BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La mania di fotografare i piatti divide gli chef Tu con chi stai? Vota

Secondo Davide Oldani "per alcuni clienti la foto del piatto rappresenta un passaggio fondamentale della cena", diventando una sorta di biglietto pubblicitario per il locale. Ma c'è chi, come Rocco Iannone, lo vieta nel suo ristorante: "Perché la cucina è una cosa seria". Tu con chi stai? Vota il sondaggio.

Più informazioni su

Passione per la cucina e smartphone vanno sempre più a braccetto. E’ la carica dei "porn food", come qualcuno ha voluto definire quel "piccolo" gruppo di 12mila persone che ogni volta che mangia non si dimentica di scattare una foto alla pietanza che si trova davanti. Una mania che sta contagiando ogni giorno sempre più utenti di Instagram ma che non piace proprio a tutti: gli chef italiani, infatti, sono divisi sull’argomento. C’è chi come Rocco Iannone, chef del ristorante "Pappacarbone" di Cava de’ Tirreni, non vuol sentir parlare di scatti ai suoi piatti "perché la cucina è una cosa seria" e chi, come Stefano Capelli, uno dei tre soci del famoso ristorante Lattughino di Milano, vede la cosa come "un’importante fonte di pubblicità per il locale". C’è poi Davide Oldani che, dopo un’iniziale "allergia" al porn food si è dovuto ricredere, ammettendo che "la cosa non dev’essere per forza vista come una mancanza di rispetto verso il cuoco. Tanti clienti – ha spiegato lo chef del D’O di Cornaredo – vivono la foto al piatto come un passaggio fondamentale della cena. Se è questo che gli piace, che lo facciano pure". E, infine, c’è l’esempio di Bob Noto, tra i più famosi fotografi di food del mondo, che regala ogni giorni sui suoi canali social ottimi consigli per continuare a scattare foto ai piatti senza diventare impopolari tra chef e camerieri: "E’ sempre utile chiedere il permesso ed evitare di usare il flash. E ricordarsi di fare il bilanciamento del bianco: gli scatti, così, migliorano immediatamente".

Tu da che parte stai? Ami fotografare i piatti prima di iniziare a mangiare o trovi che sia una mania stupida? Commenta e vota il sondaggio QUI.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lumia 920

    Dico e sentenzio che c’è libertà di fare come si vuole. Inoltre,
    nessun cuoco ha l’autorità di vietare questo. Io gli ritirerei i ristorante.

  2. Scritto da Selene

    Non sono d’accordo su questa mania di fotografare ogni cosa! E’ solo un altro tentativo per fermare il Tempo ,e’ un segno della paura enorme che abbiamo di affrontare la consapevolezza che c’è’ una Fine

  3. Scritto da nino cortesi

    Comunicare sempre, tutto.