

    Basta guardare una cartina. La rotta di atterraggio che meno incide sul territorio e’ quella proprio sopra la A4. Diversamente gli aerei dovrebbero passare a nord proprio sopra il centro di grumello del monte o a sud sopra telgate. Dopo questo tratto dovrebbero correggere la rotta restando a nord del sedime aeroportuale sino ad Orio.

    1. Scritto da Ezio

      Venendo da Brescia, gli aerei in atterraggio li ho sempre visti a nord della A4 a partire da Ponte Oglio.

    2. Scritto da Marco

      Vogliamo parlare anche dei voli in salita, li stanno facendo passare ancora su Bolgare e sull’ospedale di Calcinate!!!!!!! Credo che nessuno abbia un piano di emergenza, nè Bolgare nè Calcinate!!!